DISMORFOFOBIA, CAPIAMO DAVVERO DI COSA SI TRATTA

Nella nostra epoca siamo ancora immersi in una assidua ricerca di bellezza che produce insoddisfazione e, in casi estremi, odio per la propria immagine, che diviene teatro di mille ossessioni poiché si vorrebbe essere diversi da come si è, non ci si sente mai abbastanza belli, magri o perfetti come, ahimè, la società ci impone.
Viviamo con la convinzione che essere come si è non vada bene e che si debba correggere ciò che non corrisponde ai modelli di riferimento ai quali ci paragoniamo costantemente.

Nonostante molte Associazioni come la nostra Curvy Pride si impegnino e lottino per promuovere la pluralità della bellezza e l’unicità dei singoli, tutto ciò avviene ancora.
Già da qualche anno esistono innumerevoli movimenti bodypositive ma resta ancora molto difficile contrastare questo fenomeno e in questo articolo voglio fare chiarezza su una patologia molto diffusa ma poco nota ai più: la dismorfofobia o disturbo da dismorfismo corporeo.

Un’ immagine corporea negativa implica una forte insoddisfazione per tutto o per alcuni aspetti del proprio corpo e può sfociare nel disturbo della dismorfofobia, o disturbo da dismorfismo corporeo, cioè l’errata valutazione della propria immagine e l’incapacità di valutare in modo oggettivo la propria fisicità.
L’elemento peculiare della dismorfofobia è la preoccupazione per un difetto nell’aspetto fisico, che può essere totalmente immaginario, oppure, se è presente una reale piccola anomalia fisica, la preoccupazione del soggetto è di gran lunga eccessiva al normale.
La gran parte dei soggetti con questo disturbo sperimentano grave disagio per la loro supposta deformità, descrivendo spesso le loro preoccupazioni come “intensamente dolorose”, “tormentose”, o “devastanti”. I più trovano le loro preoccupazioni difficili da controllare, e fanno pochi o nessun tentativo di resistervi.


Come conseguenza, i dismorfofobici spesso passano molte ore al giorno a pensare al loro “difetto” e a come porvi rimedio al punto che questi pensieri possono arrivare a dominare la loro vita. I sentimenti di vergogna per il proprio “difetto”, possono portare a voler evitare situazioni di contatto sociale, all’isolamento a causa delle difficoltà nel frequentare gli altri e quindi portano ad avere gravi difficoltà nello svolgere normalmente la vita quotidiana.
I soggetti dismorfofobici, a causa del senso di inadeguatezza, si autoescludono dal contesto sociale mettendo in atto un vero e proprio autosabotaggio di se stessi e della propria esistenza privandosi di esperienze di vita fondamentali nella formazione dell’individuo e per una buona qualità della condotta di vita.


L’immagine corporea che si ha è lo specchio della situazione emotiva, dei ricordi, delle motivazioni e dei propositi d’azione dell’individuo indi per cui non è statica, ma si modifica continuamente per merito delle esperienze personali.
Quando ci guardiamo allo specchio, quindi, ciò che vediamo è influenzato dal nostro stato d’animo, dalle esperienze e dal contesto che ci circonda.
Al giorno d’oggi, sempre più persone, di ogni età si percepiscono in difetto e vivono ciò con disagio e sofferenza.

Nei casi limite, quando la patologia è accertata, la dismorfofobia si può curare attraverso un percorso di psicoterapia mirata, talvolta seguendo l’approccio cognitivo-comportamentale, e nei casi più gravi integrare l’uso di psicofarmaci specifici.

Nel quotidiano possiamo, se ci percepiamo in difetto, razionalizzare e comprendere quanto il disagio che proviamo sia grave e quanto influisca nelle nostre vite e possiamo provare a contrastarlo cercando di guardarci in maniera oggettiva e provare a smettere di confrontarci sempre e solo con i soliti modelli estetici proposti dai mass media, irreali e enfatizzati.

Sentirsi parte di una community ci fa sentire meno soli, meno diversi, meno in difetto. L’Associazione Curvy Pride si impegna da anni proprio in questo.
Insieme possiamo debellare gli stereotipi e i canoni estetici imposti e promuovere la pluralità e l’unicità di noi stesse e della nostra bellezza!

Insieme per sentirsi più leggere, per sentirsi più forti e andare lontano!



Se vi va potete scrivermi e raccontarmi di voi, possiamo confrontarci e parlare.
Mi trovate all’email santapentangelo27@gmail.com o sul mio Instagram santa.pentangelo

Il presente articolo è stato scritto dalla socia e blogger Santa Pentangelo che dedica del suo tempo alla crescita del Curvy Pride blog.

Un grazie a tutte le socie e i soci che credono nell’Associazione CURVY PRIDE – APS impegnandosi nel volontariato.

Trentenne single, eterna sognatrice. Innamorata dell’amore e della vita che secondo lei merita di essere vissuta al meglio. Ci mette sempre il cuore e cerca il lato positivo in tutto ciò che accade!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...