CAMBIARE… MA PER CHI?

Anche chi non è pratico dei social si ritrova bombardato da immagini di ragazze bellissime, senza imperfezioni apparenti. E così molte adolescenti fanno challenge assurde e pericolose sfidandosi a mettersi le cuffiette intorno alla vita per dimostrare di essere “magre”…  Poi, ci sono persone che propongono qualsiasi tipo di frullati, snack per dimagrire. Insomma, siamo invitati calorosamente ad essere “perfetti” secondo gli standard della società. Siamo invitati a “cambiare”. Molte, come me, in effetti, sono cambiate fisicamente. Chi per salute, chi perché riceveva input esterni e chi, come nel mio caso, non si ritrovava in quel corpo e ha lavorato molto su se stessa per perdere 60 kg.

Sento però, troppo spesso (a mio avviso) dire, dalle donne che dimagriscono o comunque che fanno interventi di chirurgia plastica, che sono cambiate o vogliono cambiare per essere accettate maggiormente dai propri compagni di vita.

Ma siamo sicuri che sia giusto?

Tutte vorremmo sentirci belle agli occhi di chi ci ama. Tutte vorremmo sapere che chi ci sta accanto ci sostiene e ci comprende. Insomma apprezzate in tutto: come mogli, mamme, nel lavoro e in tutte le fasi della nostra vita. Ma noi dovremmo essere ciò che siamo per noi stesse perché mi sono accorta (per esperienza) che se stiamo bene noi, se cambiamo per amor nostro, se ci curiamo, ci trucchiamo, mettiamo i tacchi… di riflesso anche gli altri ci guarderanno con occhi diversi. Avvertiranno la nostra sicurezza, il nostro volerci bene. E se questo non avviene non importa. I cambiamenti, qualsiasi essi siano, portano con loro selezioni e devono dipendere da noi, non dagli altri o per gli altri. Una persona a me vicina, dopo aver visto le richieste che mi inviavano alcuni fotografi all’inizio del mio percorso da fotomodella, vedendo la mia titubanza mi ha detto: “Fallo! Se amano la “pupù” al posto della “cioccolata”, fallo senza problemi…”. Rimasi basita da quelle poche parole. Ci sono cose che rimangono dentro nonostante il tempo, ma non hanno scalfito il mio “amor proprio”. Proviamo a non dare retta a chi ci dice queste cose.  A chi ci fa sentire nullità o fuori posto… C’è anche chi ti dice: sei perfetta così come sei. Gli occhi non hanno taglia e ha ragione… HANNO ANIMA.

Il presente articolo è stato scritto dalla socia e blogger Elisabetta Giordano che dedica del suo tempo alla crescita del CurvyPrideBlog

Un grazie a tutte le socie e i soci che credono nell’Associazione CURVY PRIDE – APS impegnandosi nel volontariato.

Elisabetta Giordano, 38 anni. E’ mamma di una bimba di 6 anni, fotomodella curvy per hobby. Ha studiato Giurisprudenza ed è appassionata di fotografia. Impegnata nel sociale, crede molto nella pluralità della bellezza. “Amo la vita e le sfide… Sono una donna con i piedi nel presente e lo sguardo rivolto al futuro. Sempre alla ricerca della bellezza dell’essere. Curiosa, creativa. Insomma… Viva!” https://www.instagram.com/curvelybeth/

Autore: Elisabetta Giordano

Mi chiamo Elisabetta, ho 37 anni. Ho studiato giurisprudenza. Sono sposata ed ho una bimba di nome Benedetta che ha 5 anni. Amo la fotografia e da poco mi sono lanciata come "modella" curvy.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...