I’M DREAMING OF A SWEET CHRISTMAS

Due ricette facili facili per allietare le vostre giornate invernali e, perchè no, da preparare e regalare ai vostri cari!

Negli anni ’80 una mamma cresciuta in Svizzera insegnava alla sua bimba i primi rudimenti di come preparare i “Guetzli”.
Guetzli è una simpatica parola svizzera che sta per “biscottini” con cui si intendono soprattutto i biscottini di Natale. Quella di preparare biscotti natalizi è molto forte, una vera e propria tradizione tramandata da nonni e genitori ai figli e nipoti.
I Guetzli erano uno dei motivi che rendeva l’avvento il mio periodo preferito in assoluto: ancora ricordo l’aroma dei biscotti, quello dell’arancia messa a seccare sul termosifone e quello degli aghi di abete tagliati ed usati per creare il centrotavola, ricordo la luce delle candele (ne accendevamo una per ogni domenica d’avvento), il tintinnio delle campanelline che giravano con il calore della fiamma e la musica classica in sottofondo. Secondo i miei genitori ascoltare musica classica mi avrebbe resa una bambina molto intelligente, non so se abbia funzionato, ma di certo sono diventata un’appassionata di dolci ed un’esperta nella preparazione di biscotti!

Assieme a mia mamma preparavo chili e chili di biscotti da regalare e condividere con parenti ed amici. I biscottini piacevano, così mia mamma ha ben pensato di assoldare pure le bambine dei vicini: retribuzione in dolcetti!
Diventata un po’ più grandicella ho smesso di ascoltare musica classica, sostituita da rock e pop, ma ho continuato a preparare i biscottini con mamma o assieme alle mie amiche.

Storica è rimasta l’annata 2003, quando, senza alcun aiuto esterno, ho preparato 12 kg di biscotti in tre giorni. Oltre ai classici “Spitzbuben” (biscotti di pastafrolla ripieni di marmellata) ho preparato: biscotti alle mandorle, alle nocciole ed al pistacchio, montagnette al cocco, tasche di biscotti ripiene di noci, biscotti alle mandorle ricoperti di cioccolato fondente, brownies (ok, questi non sono tipici svizzeri ma ugualmente buoni), biscotti al cioccolato con e senza copertura, biscotti alla cannella e biscotti alla frutta secca ricoperti di cioccolata fondente.
La cosa più bella non era solo poter gustare queste prelibatezze, ma condividerle e vedere un sorriso sul viso della persona alla quale li offrivo.


In questo periodo particolare potremmo trovarci con meno soldi e più tempo libero, ecco quindi che possiamo rispolverare l’arte del regalo, anzi del DONO fatto a mano.
Un dono non è solo un regalo materiale, significa anche offrire il tempo che abbiamo impiegato pensando proprio a quella persona!

Per questo condivido con voi un paio di ricette di dolcetti natalizi, da regalare o semplicemente da gustare in compagnia.

“Spitzbuben” (Biscotti di pastafrolla ripieni di marmellata)

Questa è la ricetta classica, ho aggiunto tutti i “trucchi del mestiere” che ho imparato in quasi 40 anni di pratica. Se seguite le istruzioni e la ricetta alla lettera, sono biscotti infallibili che piacciono a tutti!
In caso di allergie o intolleranze ad uno o più ingredienti, non sostituiteli a casaccio, contattatemi pure, sono disponibile per consigliarvi le sostituzioni e le dosi.

Innanzitutto prepariamo l’impasto: vi consiglio di prepararlo almeno un giorno prima ( si conserva in frigo per qualche giorno, ben chiuso in un contenitore ermetico o avvolto in pellicola trasparente). Se proprio non potete prepararlo prima, lasciatelo raffreddare in frigo per almeno un’ora prima di utilizzarlo.

250g burro di buona qualità: consiglio di utilizzare il “burro tedesco”, a temperatura ambiente
125g di zucchero a velo
1 bustina di vanillina (o 1 cucchiaino di vaniglia bourbon)
1 pizzico di sale
1 albume, leggermente sbattuto con la forchetta
350g farina 00
Marmellata per farcire (o anche Nutella, se preferite)
Amalgamare tutti gli ingredienti tranne la marmellata con il robot da cucina o impastando a mano, dovrete ottenere un impasto omogeneo. Come accennavo prima, metterlo in frigo per almeno un’ora, o ancora meglio per tutta la notte.

Preriscaldate il forno a 200°C (qui dipende molto dal vostro forno, fate delle prove e vedete se i biscotti sono ben cotti, o bruciacchiati, in caso aggiustate la temperatura con l’infornata successiva)
Usate un mattarello antiaderente. Se ne avete solo uno di legno, appoggiate un foglio di carta da forno sull’impasto, altrimenti si attaccherà sul legno.
Con il mattarello stendete la pasta a circa 3-4 mm di spessore. Se l’impasto è troppo duro e non si stende, aspettate 10-20 minuti lasciandolo fuori dal frigo. Per far si che i biscotti vengano tutti dello stesso spessore, usate un mattarello apposito (chiedete in negozio) o usate due listelli di legno dello stesso spessore, da mettere ai lati del mattarello.
Ora ritagliate le formine, usando stampini per biscotti di forma regolare: il biscotto “Spitzbuben” classico è rotondo, con un foro in mezzo. Potete sbizzarrirvi con le forme, ricordatevi però di fare un foro un biscotto si ed uno no.
(Nota: i biscotti si formano meglio se l’impasto è freddo. Se l’impasto si scalda troppo a temperatura ambiente, mettetelo qualche minuto in frigo prima di continuare)
Mettete i biscotti su una teglia ricoperta di carta da forno per evitare che si attacchino.

Cuocere per 6-8 minuti. Anche qui dipende dal vostro forno, i biscotti devono essere cotti ma non anneriti, se risultano anneriti o scuri sui bordi, diminuite il tempo di cottura o abbassate la temperatura.
Una volta cotti mettete un po’ di marmellata (o Nutella) sul biscotto senza buco e coprite con il biscotto bucato in modo che il ripieno fuoriesca dal foro.
E’ meglio fare questa operazione quando i biscotti sono ancora caldi. State attenti a non scottarvi e a non rompere i biscotti in quanto sono ancora fragili. Potete aiutarvi con una spatolina o con un coltello a punta arrotondata.
Mettete su un piatto e spolverizzate di zucchero a velo.

Una volta raffreddati, i biscotti si conservano 1 settimana-10 giorni se conservati in una scatola di latta o plastica ermetica, tenuti in frigo o in un luogo fresco (ad esempio cantina).
Ma credetemi, è improbabile che durino così a lungo! 😉

Et voila, gli Spitzbuben “lazzaroni” sono pronti!

Cupcake Bianco Natal

Immagine dei cupcakes tratta dal libro “Mangiami!” di Xanthe Milton, in arte CookieGirl @realcookiegirl
Photo by @simonbrownphotography

Ammetto di aver acquistato un libro solo per questa ricetta! Ho sfogliato il volume in libreria, visto la foto, letto la ricetta ed ho immediatamente pensato: devo farla!
Il problema non era tanto l’acquisto del libro, quanto la reale fattibilità della ricetta: tra gli ingredienti c’erano le clementine, ingrediente sicuramente natalizio ma difficilmente reperibile in Agosto, al momento del mio acquisto.
Ho provato ha preparare la ricetta sostituendo alle clementine le arance, il risultato è venuto buono ma non sensazionale come mi aspettavo.
Ho quindi atteso pazientemente l’inverno e alla prima clementina di ottobre -Zak!- sono corsa a casa a provare la ricetta.
La clementina le da quel “non so che” di profumo festivo.
Il libro in questione è “Mangiami” di Xanthe Milton, detta “Cookie Girl”, una pasticcera inglese e curvy.

Per 12 cupcakes:
110g di burro a temperatura ambiente
110g di zucchero
2 uova
140 g di farina
1 bustina di lievito per dolci
55g di noci macadamia
85g di cioccolato bianco
scorza di 3 clementine ( in alternativa 2 gocce di olio essenziale di clementina)
succo di 1 clementina
(Nota: potete sostituire la clementina con il mandarino.)

Per la glassa:
170g di zucchero a velo
1 albume
2 cucchiai di acqua calda
un pizzico di cremor tartaro
cocco in scaglie, per decorare

Preriscaldare il forno a 180°C
Preparare lo stampo per muffin antiaderente con i pirottini di carta.
Sbattere burro e zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e leggero, aggiungere le uova, aggiungere farina e lievito precedentemente setacciati poco alla volta.
Aggiungere le scorze (o l’olio essenziale) ed il succo delle clementine.
Tritare le noci macadamia e la cioccolata bianca ed aggiungerli all’impasto.
Riempite i pirottini per 3/4 e cuocete per circa 20 minuti sul ripiano centrale del forno. Verificare la cottura con uno stuzzucadenti: deve uscire pulito.
Sfornare e lasciar raffreddare.

Per la glassa, scaldate tutti gli ingredienti a bagnomaria ( con eccezione della farina di cocco). Montare il tutto con una frusta finchè il composto è leggero ed omogeneo.

Mettete la glassa sui dolci raffreddati, spolverate con la farina di cocco e lasciate riposare al fresco.
Si conservano in frigo per 1-2 giorni, ottimi con un buon the pomeridiano!

E ora che avete finito di preparare i vostri biscotti o i vostri cupcakes, viene il bello: assaggiarli e soprattutto: condividerli!
Buone feste.

Questo articolo è stato scritto dalla socia e blogger Martina Giraldi che dedica parte del suo tempo alla crescita del Curvy Pride Blog.

Un grazie a tutti i soci e le socie che credono nell’Associazione Curvy Pride – APS impegnandosi nel volontariato.

MAMMA, MODELLA CURVY E APPASSIONATA DI CUCINA E BENESSERE
In lotta con la bilancia da quando aveva 14 anni, prova tutte le diete e le ricette possibili ed immaginabili che le promettono un miraggio di dimagrimento (fallendo miseramente nel suo intento, ma al contempo migliorando il suo stile di vita).
A 38 anni incontra la filosofia Bodypositive e Curvy Pride: è amore a prima vista!
Butta la bilancia, ma fa tesoro di tutte le informazioni, le ricette ed i trucchi wellness appresi.
L’importante è stare bene, BEAUTY AND HEALTH HAVE NO SIZE-
Bellezza e salute non hanno taglia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: