IO E I MIEI COLORI

L’integrazione è un tema molto difficile e molto sentito, soprattutto all’epoca in cui ci troviamo attualmente! Una volta era tutto molto meno evidente: non avevamo i social a tenerci aggiornati, non era possibile vedere le foto, i video e comunque documentare in tempo reale ciò che accadeva, di conseguenza non c’era occasione di parlare di moltissimi argomenti che invece oggigiorno sono abituali.

Se per me, bimba “straniera” e di colore, 25 anni fa iniziare la scuola poteva scuotere gli animi, la storia che vi racconterò complicherà ancora di più le cose….

Io…

13 maggio 1993, era il mio ottavo compleanno! Mia madre, come ogni anno, invitata tutti i miei compagni di scuola. Preparava buffet meravigliosi e organizzava ogni tipo di distrazione. Casa nostra era circondata da un enorme giardino che permetteva a noi bimbi di inventarci ogni tipo di gioco, era davvero entusiasmante!

Sembrava che lo sconcerto iniziale del mio arrivo si fosse esaurito col passare del tempo e che quindi io potessi procedere indisturbata con la mia vita!

Avevamo da poco iniziato un nuovo gioco “LA CAMPANA” , a tutti i bambini piace saltare, dopo un po’ sentii la necessità di andare in bagno… Ok qualcosa non andava!! I miei slip erano macchiati di sangue, ma io stavo benissimo. Andai da mia madre con aria colpevole, convinta di aver di nuovo sbagliato qualcosa, temendo riguardasse solo me e che per questo avrei avuto un altro motivo per sentirmi diversa. Mia madre mi guardò allibita, aumentando la mia confusione e la mia preoccupazione.

Mi fece avvicinare e mi disse che da quel momento sarei stata diversa dalle mie compagne…Come?? Oh no!! Un’altra volta? Prima il colore della pelle, ora quello sugli slip. Ma i colori non erano una cosa bella? Ogni volta che si parla di colori è una tragedia… Accidenti, io coloro i disegni e guardo il mondo attraverso i colori, com’è possibile? Guardai mia madre perplessa con un’espressione da punto interrogativo.

Iniziò a parlarmi di seno grande, trasformazioni, assorbenti e di uno pseudo rapporto coi maschietti. Non capivo assolutamente niente… Seno? Quello della Barbie? Maschietti? Quelli con i quali io e le mie amichette giochiamo a rincorrerci e a fare la battaglia con gli spazzolini da denti? Ok!

In poco tempo scoprii che giocare non sempre mi andava. In poco tempo scoprii che il mio corpo stava cambiando. In poco tempo scoprii che spesso il mio umore era altalenante. In poco tempo capii che i colori posso assumere significati diversi. Il mio primo ciclo, che sarà mai? Nulla, ma avevo 8 anni volevo giocare, andare a scuola ed essere spensierata… misi via le bambole, non era roba per me…. e ANCORA una volta mi sentii un ALIENO! (continua…)

Il presente articolo è stato scritto dalla socia e membro dello Staff Valeria Menapace che dedica del suo tempo alla crescita del CurvyPrideBlog.

Un grazie a tutte le socie e i soci che credono nell’Associazione CURVY PRIDE – APS impegnandosi nel volontariato.

Valeria, puro uragano di energia, ironia, spensieratezza e positività!
Una “Xena” dei giorni nostri!
“Non è il mondo che fa noi, siamo noi che facciamo il mondo”
Vale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...