Categoria: Curvy Confidential

Autostima, il regalo più bello che possiamo farci

Capita spesso, soprattutto ultimamente, di sentir parlare di AUTOSTIMA. Ma  cosa è realmente? Dove si trova? La possiamo comprare? Si può ordinare su Amazon? Ovvio che no… ma ognuno di noi dovrebbe averne tanta!

Se cerchiamo di definire cosa sia l’autostima, magari ricavandone il significato googlandone la parola su internet, viene fuori che, questa tanto nominata autostima, non sia altro che, per citare le parole esatte “…il processo soggettivo che porta un individuo a valutare e apprezzare se stesso tramite l’auto-approvazione del proprio valore personale fondato su autopercezioni”. Ed è proprio qui che, come si suol dire, casca l’asino. Definiamo il nostro valore mediante la stima e la percezione che abbiamo di noi stessi e, da che mondo e mondo, si sa che ognuno di noi sia il peggior critico di se stesso e se a questo sommiamo che, al giorno d’oggi, ci troviamo a vivere in una società che vuoi o non vuoi, è sempre pronta a puntare il dito e a giudicare, emarginare, svalutare. Come fare, quindi, ad avere un’ottima percezione di sé? Da cui far scaturire un’alta autostima che ci permetta di promuovere il nostro valore ed affrontare al meglio qualsiasi sfida il mondo che ci circonda ci proponga?

Per molto tempo me lo sono chiesta e nel mio piccolo credo che la risposta più semplice sia AMARSI.

images

Ognuno di noi dovrebbe amare il proprio essere, il proprio corpo, il proprio carattere. Accettare le proprie sfaccettature, imparare a trarre il meglio da quello che ha e valorizzarsi. Tanto semplice a dirsi ma, ahimè, non altrettanto semplice a farsi.

Ognuno di noi, per natura, tende a notare in primis i propri aspetti negativi, i propri difetti o quello che manca e molto spesso nemmeno facciamo caso al potenziale che abbiamo, alla nostra unicità e a quanto ognuno di noi sia speciale. In più, il contesto che ci circonda, non ci aiuta, anzi contribuisce in senso contrario. Non importa che tu sia basso, grasso, alto, magro. La bassa autostima può colpire chiunque. Dal più timido al più estroverso: di gente che non crede nel proprio potenziale ne possiamo trovare ovunque. Cresciamo ignari che, se non prendiamo consapevolezza del nostro valore, otterremo risultati mediocri nello studio, nel lavoro ma anche nelle relazioni amicali e amorose.

Da qualche parte ho letto che “solo credendoci grandi, faremo cose grandi“. Ma quanto è difficile applicare al nostro quotidiano tutto questo? E’ davvero possibile cambiare la propria vita, il proprio status, le proprie relazioni migliorando la propria autostima?

untitled1

Non sono nessuno per dare la risposta a questa domanda ma tanto vale provare, cosa abbiamo infondo da perdere?

Oggi è un buon giorno per iniziare a guardarsi allo specchio con occhi diversi, guardare il nostro riflesso e pensare che siamo abbastanza, che non ci manca nulla e che abbiamo molte cose positive e belle su cui puntare.

Sicuramente a colpo d’occhio stonerà quel kg di troppo, il naso a punta, i fianchi troppo larghi, le gambe storte, le cosce grosse o che ne so qualsiasi difetto ma provate ad andare oltre, iniziate a sorridere, guardatevi ancora e sorridetevi.

a

Nello specchio c’è la persona più importante delle vostra vita. Tutto quello che di fondamentale avete e in quella persona che vedete sono racchiusi tutti gli strumenti che vi occorrono per vivere la vita che volete. Iniziate oggi a essere la versione migliore di voi stessi, iniziate ad amarvi e ad ascoltarvi. Cominciate ogni giorno a notare ciò che di voi stessi più vi piace e i vostri punti di forza. Giorno dopo giorno, passo dopo passo, sarà sempre più facile imparare ad apprezzarsi e amarsi per quello che siamo e riscopriremo anche lati di noi stessi davvero inaspettati.

imaqges

Con l’avvento di settembre che è anche tempo di nuovi inizi, nuove consapevolezze, nuove scelte… scegliamo di amarci di più, di imparare a volerci più bene. Credendo in noi stessi e nel nostro potenziale e guardando al mondo che ci circonda con un pò di positività in più anche le piccole sfide che prima ci sembravano impossibili diverranno possibili. Basta volerlo!

untitled

Non ci resta che provare a farci questo bel regalo. Buon autostima a tutte! Santa Pentangelo, ormai quasi trentenne. Eterna sognatrice innamorata dell’amore e della vita che merita sempre di essere vissuta al meglio delle nostre possibilità, mettendoci sempre il cuore.01C10939-44FE-4415-8B5F-02D732C065AE.jpeg

Annunci

Come si fa ad essere felici e grassi allo stesso tempo?

Come si fa nella nostra società ad essere felici e grassi allo stesso tempo?
Forse non si può, oppure forse si può. Ecco la mia, personale, testimonianza. Io “D” Donatella. 100 kili di pura allegria. Mi racconto così senza troppi peli sulla lingua.

Mi chiamo “D” e sono gravemente obesa. Fin da piccola, per via di una malattia che mi ha colpito alla tenera età di 5 anni, ho ingerito molti farmaci, che uniti fra loro mi hanno fatto gonfiare molto. Mi sono quindi trovata a soli 8 anni ad esser più grassa delle mie amiche. Col tempo la malattia si è alleggerita, lasciando lo spazio alla vita, che molto spesso sa essere crudele. Alcune volte venivo derisa per strada perché ero troppo grassa, ma io temeraria e fiera di me, e della mia forza, ho continuato a camminare a testa alta.
Poi un giorno mi sono sentita abbandonata da chi aveva promesso di restarmi sempre accanto.
E così dopo questo dolore, che inizialmente non sono stata capace di affrontare, mi sono rifugiata in un mondo tutto mio.
Lì il cibo era mio amico, mi faceva sentire bene, mi faceva sentire amata.

Poco tempo dopo però si era sviluppata una grande grave dipendenza. Un circolo vizioso.
Il cibo mi dava gioia ma mi rendevo conto che mi stava anche uccidendo.
Così dopo tanti tentativi, tante lacrime e dolore, ho imparato che il cibo da tanto piacere, ma che bisogna saperlo dosare.

L’obesità è la malattia del cuore. Non è mangiando che si colma il vuoto che sentiamo. Il cibo ci dà gioia momentanea, ma siamo noi che dobbiamo costruire la nostra felicità, giorno per giorno.
Ricordatevi, nulla può riempire un vuoto però possiamo imparare a convivere con quel dolore e imparare ad amarci per quello che siamo. Perché siamo tutte stupende.

Donatella Fenio

Mi chiamo Donatella Fenio, sono nata a Salerno. E sono una persona molto positiva. Odio ogni tipo di discriminazione, ed amo scrivere. Ho già pubblicato il mio primo romanzo Il segreto di Gabrielle Ross un thriller erotico che parla della violenza sulle donne. Amo la vita e tutte le sue sfaccettature.

Finché cibo non ci separi

Amare una persona con problemi di peso a volte non è facile.
Spesso porta con se un bagaglio di insicurezze grande quanto il frigorifero che nei momenti bui alcune volte ha svuotato.
Per quante volte gli dimostrerete di amarle, loro avranno sempre il dubbio “ma gli piaccio davvero”?

Ma vi spiego perché di così tanta insicurezza.
L’amore per chi è un po’ sferico come me non è sempre rose e fiori e cioccolatini. Oddio, cioccolatini magari sì. Io personalmente ne ho mangiati tantissimi ad ogni crisi esistenziale post fidanzatino che ti molla.
Nel periodo adolescenziale è un massacro. Ricevi bigliettini d’amore dal più bello della classe per poi scoprire che è uno scherzone organizzato, ti viene detto che non troverai mai nessuno, che “sei carina, se solo perdessi qualche chilo..”. Già l’adolescenza fa schifo, figuriamoci se ci si mette anche la ciccetta sui fianchi a dare il colpo di grazia.
Così, dopo una trafila di rifiuti, l’autostima va un po’ a calare. Ed è in questi momenti che arriva il fenomeno di turno che ti dispenserà la perla delle perle: “dovresti accontentarti del primo che passa”. Ah beh! Che stupida, e io che credevo nell’amore. Colpa della tv, dannato elettrodomestico dispensatore di ideali irraggiungibili!!!
Idioti a parte, negli anni ho capito che il problema non era del tutto mio.
Se uno è uno str… lo è sia magro che grasso. E se si è in sovrappeso non è che per questo non si possa aspirare ad avere un fidanzato simil bronzo di Riace. L’ho tipo capito a 36 anni, ma su, alla fine ci sono arrivata pure io.
E vi assicuro, tante persone si son sentite dire frasi come quelle nella loro vita.
Prima di amare qualcuno dovrete però nutrirvi. Nutrire voi stessi di amore.
Nulla come amare se stessi ti farà splendere. Troppe volte i nostri chili di troppo hanno soffocato la nostra personalità, che è lì, che sgomita tra i rotolini, che vuole uscire e conquistare il suo posto.
La troverete la persona giusta, è così per tutti. Io il mio bronzo di Riace l’ho trovato, ma come gli dico sempre “anche se avesse la panza da birra lo amerei lo stesso”.
Ci si innamora di anime, non di custodie.
E se qualcuno vi lascia perché avete messo su peso, beh non vi merita.
Non è vero amore se è “finché cibo non ci separi”. L’amore vero è fatto di ben altro, perché la bellezza con gli anni passa, si invecchia, ma è quello che siamo realmente dentro che rimarrà per sempre.

Silvia Massaferro è un’appassionata di fotografia, antiquariato e…piante grasse, alla quale si sente molto affine! Osserva la vita da un punto di vista tutto suo, con ironia ed un tocco di sarcasmo.

Una ciambella tra i fenicotteri

Piscina.

Per me un incubo l’idea di andarci a passare anche solo mezza giornata. Vuoi perché odio l’estate, vuoi perché non so nuotare, vuoi soprattutto per l’ansia da prova costume.
Anzi, togliamo pure le altre opzioni, potrei affogare tranquillamente nella calura estiva se però avessi un fisico da bikini.
L’ho schivata per anni, ma con il pargoletto cresciuto, le sue martellanti e, vi assicuro, convincenti richieste mi hanno portata ad accompagnarcelo.

Trovare un costume che costasse poco “perché NON CE LI SPRECO € PER UNA ROBA CHE FARO’ UNA VOLTA NELLA VITA a dir tanto” e che potesse coprire quella portaerei di fondo schiena che ho e le bocce che fanno capoluogo di provincia non è stato semplice.
Tutto questo perché NON HO UN FISICO DA BIKINI.
Ma quale mai sarebbe questo fantomatico corpo che può permettersi di essere esposto in luogo pubblico dotato di acqua?
Da quando ne ho ricordo, le pubblicità di costumi da bagno ci hanno abituati a corpi magri, adolescenziali, eterei. Donne che in costume a triangolo corrono sulla battigia con lunghe falcate senza quasi toccare la sabbia. Cosa che se lo facessi io cadrei tipo dopo due secondi inciampando in un paguro.

Per anni questa era pertanto la mia idea di fauna tipica di una piscina, così il pensiero di dovermi confrontare con le Dee del cloro non mi allettava molto.
Ma mi son fatta coraggio, cuore di mamma.
Ed arrivata in piscina ho avuto un’epifania.
Siamo passati prima davanti alla piscina grande, e qui ecco il catalogo di gnocca al mare. Bellissime, magrissime, fisici acerbi.
Poi siamo arrivati (in realtà sono stata trascinata) alla piscina dei bimbi.
E qui la rivelazione. Le mamme con i bimbi erano normali, simili a me, e permettetemi la vanità non ero manco tra le “messe peggio” per quelli che erano i miei parametri fino a quel momento.

Ho riguardato verso la piscina grande: quei fisici acerbi che tanto invidiavo erano realmente acerbi. Erano ragazzine. A far tanto 16/17 anni.
E che diamine faccio, mi metto in competizione con fisici di 20 anni in meno?
Ci siamo talmente tanto abituati a corpi di ragazzine nelle pubblicità che ormai siamo convinti sia quello il corpo di una DONNA. Ma non è così.
Ci ostiniamo a tentare di ritornare indietro di anni tra diete e creme, quando invece dovremmo semplicemente essere consapevoli che c’è il momento di essere la gnocca in costume e c’è il momento di essere semplicemente in costume.
Perché per ognuna di noi in realtà c’è sempre il momento giusto.
E allora freghiamocene dei paragoni.
Sarò la ciambella in una piscina colma di fenicotteri rosa, ma non per questo non degna di galleggiare pure io.

Silvia Massaferro è un’appassionata di fotografia, antiquariato e…piante grasse, alla quale si sente molto affine! Osserva la vita da un punto di vista tutto suo, con ironia ed un tocco di sarcasmo.


Ogni sacrosanto giorno

Mettere pressione o “fretta” alle persone di dimagrire spesso porta all’effetto contrario, perché non tutti dimagriscono rapidamente, magari stanno facendo molta fatica a scendere anche solo di un chilo, magari erroneamente non mangiano manco più e nonostante questo la perdita di peso non si nota, magari non possono permettersi economicamente trattamenti o palestra, magari sono pigri ma cercano di fare il possibile con i loro tempi…

Per tutte queste persone anche mezzo etto perso è un successo ENORME e uscirsene con frasi del tipo “dovresti fare così se vuoi davvero perdere peso“ o “quando vai in palestra?” o “ma non eri a dieta?” le smontano, le umiliano, e fanno sentire che per quanto ci si sforzi non sarà mai abbastanza.

Vi siete mai chiesti perché si vede poca gente con problemi di obesità in palestra? Ve lo dico io, che dieci anni fa quando ero magra ci andavo ed anche volentieri ed ora solo la parola mi manda in crisi. Non perché siamo tutti pesaculo che non vogliono far fatica, ma perché tante volte andare in palestra è come salire al patibolo, sotto lo sguardo di sufficienza di chi è in forma o perlomeno atleticamente passabile, dove lo spogliatoio è una camera di brusii e risatine verso la tua persona… e poi ti insacchi in tute non pensate per un corpo come il tuo, che ti mettono ancora più in evidenza tutti i difetti, che ventimila specchi in sala pesi saranno pronti a ricordarti ogni secondo di quella dannata ora in palestra.

Tu sarai lì che ci provi a fare gli squat, mentre la maglia ti si arrotola a tapparella, e spesso l’unico “squat” che sentirai sarà in realtà il rumore della tua ciccetta sudata che sballonzola, pedalerai per interminabili minuti trasudando anche l’acqua del battesimo, ti sottoporrai ad estenuanti circuiti. Ma per quanto tu ti possa impegnare, ci sarà sempre qualcuno che preferirà stare a guardarti anziché pensare al suo di allenamento.

Se non si ha una gran forza di volontà è facile allora gettare la spugna. Perché sinceramente, chi ce lo fa fare di diventare lo show comico di punta della giornata? Facile parlare di “ma devi amare te stesso” , “eh ma un po’ di autostima!” o “l’autostima devi creartela da te” se poi appena metti piede fuori di casa è un campo minato di giudizi (e a volte non serve neanche uscire di casa che ci pensa la famiglia a fare il lavoro sporco).

A nessuno piace essere definito “grasso”. A nessuno. E’ il rispetto che serve. NON ESALTARE MA RISPETTARE. Perché non è neanche giusto esaltare l’eccessivo sovrappeso come “ciccia è bello abbasso le ossa” o l’eccessiva magrezza, perché si darebbe un messaggio nuovamente errato.

Eh sì, cari dispensatori di osservazioni, chi è “grasso” sa di essere “grasso” e sa che a certi livelli non fa bene per la salute senza bisogno che gli venga ricordato OGNI SACROSANTO GIORNO.

Silvia Massaferro è un’appassionata di fotografia, antiquariato e…piante grasse, alla quale si sente molto affine! Osserva la vita da un punto di vista tutto suo, con ironia ed un tocco di sarcasmo.

Il sovrappeso. Un incubo. E la mia mente alla ricerca di un modo per dimagrire e compiacere il mio uomo

Una nostra amica che vuol restare anonima ci racconta la sua storia. Una storia che riguarda tante di noi: cercare di essere “altro” per piacere al nostro “uomo”. Ma siamo proprio sicure che stiamo insieme alla persona giusta?

Sono una di quelle donne che ha vissuto sempre in conflitto col proprio corpo, il sovrappeso. Un incubo. Ho imputato a questo quasi tutti i miei fallimenti.
Ho alternato periodi di forte sovrappeso a periodi che io chiamavo di “normalita” e in uno di questi ho incontrato l’uomo che sarebbe diventato mio marito.
Tutto bello e fantastico fino a quando il mio essere ha ricominciato a bussare incessantemente e i chili arrivavano senza chiedere il permesso, uno sull’altro gravando sulla mia impotenza.
Bene. Da lì il suo graduale rifiuto, anni chiusa a dormire in un’altra stanza, il mio respiro era grasso colato che dava fastidio, la mia voce era grasso colato che dava fastidio e la mia mente viaggiava solo alla ricerca di un modo per dimagrire e compiacere il mio uomo.
La solitudine interiore mi ha psicanalizzata portandomi a valutare semplicemente l’allontanamento delle persone negative dalla mia vita.
Un giorno guardandomi allo specchio e parlando con me stessa esclamo: “Sei bella, ti manca solo la libertà di pensare e agire con la tua testa“.
Oggi? Beh oggi sono sempre io con i miei 98 chili, mangio se ho fame e non mangio se non ho fame.
Donne morbide ricordatevi che non siamo noi quelle sbagliate, le menti chiuse sono sbagliate e per fortuna non ce ne sono molte, ovviamente dobbiamo accettarci per come siamo e se non ci vogliono è solo un problema loro….
A proposito sono divorziata 😜

Il coraggio di una curvy

Buongiorno a tutti, mi presento… Mi chiamo Elisabetta, sono una donna di 37 anni che, ora, ha una vita piena divisa tra lavoro, famiglia, casa ed hobbies.

Ho deciso di intitolare così il mio primo articolo perché, per arrivare fin qua, ho avuto forza, determinazione, coraggio e voglia di sorridere. Di tornare a sorridere.

Questi ultimi anni non sono stati molto facili e nemmeno così tanto felici. Non voglio annoiarvi, ma parlare della rinascita dopo questo periodo… Avevo preso più di 40 kg. Da una tg. 46 ero arrivata ad indossare una tg 58. Non ero più io. La Elisabetta, sempre truccata, ben vestita e con gli occhi felici era stata presa in ostaggio da una giovane che non si voleva bene. Problemi di salute, discussioni familiari e un po’ di depressione mi avevano inghiottito. Accumulavo peso quanto frustrazioni e delusioni. Guardavo mia figlia e mi sentivo in colpa perché non riuscivo a giocare con lei come voleva. Non mi guardavo nemmeno più allo specchio. Un giorno però, per sbaglio, il mio sguardo ha osservato il mio fisico li, proprio davanti a quello specchio tanto odiato e mi sono detta: “Come sei arrivata fino a qui?”, “Perché non ti vuoi più bene?”. Non sapevo darmi una vera risposta… Era tutto ed era niente… Ero certamente una ragazza triste. Disorientata.

Eccomi al mare…

Da quell’incontro fra la Elisabetta “Top” (del passato) e la Elisabetta “fragile” era nato un caos… Ho cominciato a non mangiare o a farlo poco e niente, a non dormire e pensavo, pensavo… Per due settimane sono stata davvero male poi, non so, mi sono fatta CORAGGIO ed ho affrontato le mie frustrazioni, ho parlato allo specchio gridando tutto quello che avevo dentro e mi sono ritrovata. Certo, detto così sembra stupido, sembrano solo parole ma è stato così. Da quel giorno, 27 febbraio 2018 le due “Elisabetta” hanno fatto pace e convivono. Ho iniziato una dieta seguita ovviamente dalla nutrizionista, ho cominciato a camminare.

Da sola la dieta non bastava…
Attività fisica, musica nelle orecchie che attraversava il cuore e tanta voglia di riuscire. Ho iniziato a dimagrire.
#obesità #dieta #musica #camminare #natura #vogliadifarcela

Tante passeggiate in mezzo alla natura.. gli alberi, il profumo di vita e il sole sulla pelle. Pian piano ho iniziato a vedere i primi risultati. Poi, mi è stato chiesto di partecipare ad un piccolo concorso locale per diventare Miss Curvy. Non volevo, mi sentivo impacciata e goffa ma il coraggio mi ha tirato da un braccio e mi ha fatto affrontare il giudizio della gente e della giuria stessa. Da lì, è nato un nuovo modo di vedere le cose… Invece di dire no a tutto… Mi sono detta Prova a dirti:”Perché no?”.

20 Ottobre 2018
La mia prima sfilata “curvy” con annesso concorso di Miss e Mister Oasi Piemonte che ho anche vinto.
#sfilate #vittoria #curvy #curvyitaliane #curvymodel

La cosa ha avuto seguito perché sto facendo tante piccole cose che hanno incredibilmente aumentato la mia autostima. La cosa principale è che, in questi mesi, ci sono stati, è innegabile, tanti momenti difficili, ansiosi, ma sono riuscita a “dominarli”.

Felice di far parte di questo gruppo!
#curvygirl #orgogliocurvy #accettazione #esseresestessi #labellezzanonhataglia #curvypride

Quando ero ragazzina ed avevo qualche kg in più, venivo presa in giro, ora del mio fisico Mediterraneo sono orgogliosa. Non sono e non voglio essere come le altre, ma sono riuscita a trovare un equilibrio. Bisogna sempre trovare stimoli, migliorarsi per essere in pace con se stessi, ma non sono i kg in più che determinano il nostro valore.

Non dobbiamo sentirci a disagio se abbiamo qualche curva di troppo, dobbiamo trovare la serenità, un equilibrio con il proprio corpo. Non dobbiamo trattarlo male. MAI.

Forse sembra tutto banale e scontato. Alla fine però, se ci pensiamo bene, dobbiamo essere coraggiosi per essere come siamo, senza emulare nessuno, soprattutto in una società basata spesso e volentieri sull’apparenza. Ci vuole coraggio, tanto CORAGGIO, per ritrovarsi, apprezzarsi e amarsi ogni giorno. E voi, siete coraggiose?

Eccomi…
45 Kg in meno,
sempre “curvy” e felice di esserlo, ma sopratutto…
sorrisi veri e tanta tanta stima di me stessa!
#rinascita #curvygirl #rispettodisestessi #amarsi #fidarsidisestessi #insiemesipuò

Elisabetta Giordano

Amo la vita e le sfide…. Sono una donna con i piedi nel presente e lo sguardo rivolto al futuro. Sempre alla ricerca della bellezza dell’essere. Curiosa, creativa… Insomma… Viva!

Sono una #CurvyPrideBlogger

“Il coraggio più grande risiede nell’essere se stessi. Imperfetti. Originali. Unici.” (A. De Pascalis)