#DilloaCurvyPride intervista all’autrice ALESSIA PROIETTI

I 33+1 protagonisti ed autori del libro DILLO A CURVY PRIDE sono persone comuni che hanno aperto il loro cuore e raccontato spaccati della loro vita, vincitori del contest promosso dalla Giraldi Editore in collaborazione con l’Associazione CURVY PRIDE – APS. Abbiamo deciso di intervistarli per farveli conoscere.  

Oggi si aprirà a noi: ALESSIA autrice del racconto “La filosofia della felicità: modi di essere e di sentire”

Breve descrizione personale Sono Alessia Proietti, ho 28 anni (compiuti da poco) e sono laureata in scienze psicologiche applicate.

Qual è stata la motivazione che ti ha spinto a partecipare al concorso letterario “DILLO A CURVY PRIDE”? Mi piace scrivere e mettere per inscritto le mie emozioni ed i miei pensieri. Provo contentezza nel fare ciò. Sono laureata in psicologia e amo questa disciplina ed essendo una persona profonda e dalle mille sfaccettature, mi piace convidere la mia essenza e il mio modo di guardare la vita. Scrivere per me è il modo migliore per dimostrare cosa penso. Inoltre sapevo di avere del potenziale, di poter raccontare cose autentiche, toccanti ma allo stesso tempo leggere e di trasmettere allegria e spensieratezza. 

Quali sono i temi che affronti nel tuo racconto? Nel mio racconto tratto di emozioni, psicologia, forza, leggerezza.

Cosa speri che il tuo racconto possa trasmettere a chi lo leggerà? Che in poche pagine si percepisca l’essenza di come sono, trasmettendo così il concetto che il rapporto positivo col proprio corpo può influenzare positivamente il vivere la vita; autostima, senso della bellezza inteso come il vedersi belli per come si è e senza pensare a stereotipi. Il corpo è la parte esterna di noi ma è il contenitore in cui abitiamo, e se cerchiamo di abitarvici nel miglior modo possibile, ci sentiamo meglio in generale . Volevo che la gente capisse che oltre ad accettarsi ci si può  anche amare davvero. In fin dei conti, siamo troppo abituati a un mondo in cui si elogiano sempre gli altri e mai sé stessi. Noi però non siamo meno di nessuno e l’autostima dovrebbe diventare una cosa piu’ comune e spontanea. Sembra paradossale ma amare il proprio corpo è molto piu’ naturale e semplice di quel che si pensa, poiché siamo nati in esso e perché non dovremmo imporci di non essere abbastanza. Inoltre, dovremmo rispettarlo, anche per onore ai nostri genitori che in quel corpo ci hanno fatto nascere. 

E’ cambiato qualcosa in te dopo aver scritto il racconto? Se sì, cosa? No, poiché già prima ero sicura prima di me. Sono stata ancora piu’ contenta poiché ho potuto finalmente esprimere dei miei pensieri e come sono

Una volta lessi una frase che citava “l’umanità ha bisogno di ascoltare storie”, secondo te perché? Perché la lettura e l’ascolto aiutano le persone a confrontare le loro idee, a  migliorarle e a riordinarle. Le persone leggendo possono acquisire forza, provare a fare tesoro delle esperienze altrui per poter superare prima le proprie, e possono sentirsi meno sole.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro? Frequentare la scuola di specializzazione in psicoterapia, imparare alcune lingue straniere, continuare a scrivere, dedicarmi al lavoro nella campagna dove vivo.

Cosa ti rende felice? Vivere, semplicemente esistere e vivere la vita. E poi la psicologia, i miei cugini che sono piccoli, la campagna, i miei nonni, poter leggere tanti libri, imparare tutto quello che mi capita di apprendere.

Completa la frase “Puoi fare qualsiasi cosa se… dai piu’ peso alle tue capacità che ai tuoi limiti

Il libro “DILLO A CURVY PRIDE – Storie di vita” a cura di Antonella Simona D’Aulerio, pubblicazione Giraldi Editore con prefazione di LUCA WARD e omaggio di TONI SANTAGATA è in vendita in tutte le librerie, sul sito della casa editrice (www.giraldieditore.it) e su tutte le piattaforme on line

Questa Intervista è stato scritta dalla socia, collaboratrice dello staff e autrice del libro #dilloacurvypride Valentina Parentiche dedica partedel suo tempo alla crescita dell’Associazione Curvy Pride – APS


Valentina Parenti (@momincolors ) sogna un mondo senza stereotipi di genere, positivo e attento all’integrazione sociale per questo è membro Curvy Pride, BodyPositiveCatWalk e ha creato @FelicitàFormosa su Parma. Valentina educa i suoi figli ad una “vita a colori” ed è il segreto della felicità #educareallafelicità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...