UNA MASCHERINA SOTTO L’ALBERO

Era Novembre ed era anche un giorno come un altro, o almeno COSÌ CREDEVO!

Quel giorno dovevo andare a fare la spesa e, presa dalla noia più totale del lockdown, mi recai al centro commerciale.

In realtà sapevo già che quel giorno sarebbe stato un po’ diverso perché non dovevo solo fare la classica spesa per la casa, ma dovevo anche compiere una missione importante: cercare il regalo di Natale per una nonnina. Stavo infatti partecipando ad un bellissimo progetto di un’associazione che conosco, progetto in cui vengono raccolti i desideri di Natale di molti anziani d’Italia che abitano in case di riposo. Tramite le strutture vengono scelti regali da destinare e spedire agli anziani. Un gesto meraviglioso non trovate?

Entrai quindi in un negozio per cercare il regalo per “nonna F.” e trovai una bella coperta in pile con orsacchiotti natalizi che mi diede subito una sensazione di calore. Vicino alla cassa vidi inoltre un cesto pieno di mascherine tutte colorate a tema natalizio, mi ci fiondai immediatamente a guardarle una ad una!

Il mio desiderio, essendo infermiera, è sempre stato quello di donare un sorriso ed un po’ di atmosfera natalizia ai miei nonni della Rsa, tanto che tutti gli anni indosso cerchietti con simpatiche renne, maglie di Babbo Natale e così via. Quest’anno ovviamente l’oggetto “cult” è la mascherina.

Presi quindi la coperta di pile, la mascherina e mi recai a pagare. Senza accorgermi e pensando ad alta voce dissi :”Tanto lavorerò anche questo Natale”. Il commesso mi guardò e mi chiese che lavoro facessi, io risposi: “INFERMIERA” sfoderando un orgoglioso sorriso che si percepiva anche da sotto la mia mascherina.

Mi guardò di nuovo con un’espressione dolcissima del viso e mi disse: “Se non si offende, gliela vorrei regalare. Grazie per tutto quello che fate e non solo ora”

fotografia personale di Chiapparini Laura

Giuro che a momenti piangevo, avevo gli occhi pieni di commozione per quelle parole; con il nodo in gola lo ringraziai e gli promisi che l’avrei indossata anche pensando a lui ed alla sua salute.

Credevo che quel giorno sarebbe stato diverso, ma non così tanto! Entrare in un negozio per comprare un regalo solidale per una nonna sconosciuta e ritrovarsi un regalo così prezioso tra le mani, veramente non ha prezzo!

Ringrazio le persone come questo commesso che credono ancora nei gesti di bontà e gentilezza e che, nonostante la forte crisi economica in atto, contribuiscono senza accorgersi alla felicità di altre persone.

RICORDATEVI DI DIFFONDERE AMORE, NON SOLO A NATALE!

Questo articolo è stato scritto dalla socia e blogger LAURA CHIAPPARINI che dedica parte del suo tempo personale alla crescita del CURVYPRIDEBLOG

Un grazie a tutte le socie ed i soci che credono nell’associazione Curvy Pride-APS impegnandosi nel volontariato

Chiapparini Laura, infermiera, blogger e Curvy model .
Il mio motto di vita è SPQR: “sorridi per qualsiai ragione”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...