MindFul eating – mangiare consapevolMENTE!

A Parma la  Dott.ssa Lara Ferrari Psicologa e Psicoterapeuta ci racconta il  Mindful Eating attraverso approfondimenti e domande specifiche, con l’occasione le abbiamo chiesto anche consigli per #PIZZAECURVE!!

Mindful-Eating-650px-1-620x439

Mindful Eating un modo di mangiare che ci aiuta a fare pace con il cibo ed il nostro corpo

Relazione con il cibo e benessere
Essere attenti a quello che si mangia è ormai un atteggiamento molto diffuso. L’enfasi con cui nella nostra società si parla alimentazione e dieta, assieme ai canoni perfezionistici di bellezza sempre più diffusi ed imperanti ci stanno però portando a sviluppare una relazione ansiosa con il cibo, allontanandoci da un rapporto genuino ed immediato con il nostro corpo ed i suoi bisogni e spingendoci verso atteggiamenti rigidi, perfezionismo e ricerca del controllo.
Inoltre, il nostro stile di vita attuale è sempre più veloce ed intenso ed anche il momento del pasto il più delle volte è frettoloso. Si mangia spesso in modo automatico, senza quasi rendersi conto di cosa, quanto e come si stia mangiando. Si mangia di fretta, chiacchierando con qualcuno, oppure leggendo qualcosa, controllando le notifiche sul telefonino, guardando la televisione o seguendo i propri pensieri…
In tutte queste situazioni non si presta attenzione all’esperienza che si sta vivendo.
Non soltanto, qualche volta può anche capitare di non sapere perché si stia mangiando, se per necessità del corpo, per abitudine, per gestire lo stress o emozioni difficili, per noia o altro… Al di là di conclamati Disturbi del Comportamento Alimentare, sempre più diffusi, sono molte le persone che soffrono di episodi di Emotional Eating (fame nervosa) e che hanno una relazione con il cibo ed il proprio corpo difficile e dolorosa.

felicita-degli-amici-che-gode-del-concetto-di-cibo-di-dinning_53876-72932

Che cos’è la Mindful Eating
La Mindful Eating non è una dieta, non ti dice cosa e quanto mangiare.
È piuttosto un modo di vivere la relazione con il cibo basato sulla consapevolezza, che si sofferma quindi sul come mangiare. Vivere il momento del pasto in modo consapevole porta innumerevoli benefici e, per farlo, il primo passo è ascoltarsi.
Ascoltare il cuore, la mente e il nostro corpo.
Mangiare in modo mindful significa essere pienamente presente di fronte a ciò che stai mangiando, consapevole di ogni morso e di ogni sorso in modo da poter apprezzare pienamente a livello sensoriale il cibo, porre maggiore attenzione a quello che mangi e riconnetterti con i bisogni del tuo corpo.
Un momento spesso frettoloso e superficiale come quello del pasto, dominato dal “pilota automatico”, viene così trasformato in un’esperienza piena e consapevole.
Con la Mindful Eating puoi scoprire la bellezza di ogni gesto, la sua importanza e portare piena attenzione all’atto di mangiare, soffermandoti su sapori e profumi, ma notando anche i pensieri e le emozioni che emergono e ti coinvolgono quando mangi.
Quali sono i vantaggi di questo approccio?
Imparando a mangiare con consapevolezza, tutto il cibo sembrerà infinitamente più buono e gustoso e così, essendone appagato/a molto prima, ti basterà mangiarne meno. Ma questo non è il solo vantaggio. La Mindful Eating ti insegna anche a non giudicare il tuo cibo (ma anche te stesso ed il tuo corpo!), a non classificarlo in categorie (es. “cibi buoni” e “cibi cattivi”). Il cibo è uno dei più grandi piaceri della vita ed il piacere fa bene alle persone, è sano e ci tiene in salute!
Praticando questo approccio impari, passo dopo passo, che non ci sono cibi proibiti: liberandoti da schemi rigidi di pensiero, restrizioni ed imposizioni, puoi scoprire cosa realmente ti piace e come mangiarlo in modo che ti faccia stare bene.
Puoi sviluppare un atteggiamento di auto indulgenza e compassione che apre la strada a nuove possibilità di cura e cambiamento, libero/a dal senso di colpa e dal “critico interiore”.

ragazza-granola-miele-blu-bianco-naturale_1428-679


Mindful Eating e relazione con il corpo
Nell’approccio della Mindful Eating al cibo, si affronta anche il tema della relazione con il proprio corpo, in una prospettiva che potremmo definire di Body Neutrality.
Un tema importante che viene affrontato nei corsi di Mindful Eating è quello della gratitudine, sia verso il cibo che verso il corpo.
Attraverso la pratica della gratitudine, impari a vedere il corpo come il mezzo che ti permette di fare tutte le esperienze della vita, piuttosto che la rappresentazione della tua autostima. Purtroppo nella nostra società viene data molta importanza all’aspetto e sono numerosissimi i messaggi (tv, giornali, film, social media..) che propongono e sostengono un unico, spesso inarrivabile, ideale di bellezza. Ma il messaggio ancora più grave che viene trasmesso è che la bellezza sia un valore centrale, indispensabile per essere felici, accettati e avere successo.
In realtà è molto importante combattere questo tipo di messaggi, perché possono portare allo sviluppo di un’immagine di sé negativa ed anche a problematiche legate all’alimentazione. Un fattore altrettanto importante da contrastare è senz’altro quello del body shaming, vale a dire la derisione di una persona per una o più caratteristiche del suo aspetto, come per esempio l’essere grasso (fat shaming) o l’avere un naso grande o essere basso…
Per creare una nuova cultura del corpo, basata sull’accettazione delle differenze e sul non giudizio, è necessario diffondere l’idea che i corpi sono molto più di quella che è la loro forma o apparenza, sono strumenti di azione e sensazione e che l’aspetto fisico è soltanto uno degli elementi che ci caratterizzano come individui e ognuno di noi è davvero molto di più della sua apparenza esteriore.

pizzaecurve25gen.jpg


“Consigli Mindful” per godersi la pizza del 18 ottobre
Mangiare in modo mindful non è difficile, non richiede tempo in più rispetto a quello di un normale pasto e ti permette di assaporare veramente quello che mangi.
Impegnati a goderti in modo mindful la PIZZA!

Inizia ad essere mindful già dalla scelta della pizza. Chiediti qual scelta è la migliore per te in questo momento.
Respira e ascolta il tuo corpo per essere consapevole del tuo livello di fame prima di mangiare. Fai qualche respiro profondo e rilassati.
Accendi i sensi. Il momento del pasto è un’esperienza multisensoriale da vivere con i cinque sensi. Osserva il cibo che c’è nel piatto, toccalo con le mani, con le labbra e con la lingua. Cogli il profumo e la consistenza prima di deglutirlo. Puoi dare il primo morso a occhi chiusi, per focalizzarti sul gusto, senza le distrazioni della vista.
Rallenta. Rallentare mentre stai mangiando ti aiuta ad essere consapevole di quando la fame fisiologica è soddisfatta e ti permette di goderti il cibo in modo più completo.
Semplici consigli per aiutarti a rallentare:
– metti giù la forchetta o il cucchiaio tra i bocconi;
– fermati e prendi un respiro tra i bocconi,
– mastica completamente il cibo.
Ringrazia. Prenditi un momento per apprezzare il tuo pasto ed essere grato per averlo, spesso lo diamo per scontato. Ringrazia chi ha lavorato facendosi sì che il tuo cibo potesse arrivare sulla tavola e ricordati che il cibo non è un nemico, ma un dono di cui devi essere grato ogni giorno!
Controlla il tuo livello di fame durante il pasto. A metà del pasto controlla di nuovo il tuo livello di fame; potresti scoprire di non avere più fame o di non trovare più appetitoso il cibo, anche se nel tuo piatto ce n’è ancora. Datti il permesso di fermarti o di continuare sulla base di quanto sei affamato.
Mastica bene. Nota cosa succede al cibo mentre mastichi. Quanto ci vuole per masticare a fondo il cibo prima di inghiottirlo? Riesci a percepire che la fame comincia a dissolversi? Mastica bene ogni morso prima di prendere altro cibo.
• Goditi quello che mangi. Per goderti il tuo cibo devi essere pienamente presente all’esperienza del mangiare così da poter cogliere il piacere che essa può portare.


Contatti:
Dott.ssa Lara Ferrari – Psicologa, psicoterapeuta cognitivo-comportamentale
Via F. Bocchialini, n.4 43125 Parma
327 7665418 – info@laraferraripsicoterapeuta.it
http://www.laraferraripsicoterapeuta.it


DSC_1207BBB

Valentina Parenti ( @momincolors ) sogna un mondo senza stereotipi di genere, positivo e attento all’integrazione sociale per questo è membro Curvy Pride e della BodyPositiveCatWalk. Da poco ha creato @FelicitàFormosa su Parma. Valentina educa i suoi figli ad una “vita a colori” ed è il segreto della felicità #educareallafelicità.

Annunci

Quando il body shaming entra in politica. Hic sunt leones…ma da tastiera.

Era dai tempi della ministra Cécile Kyenge che una (neo)ministra non veniva sbeffeggiata in maniera così pesante: vuoi per il fisico non esattamente da passerella, vuoi per i titoli accademici (o meglio, per la mancanza di essi), vuoi per un abito blu royale con qualche balza di chiffon (forse) di troppo (ma #EnzoMiccioApproved).

La strada verso la parità di genere è ancora lunga, se persino in Parlamento un politico o un ministro viene valutato più per il suo aspetto fisico o per il suo abbigliamento, che per i suoi meriti o per i suoi demeriti.

Matteo Renzi ne elogia le capacità oratorie messe in luce alla Leopolda, tanto da far venire in mente un altro esempio di politico che , seppur con bassa scolarizzazione, ha saputo tener testa a dottoroni e commendatori in Parlamento, battendosi come fece lei per i braccianti del sud : Giuseppe Di Vittorio.

Il terzo pilastro su cui si incentra la polemica sulla Bellanova è la “questione accademica”, essendo lei arrivata fino alla terza media. Che lo studio sia importante è chiaro, ma non è un certificato accademico che certifica anche la propria competenza in un determinato ruolo. E dico ciò andando anche contro i miei stessi interessi, visto che ho un curriculum pieno di titoloni, i quali nella mia carriera professionale hanno avuto la stessa funzione delle palle sull’albero di Natale: puramente decorativa.

Indubbiamente il 94% dei CEO nel mondo ha compiuto studi ben oltre la laurea. Ma ci sono anche imprenditori che hanno costruito un impero basato sul bello e sulla creatività,  senza aver conseguito una laurea, e facendo dello #StayHungryStayFoolish una filosofia di vita.

Da barzelletta a eroina nazionalpopolare: l’operazione di messa in ridicolo della ministra si è rivelata un boomerang, visto che al momento sembra aver conquistato le simpatie degli italiani.

E a tal proposito, vorrei assegnare dei premi ai 3 commenti che più di altri si sono distinti nella giornata di venerdì:

  • Premio Gaviscon al commento di Daniele Capezzone, con la motivazione gentilmente fornita da Cicciogia :” se c’e qualcuno seriamente intrappolato in un eterno carnevale, è proprio Capezzone, che ha indossato una maschera diversa per ogni partito di cui ha fatto parte” :
  • Premio della critica a Martina Dall’Ombra, che ci ricorda che in ognuna di noi vive una principessa. E non importa se si chiama Kate o Tiana.
  • Premio Nobel per la pace a Enzo Miccio, per aver definitavamente sancito che #mivestocomevoglio.

L’hashtag è quello con cui la neo ministra ha infiocchettato la polemica sul vestito blu. In 3 giorni l’ho vista con 3 outfit uno meglio dell’altro. E se il suo spirito è quello mostrato finora…ne vedremo delle belle!

E grazie ad una Pagina FB, abbiamo scoperto chi è il ragazzo dietro a lei: il figlio! A ricordarci che le cose importanti della vita sono ben altre…

Caterina Argentieri

btyse_curvy_pride

Chi è Caterina: sognatrice come i Pesci, inarrestabile come il Capricorno, che è il mio ascendente. E che panorama che si vede da quassù! Dopo mille e una battaglia, riapro il cassetto dei miei sogni, li tiro fuori, e mi preparo a realizzarli. Uno ad uno. 

Gli #hashtagcurvy 2019 bannati da Instagram

Non vanto certo di un numero di follower da influencer ma nel mio piccolo e ristretto mondo di visualizzazione avevo notato un calo delle visite, dei likes, dei seguaci.. e allora dopo una conversazione in chat ci ho visto chiaro!

ATTENZIONE perché alcuni hashtags censurati da IG sono davvero insospettabili, ad esempio “#CURVY”? Lo avresti immaginato? Utilizzare hashtags bannati, può esporti a dei rischi; potresti ricadere nello shadowban e restarci sino a quando non avrai adottato le corrette contromisure e il consiglio che ho letto è di prevenire.

Se hai notato un calo dell’engagement come me e non riesci a spiegarti la ragione prova a guardare gli hashtag dei post passati. Uno, o di più, potrebbero essere stati bannati da Instagram e ciò avrà comportato una diminuzione drastica dei likes e dei commenti perché ne è sufficente 1 SOLO per oscurare la foto nelle ricerche e apparire solo a chi ti segue. Il consiglio è munirti di santa pazienza e rimuoverlo/li DA TUTTE LE FOTO.

Alcuni degli hashtag sono: #bodylove #curvyisnotacrime #bodypositivecatwalk #bbw #eveybodyisbeautiful #curvy #curvygirls #fitnessgirls #lingerie #laurabrioschiprogect #yourself #bikinibody #followforfollow #like #likeforlike #models #costumes.. ecc.

se è presente la dicitura: “I post recenti di #bodypositivecatwalk al momento sono nascosti perché la community ha segnalato alcuni contenuti che potrebbero non rispettare le linee guida della community di Instagram” è meglio non utilizzarlo.

WhatsApp Image 2019-08-31 at 20.01.20

Per verificare se l’account generale è oggetto di limitazioni puoi mettere un hastag poco seguito in una foto, accedere ad Instagram con un altro profilo che non segue il tuo e digitare l’hashtag che hai scelto. Se la foto che hai appena pubblicato non compare nei contenuti recenti allora sei sotto penalizzazione. Potrebbe trattarsi di Shadow ban, ma non necessariamente.

Come uscire dalla penalizzazione Instagram shadowban:

  • Non superare il limite di hashtag (che è di 30)
  • Non ripetere mai gli stessi hashtag sotto ogni foto, specie se sono hashtag generici e molto popolari
  • Revoca gli accessi ad app esterne o a BOT
  • Cessa tutte le operazioni (like, follow e direct) per 1 o 2 giorni
  • Elimina post o stories che contengono hashtag che possono destare sospetto a Instagram
  • Se hai un profilo business passa a quello personale per poi ripassare dopo qualche giorno nuovamente a quello business

Se vi chiedete quale sia il motivo che ha spinto instagram a prendere questi provvedimenti è che diverse parole hashtag nel corso del 2019 hanno prodotto un notevole spam, teoricamente ban temporanei, e in questo modo vorrebbe arginare la visibilità di contenuti, migliorando la qualità per offrire agli utenti un servizio migliore.

Solitamente sotto la lente di ingrandimento di Instagram finiscono hashtags molto popolari, per questa ragione diventa ancora più importante verificarne la popolarità e il significato usato all’interno di Instagram prima della pubblicazione.


DSC_1207BBBValentina Parenti ( @momincolors ) sogna un mondo senza stereotipi di genere, positivo e attento all’integrazione sociale per questo è membro Curvy Pride e della BodyPositiveCatWalk. Da poco ha creato @FelicitàFormosa su Parma. Valentina educa i suoi figli ad una “vita a colori” ed è il segreto della felicità #educareallafelicità.

Autostima, il regalo più bello che possiamo farci

Capita spesso, soprattutto ultimamente, di sentir parlare di AUTOSTIMA. Ma  cosa è realmente? Dove si trova? La possiamo comprare? Si può ordinare su Amazon? Ovvio che no… ma ognuno di noi dovrebbe averne tanta!

Se cerchiamo di definire cosa sia l’autostima, magari ricavandone il significato googlandone la parola su internet, viene fuori che, questa tanto nominata autostima, non sia altro che, per citare le parole esatte “…il processo soggettivo che porta un individuo a valutare e apprezzare se stesso tramite l’auto-approvazione del proprio valore personale fondato su autopercezioni”. Ed è proprio qui che, come si suol dire, casca l’asino. Definiamo il nostro valore mediante la stima e la percezione che abbiamo di noi stessi e, da che mondo e mondo, si sa che ognuno di noi sia il peggior critico di se stesso e se a questo sommiamo che, al giorno d’oggi, ci troviamo a vivere in una società che vuoi o non vuoi, è sempre pronta a puntare il dito e a giudicare, emarginare, svalutare. Come fare, quindi, ad avere un’ottima percezione di sé? Da cui far scaturire un’alta autostima che ci permetta di promuovere il nostro valore ed affrontare al meglio qualsiasi sfida il mondo che ci circonda ci proponga?

Per molto tempo me lo sono chiesta e nel mio piccolo credo che la risposta più semplice sia AMARSI.

images

Ognuno di noi dovrebbe amare il proprio essere, il proprio corpo, il proprio carattere. Accettare le proprie sfaccettature, imparare a trarre il meglio da quello che ha e valorizzarsi. Tanto semplice a dirsi ma, ahimè, non altrettanto semplice a farsi.

Ognuno di noi, per natura, tende a notare in primis i propri aspetti negativi, i propri difetti o quello che manca e molto spesso nemmeno facciamo caso al potenziale che abbiamo, alla nostra unicità e a quanto ognuno di noi sia speciale. In più, il contesto che ci circonda, non ci aiuta, anzi contribuisce in senso contrario. Non importa che tu sia basso, grasso, alto, magro. La bassa autostima può colpire chiunque. Dal più timido al più estroverso: di gente che non crede nel proprio potenziale ne possiamo trovare ovunque. Cresciamo ignari che, se non prendiamo consapevolezza del nostro valore, otterremo risultati mediocri nello studio, nel lavoro ma anche nelle relazioni amicali e amorose.

Da qualche parte ho letto che “solo credendoci grandi, faremo cose grandi“. Ma quanto è difficile applicare al nostro quotidiano tutto questo? E’ davvero possibile cambiare la propria vita, il proprio status, le proprie relazioni migliorando la propria autostima?

untitled1

Non sono nessuno per dare la risposta a questa domanda ma tanto vale provare, cosa abbiamo infondo da perdere?

Oggi è un buon giorno per iniziare a guardarsi allo specchio con occhi diversi, guardare il nostro riflesso e pensare che siamo abbastanza, che non ci manca nulla e che abbiamo molte cose positive e belle su cui puntare.

Sicuramente a colpo d’occhio stonerà quel kg di troppo, il naso a punta, i fianchi troppo larghi, le gambe storte, le cosce grosse o che ne so qualsiasi difetto ma provate ad andare oltre, iniziate a sorridere, guardatevi ancora e sorridetevi.

a

Nello specchio c’è la persona più importante delle vostra vita. Tutto quello che di fondamentale avete e in quella persona che vedete sono racchiusi tutti gli strumenti che vi occorrono per vivere la vita che volete. Iniziate oggi a essere la versione migliore di voi stessi, iniziate ad amarvi e ad ascoltarvi. Cominciate ogni giorno a notare ciò che di voi stessi più vi piace e i vostri punti di forza. Giorno dopo giorno, passo dopo passo, sarà sempre più facile imparare ad apprezzarsi e amarsi per quello che siamo e riscopriremo anche lati di noi stessi davvero inaspettati.

imaqges

Con l’avvento di settembre che è anche tempo di nuovi inizi, nuove consapevolezze, nuove scelte… scegliamo di amarci di più, di imparare a volerci più bene. Credendo in noi stessi e nel nostro potenziale e guardando al mondo che ci circonda con un pò di positività in più anche le piccole sfide che prima ci sembravano impossibili diverranno possibili. Basta volerlo!

untitled

Non ci resta che provare a farci questo bel regalo. Buon autostima a tutte! Santa Pentangelo, ormai quasi trentenne. Eterna sognatrice innamorata dell’amore e della vita che merita sempre di essere vissuta al meglio delle nostre possibilità, mettendoci sempre il cuore.01C10939-44FE-4415-8B5F-02D732C065AE.jpeg

CLUB DEI BRUTTI… cos’e’?

Il 1 SETTEMBRE 2019 l’Associazione CURVY PRIDE – APS sarà ospite del FESTIVAL MONDIALE DEI BRUTTI.

A chi ci ha chiesto simpaticamente “perché con i BRUTTI” rispondiamo con la STORIA, i VALORI e gli OBIETTIVI del CLUB.

Attraverso l’ironia si possono realizzare importanti rivoluzioni culturali.

Ci vediamo a PIOBBICO (PU)!

Il Club dei brutti o World Association of the Ugly People è un’associazione internazionale fondata nel 1879 a PIOBBICO, un paese delle Marche, dove ha ancora sede. Oggi ha lo scopo di sensibilizzare sui problemi dei brutti ridimensionando l’importanza dell’apparenza nella società moderna. Nel 2005 aveva 25000 iscritti e succursali in diversi Paesi europei e americani (secondo quanto dichiarato dal club stesso, 25 sedi nel mondo nel 2008).

La nascita del club, nel 1879, era motivata dall’esigenza di maritare le zitelle del paese, in quanto non riuscivano a sposarsi a causa della propria bruttezza. Ciò causava problemi anche economici per le famiglie. Svolse quindi funzioni simili a quelle che ha oggi un’agenzia matrimoniale.

L’associazione fu rilanciata attorno al 1960 con il nome di Associazione Nazionale dei Brutti, con lo scopo di sensibilizzare i cittadini ai problemi dei brutti e di aiutare i brutti a superare i loro problemi e a trovare un partner.

Nel 1995 aveva 18000 iscritti nel mondo.

Più recentemente l’associazione si è occupata di combattere la discriminazione per l’aspetto fisico sul luogo di lavoro. Nel 2008 dichiarava come suo scopo la “sensibilizzazione ad una corretta cultura dell’apparenza e la lotta al culto della bellezza della moderna società della comunicazione” e “combattere il culto esagerato della bellezza”. Per questi scopi non richiede che gli iscritti siano brutti, ma soltanto che condividano gli ideali alla base del gruppo. Sempre nel 2008 l’associazione inaugurò un monumento ai brutti nel paese di Piobbico.

Nella prima domenica di settembre a Piobbico, ogni anno si svolge il “Festival del brutto” in concomitanza della sagra della polenta alla carbonara, dove viene eletto il presidente dell’associazione. Annualmente vengono eletti i “re dei brutti”, ai quali viene assegnato il premio “No-bel”, che sono i presidenti del club. Questa usanza risale alla fondazione dell’associazione nel 1879.

Il club è citato da uno studio di Gretchen E. Henderson sull’omologo Ugly Face Club, esistito a Liverpool tra il 1743 e il 1754, e sul rinnovato interesse per i club di brutti nel mondo, che farebbe parte di un rinnovato interesse per la bruttezza dovuto a una forma di attrattività estetica della stessa per i sensi. Bonnie Berry parte invece dal fatto che i candidati a presidente del club nel 2007 fossero persone con un aspetto “nella media” per riflettere su come siano i mezzi di comunicazione di massa a creare un’immagine di ciò che viene considerato “brutto”.

Sono entrati nel gruppo la Miss Italia del 1979 Cinzia De Ponti e quella del 1992 Gloria Zanin, il politico Giulio Andreotti (iscrittosi prima del 1992), i noti conduttori televisivi Mike Bongiorno e Paolo Bonolis, e l’attore e comico Pippo Franco.

LINO BANFI SI APRE A CURVY PRIDE

Lino Banfi non è solo uno dei più amati attori italiani. E’ una persona con grande sensibilità, altruismo, coraggio, forza d’animo e immenso cuore. Un esempio, per tutti noi. Grazie Lino!

Oltre cento film, decine di produzioni televisive, uno dei pilastri del cinema italiano. Ha fatto ridere, ma anche riflettere, intere generazioni. Come si fa a essere così amato?

Una bella domanda! Bisogna costruirlo l’amore. Ci sono quelli belli e verso di loro l’amore è automatico. Io non sono mai stato né “copertinabile” né “scopertinabile” e quindi mi sono dovuto inventare per farmi amare dalle persone. Ci si può far amare costruendo intorno a sé un’immagine buona, un’immagine altruistica. Ovviamente la bravura ci vuole. Ammettendo che ci sia la bravura, il resto si costruisce con la buona volontà, l’altruismo.

Adesso sono ormai tre/quattro generazioni che mi seguono.

In una sua intervista racconta che dopo un tragico incidente perse quasi tutti i capelli e ingrassò molto nell’arco di tre mesi. Come è riuscito a reagire?

Fu brutta la cosa. Fu tragica. Morirono due persone. Erano sedute davanti. Io fui catapultato fuori dal finestrino di dietro. Mi salvai per miracolo. Restai solo una quindicina di giorni in ospedale. Quando uscii, pare, avvenne una specie di confusione, di imbroglio, che io chiamo una “ingarbuglieta endocrinologica”, come se fegato e altri organi fossero andati in confusione… Fatto sta che nel giro di due/tre mesi sono ingrassato e ho perso quasi tutti i capelli. Alla fine mi sono detto così meglio così che morto. Questa, però, è stata anche la mia fortuna. Prima ero “bellino”, “piacentino”, facevo l’attore di fotoromanzi, avevo i capelli ondulati, ero magro. Avrei potuto fare il bello, ma il bello non ha lunga vita. Capii che ero tendente a ingrassare, mi dissi “bello non sarò mai, mi piace mangiare”. E’ meglio che sono così! Più caratteristico così, senza tutti i capelli, più grassottello. Adesso mi devo tenere un po’ per non esagerare con il peso.

Come Associazione Curvy Pride promuoviamo la pluralità della bellezza e lottiamo contro stereotipi e discriminazioni. Cosa ne pensa?

Intanto consideratemi un vostro paladino soprattutto se siete più donne. Sono sempre stato un fan delle donne fin da bambino. Ho sempre detto che le donne hanno una marcia in più. Poi affettuosamente e scherzosamente dico che noi abbiamo il cambio automatico ma la marcia in più va, è più veloce la marcia in più delle donne. Quindi difendo le donne. E sono contro le discriminazioni. Ho letto di recente che in America una donna è stata allontanata dal lavoro perché ingrassata e necessitava di una sedia su misura. E’ assurdo. E’ proprio quando una persona è in difficoltà che bisogna darle una mano in più. E questa è una evidente richiesta di aiuto .

Ha lavorato con donne bellissime e avvenenti, avrebbe potuto avere una vita costellata di conquiste, invece ne ha amato e ne ama una sola: la sua Lucia. Allora i grandi amori esistono davvero e non solo nelle favole?

I grandi amori esistono davvero. Io amo mia moglie. E quando sono presenti determinate malattie, che vanno solo accennate per rispetto del malato, ti rendi ancora più conto di quanto grande è il nostro amore.

Per concludere. Un suo messaggio per amiche e amici dell’Associazione Curvy Pride per riuscire a credere in se stessi e realizzare i propri sogni?

Mettersi come i paraocchi, come quelli dei cavalli, a destra e a sinistra, per non vedere tutto ciò che ti succede al lato e andare avanti: devo fare questo, devo fare quello, e non fermarsi.

Io racconto sempre che all’età di 18 anni a Milano eravamo un gruppo di ragazzi meridionali, non avevamo una lira, cercavamo lavoro, abbiamo dormito negli edifici in costruzione, nei vagoni dei treni alla stazione perché non avevamo i soldi per pagare una stanza. Gli altri piangevano, dicevano basta, voglio tornare a casa, troppi sacrifici, ho fame, qui non si dorme, non si mangia. E non si dormiva e non si mangiava veramente.

E io NO, devo restare. Non torno a casa. Un giorno devo riuscire, firmerò autografi, devo essere ricco, diventare famoso, devo far ridere le persone. Gli altri mi guardavano come si guarda un pazzo.  Poi dopo mi hanno detto avevi ragione tu, perché io avuto tutta un’altra vita, ma non è la mia vita, non è la vita che sognavo. E’ triste. Bisogna credere e lottare per i propri sogni. Devi fare ciò che sogni di fare!

Come si fa ad essere felici e grassi allo stesso tempo?

Come si fa nella nostra società ad essere felici e grassi allo stesso tempo?
Forse non si può, oppure forse si può. Ecco la mia, personale, testimonianza. Io “D” Donatella. 100 kili di pura allegria. Mi racconto così senza troppi peli sulla lingua.

Mi chiamo “D” e sono gravemente obesa. Fin da piccola, per via di una malattia che mi ha colpito alla tenera età di 5 anni, ho ingerito molti farmaci, che uniti fra loro mi hanno fatto gonfiare molto. Mi sono quindi trovata a soli 8 anni ad esser più grassa delle mie amiche. Col tempo la malattia si è alleggerita, lasciando lo spazio alla vita, che molto spesso sa essere crudele. Alcune volte venivo derisa per strada perché ero troppo grassa, ma io temeraria e fiera di me, e della mia forza, ho continuato a camminare a testa alta.
Poi un giorno mi sono sentita abbandonata da chi aveva promesso di restarmi sempre accanto.
E così dopo questo dolore, che inizialmente non sono stata capace di affrontare, mi sono rifugiata in un mondo tutto mio.
Lì il cibo era mio amico, mi faceva sentire bene, mi faceva sentire amata.

Poco tempo dopo però si era sviluppata una grande grave dipendenza. Un circolo vizioso.
Il cibo mi dava gioia ma mi rendevo conto che mi stava anche uccidendo.
Così dopo tanti tentativi, tante lacrime e dolore, ho imparato che il cibo da tanto piacere, ma che bisogna saperlo dosare.

L’obesità è la malattia del cuore. Non è mangiando che si colma il vuoto che sentiamo. Il cibo ci dà gioia momentanea, ma siamo noi che dobbiamo costruire la nostra felicità, giorno per giorno.
Ricordatevi, nulla può riempire un vuoto però possiamo imparare a convivere con quel dolore e imparare ad amarci per quello che siamo. Perché siamo tutte stupende.

Donatella Fenio

Mi chiamo Donatella Fenio, sono nata a Salerno. E sono una persona molto positiva. Odio ogni tipo di discriminazione, ed amo scrivere. Ho già pubblicato il mio primo romanzo Il segreto di Gabrielle Ross un thriller erotico che parla della violenza sulle donne. Amo la vita e tutte le sue sfaccettature.