LUCERTOLE

Durante la scorsa estate mi sono concessa un weekend marittimo dal quale sono scaturite le riflessioni che leggerete qui di seguito.

Le persone passano ore sotto il sole per arrivare ad avere un colore dorato se non addirittura abbrustolito, sfoggiando il costume più bello e colorato, gli accessori più ricercati, un’eterna competizione su chi si abbronza meglio. I tavolini degli ombrelloni si riempiono di creme e spray auto abbronzanti nella speranza che il colorito FATICOSAMENTE ottenuto durante il soggiorno, rimanga fino all’estate successiva, ma non fatevi ingannare, ci sono almeno due mesi di lampade pregressi. Ed ecco a voi il LucertolaTime.

Tutto questo fa parte di un disegno naturale e psicologico. “Indubbiamente” scuro è meglio, stanno meglio i colori, gli accessori il make up ed è tutto molto avvincente, finché a farlo non sono io, insieme alla mia fantastica amica Majuli. Ma partiamo dal principio, ci siamo regalate un fine settimana al mare, siamo partite alla volta del Mar Adriatico con le nostre valigie, la speranza di rilassarci e la nostra tavolozza di colore incorporato. Ebbene si, Maju ed io siamo cioccolatose, mi spiego non siamo né nere come la notte né mulatte come la crema di arachidi, siamo proprio CIOCCOLATO FONDENTE, ma non al 80%, direi un 60%, ANCORA ABBRONZABILI, e qui scatta la domanda da PREMIO NOBEL: “MA VOI VI ABBRONZATE?”. Non lo so, è pelle, ph, cellule, melanina, non è una tuta di amianto impermeabile che non subisce oscillazioni climatiche. Dirò di più, tenetevi forte, CI SCHIARIAMO. Le persone rimangono basite, come se gli avessi appena detto che in realtà la Terra è piatta (non sono una scienziata, mi attengo alle informazioni che ci vengono date da secoli ormai). Due donne, MARRONI, questo é il colore corretto, un’ Africana ed una Brasiliana, che prendono il sole, fanno il bagno, si divertono (rullo di tamburi) destano scalpore. Veniamo guardate come fenomeni da baraccone o come se, in quanto di colore, fossimo obbligate a fare le treccine alle vostre figlie, ma quando io vi guardo non penso che dobbiate vendermi il cocco a tutti i costi (di solito i “cocco bello” sono bianchi e italiani).

Questo articolo è nato perché ad un certo punto durante questo fine settimana marittimo mi sono sentita osservata e giudicata. L’episodio che ci ha più spiazzate è stato renderci conto che un gruppo di persone si è fermato a guardarci all’ interno del nostro alloggio, come fossimo scimmie in gabbia. Non sono una che sta lì tanto a formalizzarsi, ma quando lei ha notato la stessa cosa, allora ho realizzato che queste sensazioni erano reali. Ho realizzato che essere nel 2020 non conta nulla, ho realizzato che i bambini vengono cresciuti con questa forma mentis della diversità, che non tutte le persone sono pronte. Ovviamente non si può fare di tutta l’erba un fascio. A Trento entrambe abbiamo una vita sociale, lavorativa, famigliare quindi di certo non andremo in crisi per questo episodio, ma non lascerò che comunque questo discorso passi in sordina. Tornerò nello stesso luogo, con mio marito e le mie figlie, e so per certo che le cose andranno diversamente: VI AGGIORNO.

CURIOSITÀ: La pelle scura è un colore della pelle UMANA RICCO di pigmenti di melanina, in particolare l’eumalanina. Le persone con la pelle molto scura sono spesso definite persone di colore, sebbene questo uso possa essere ambiguo (dovremmo fare un articolo solo sull’ aggettivo ambiguo) in alcuni paesi viene usato per riferirsi specificatamente a diverse etnie o popolazioni. Prendendo il mio caso specifico, inoltre aggiungo che da 35 anni la mia pelle gestisce il clima occidentale di conseguenza l’inverno tendo a schiarirmi, PROPRIO COME VOI. Che notizia entusiasmante!!!

Stigma Pregiudizio Ignoranza Ironia

Il presente articolo è stato scritto dalla socia e membro dello Staff Valeria Menapace che dedica del suo tempo alla crescita del CurvyPrideBlog.

Un grazie a tutte le socie e i soci che credono nell’Associazione CURVY PRIDE – APS impegnandosi nel volontariato.

Valeria, puro uragano di energia, ironia, spensieratezza e positività!
Una “Xena” dei giorni nostri!
“Non è il mondo che fa noi, siamo noi che facciamo il mondo”
Vale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...