LOVE CURVY – SCEGLIERE NOI STESSE: una giornata dedicata all’autostima!

Domenica 10 giugno 2018 a Rubiera (Reggio Emilia) un evento dedicato al connubio tra ciò che scegliamo di indossare e la percezione che abbiamo di noi stesse.

L’ATELIER (boutique di abbigliamento Curvy e non solo di Rubiera) in collaborazione con l’Associazione CURVY PRIDE hanno organizzato un evento per affermare il diritto a un’idea di bellezza che non discrimini e non crei modelli irraggiungibili e dannosi.

L’evento si svolgerà in via Trento 6/A, a Rubiera (RE) dalle ore 16:00 per promuovere il rispetto e l’amore della diversità fisica, per una cultura della vita di tutti i giorni in cui essere in armonia con il proprio corpo e con la propria mente viene prima di essere perfetti.

pizap

Per migliorare l’autostima è necessario imparare a volerci bene. SCEGLIERE NOI STESSE!” afferma Marianna Lo Preiato, Presidente dell’Associazione Curvy Pride, “Scegliere chi siamo e chi vogliamo essere senza condizionamenti o limiti imposti dall’esterno. E’ importante sentirci bene e sentire che ciò che indossiamo trasmette qualcosa di noi. Scopriremo così che anche l’abbigliamento può darci un grande aiuto nell’imparare a stimarci di più”.

1460224_1491199431157988_8740494345650065373_n.jpg

L’evento vuole far riscoprire l’importanza di sentirsi bene con se stesse, di curare il proprio aspetto non per gli altri ma per se stesse, il sentirsi a proprio agio senza vergognarsi se il proprio corpo non rispecchia i requisiti imposti dai media” dichiarano  Renata Caprioli e Paola BestettiL’intento è anche di invitare la gente a uscire dal mondo virtuale dei social per incontrarsi di persona, per conoscersi, abbracciarsi e condividere momenti di allegria che riscaldano il cuore.

L’evento è arricchito momenti molto coinvolgenti:

CAMBIO LOOK PER ALCUNE PARTECIPANTI a cura di Luca Sala (make-up artist e personal shopper)

DIRETTE SOCIAL condotte da Marianna Lo Preiato (Presidente Associazione Curvy Pride) insieme alle partecipanti all’evento per promuovere la pluralità dei modelli di bellezza

CONSIGLI PER UN LOOK CHE TRASMETTA LA NOSTRA UNICITA’ grazie all’esperienza e all’amore per questo lavoro di Renata Caprioli e Paola Bestetti (titolari de L’ATELIER)

FLASH MOB a chiusura della giornata, pieno di allegria per puntare all’autostima e al buonumore

BAND DI MUSICA JAZZ che accompagnerà l’evento.

ar_Bologna 2014 (4)

Non potete mancare!

Vi aspettiamo!

 

Contatti:

L’Atelier (via Trento 6/A Rubiera (RE) – 3755505299)

Associazione Curvy Pride (curvypride@gmail.com – 3478264983 – FB curvy pride – Instagram curvypride_official – Twitter curvypride_real)

se_curvy_pride

Annunci

CURVY PRIDE TATTOO: MONITO PER ESSERE SEMPRE FIERA DI ME STESSA

Tania Betti è una fotografa freelance a cui piace “inventare,  intrigare, giocare con il set e creare ogni volta nuovi mondi e nuove storie da raccontare”.

L’abbiamo conosciuta grazie a uno dei suoi tatuaggi che ci ha commosse e inorgoglite: Curvy Pride come monito per essere sempre fiera di se stessa.

E poi ci siamo letteralmente “innamorate” di lei, perché oltre dalla sua oggettiva bellezza estetica siamo state travolte dalla sua profondità intellettuale, dalla sua tangibile determinazione e dal suo acuto umorismo.

Grazie Tania per essere entrata a far parte del nostro mondo!

Chi è Tania? Volendo essere pragmatica; io sono una maniaca del controllo, e da qui la scelta “biologica” di fare fotografia di moda e non reportage. Sono fondamentalmente una creativa, futura sposa di un fumettista, mamma adottiva di una gatta cicciotta, appassionata amante del sushi e netflix addicted!

IMG_20180528_210707_886

Da fotografa cosa cerchi in un’inquadratura? L’inquadratura è la prima cosa che fa della fotografia una forma d’arte e non una scienza esatta, in quanto implica la soggettività del punto di vista (metaforico e letterale). C’è chi pensa infatti che fotografare debba significare rappresentare la realtà così com’è, ma quello che ognuno di noi vede in una foto non è altro che quello che il fotografo ha deciso di farci vedere, escludendo parti della scena e mettendone in risalto altre. Personalmente nelle mie inquadrature cerco in primis di esaltare il soggetto e di armonizzarlo con ciò che lo circonda, e spesso di fatti il mio punto di vista è frontale rispetto ad esso.

IMG_20180528_210721_761

E in una modella? Una modella per colpirmi deve avere delle caratteristiche ben precise: deve essere sicura di sé, conoscere e saper valorizzare il proprio corpo, seguire le mie indicazioni nelle pose ma metterci sempre un po’ di iniziativa, e piuttosto che essere bellissima avere qualche particolare imperfezione che la renda unica ed interessante (sono una grande fan di diastema, lentiggini ed orecchie a sventola!).

IMG_20180528_210704_181

Cos’è per te la bellezza? Ho sempre detto, e sempre dirò, che la bellezza non risiede nel peso bensì dell’armonia delle forme. Da brava ex studentessa di lettere classiche mi piace sempre citare in proposito il buon vecchio Seneca: “una bella donna non è colei di cui si lodano le gambe o le braccia, ma quella il cui aspetto complessivo è di tale bellezza da togliere la possibilità di ammirare le singole parti“.

IMG_20180528_210718_322

Uno dei tuoi tatuaggi ci ha emozionate infinitamente. Cosa ti ha spinto a farlo? Abbiamo tutti presente il detto “predicare bene e razzolare male” ecco diciamo che sono sempre stata tanto brava a sostenere le curvy (donne e modelle) quanto a darmi addosso per il mio peso. Ho sempre avuto un rapporto conflittuale con il cibo ed il mio tatuaggio l’ho fatto in un momento di autoconsapevolezza, come monito affinché mi ricordasse di andare fiera di me e del lavoro che tutt’ora faccio su me stessa per trovare il mio equilibrio.

IMG_20180528_210714_885IMG_20180528_210711_449

Cosa significa per te Curvy Pride? Curvy Pride per me è un messaggio di positività ed autostima, un’incitazione a piacersi e ad accettare che non c’è niente di sbagliato nel guardarsi allo specchio e a sentirsi belle e a proprio agio anche con quei chili in più!

se_curvy_pride

 

LO SFOGO DI CARMEN: NON RIESCO A GUARDARMI ALLO SPECCHIO

Una nuova amica, una lettera piena di dolore, una richiesta di aiuto…

Carmen vorrebbe reagire, ma da sola non ci riesce. Le apriamo il nostro cuore?

“Ciao Curvy Pride. Ciao Maryanna Lo Preiato.

Purtroppo non riesco a guardarmi allo specchio. Non riesco. Mi guardo e vorrei solo piangere. Ne ho prese nella vita delusioni, ne ho sopportate ma le ultime sono state per me peggio di una spada nel cuore. Sto prendendo antidepressivi e il mio peso non sto qui a dire dove è arrivato.

Di solito sono quella che dà coraggio a tutti, che per tutti mette una buona parola e che anche di fronte alle cattiverie mette o, per lo meno, cerca di mettere pace, ma è difficile dare forza a noi stessi.

Amo il canto! E’ la mia vita, la mia passione ma in questo periodo non ho voglia di mettermi in gioco. Ho paura del giudizio della gente: “mamma che pancia”, “ma con quel fisico dove deve andare”…, classici giudizi quando non si capisce che spesso si aumenta di peso per stress, delusioni e non solo per il cibo.

31437394_2095826243767986_1616836822216736768_n

Io ringrazio voi che date la possibilità di esternare tutto ciò. Sono sicura che l’aver esternato ciò che provo dentro mi potrà aiutare a superare questo momento. Perché ci siete voi, c’è Gesù che mai abbandona, ci sono quei pochi amici che mi vogliono bene, i miei nipoti, la mia famiglia e Anna Cicalese che mi conosce e sa cosa il canto significhi per me… ma ora no non ce la faccio a mostrarmi alla gente, non riesco…

Carmen Cosenza

se_curvy_pride

GIULIA GAMBINO E IL SUO SFOGO

Giulia Gambino è una splendida ragazza, piena di vita. Amica e socia di Curvy Pride, Giulia è da tempo nel “mondo curvy” come testimonial e modella “alternativa”, come si definisce lei.

16684758_10210672915571376_1807184453_n.jpg

Nel seguire le sue pagine abbiamo letto un suo post e riteniamo giusto condividerlo per provare a realizzare ciò che suggerisce Giulia.

Premettiamo che l’Associazione Curvy Pride non ha e non avrà mai il compito di suggerire diete o cambiamenti alimentari radicali dello stile di vita delle proprie amiche (in un verso o in un altro), che sono di competenza di medici e strutture sanitarie. L’Associazione Curvy Pride non cura alcun tipo di malattia (bulimia, anoressia, obesità grave, ecc.).

Crediamo, però, che quanto scritto da Giulia debba farci riflettere e valutare se, tutte insieme, possiamo darci una mano. Non per dimagrire o ingrassare, ma per affrontare insieme ciò che ci preoccupa. Un caffè insieme, una chiacchierata, una risata, un selfie, un qualunque gesto di vicinanza per non sentirsi sole. Condividere un’esperienza personale potrebbe aiutare qualcun’altra che sta vivendo una situazione simile, ma non sa come affrontarla.

Cosa ne pensate?

Leggete il post di Giulia e… parliamone.

“Si parla molto dei disturbi alimentari riferendosi solo ad anoressia, bulimia e obesità grave, quella rimediabile solo con l’intervento chirurgico allo stomaco. Viene spesso tralasciata l’obesità iniziale e il sovrappeso, patologie che riguardano il 35,3% della popolazione italiana adulta; da anni soffro di questo disturbo e non credo di essere mai riuscita a controllare questa situazione forse per lo scarso impegno e la poca consapevolezza degli effetti paradossi o ancora meglio, ho sempre cercato strade secondarie per sviare il problema.

Oggi mi è stato diagnosticato il problema e le problematiche che il mio corpo ha a causa di questo. Tralasciando lo spavento, perché per la prima volta ho concepito chiaramente la situazione (sicuramente grazie alla determinazione del medico e per le tabelle che avevo davanti), mi sono sentita una cretina perché non sono riuscita in questi 10 anni a proteggere il mio corpo da situazioni molto negative che il mio comportamento alimentare ha causato. Purtroppo, a parere del medico, non sono l’unica che si trova a ragionare solo a fatti avvenuti, sarebbe bello se ci fossero delle organizzazioni, informazioni, media che con consapevolezza e autorità, aiutassero le persone che stanno per superare la soglia a fermarsi un attimo e capire veramente cosa comporta una scorretta alimentazione e assenze varie di movimento.

Ciò non vuol dire quello che tutti sappiamo ovvero mettiti a dieta altrimenti diventi obeso, ma aiutare moralmente, perché una persona che come me non si rende conto della gravità della questione ha prima di tutto un deficit comunicativo e morale. Forse tutto ciò si potrebbe riassumere con la chiacchierata con l’amica, con il compagno/a, con i bambini e con i dottori, esattamente ciò che a me è mancato! Mi aspetta 1 anno molto duro, credo sarà il più lungo della mia vita ma non posso darla vinta a 30 kg di grasso che stanno rovinando la mia salute! Forza e Coraggio”.

se_curvy_pride

 

 

PER NOI “THE VOICE OF ITALY” E’… MARYAM!

Maryam Tancredi sta partecipando a The Voice of Italy, il talent televisivo in onda su RaiDue che va alla scoperta di nuove voci per la musica italiana.

pizap.com15243695499151.jpg

Maryam ha un grande dono: una voce sublime che attraversa mente e cuore lasciando letteralmente inebriati.

Maryam possiede una forza di carattere invidiabile: non si lascia sopraffare da chi crede che per raggiungere un sogno bisogna obbligatoriamente adeguarsi a specifici “canoni estetici”. E non crolla neanche nel leggere commenti offensivi e demotivanti espressi da chi, probabilmente, non sa nemmeno cosa sia un SOGNO.

Maryam è dolce, è umile, è vera!

Maryam quando hai iniziato a cantare? Da piccolissima, non avevo ancora imparato a camminare e già cantavo.

Cosa provi quando canti? Cantare per me è tutto! Riesco a esternare tutte le mie emozioni, tutto quello che non riuscirei a dire con le semplici parole.

Cos’è per te la musica? La musica ha sempre rappresentato la mia valvola di sfogo… fin da piccolina, quando non mi sentivo adatta al mondo che mi circondava, mi chiudevo nella mia camera e cantavo!

Si sono girati tutti e quattro i giudici di The Voice. Cosa hai provato? Quando si sono girati tutti e quattro i giudici non ci potevo credere!!! Non ho realizzato fino quando non mi sono rivista in video!

pizap.com15243694817121

Il talento basta da solo per raggiungere un sogno? Io dico sempre, per riuscire in qualsiasi cosa bisogna avere le tre G: POSTO GIUSTO, MOMENTO GIUSTO e PERSONE GIUSTE, con ovviamente TALENTO al primo posto!

Sono apparsi dei commenti offensivi nei confronti del tuo fisico, come hai reagito? In realtà sono arrivata a 19 anni a non fregarmene del parere altrui. Sono convinta che le persone che giudicano dietro a un pc sono e resteranno dietro a un pc a vedersi spiattellate in faccia le vittorie altrui!

Cosa diresti alle ragazze che rinunciano ai propri sogni perché non rientrato in determinati “canoni estetici”? Non fatelo mai! L’aspetto fisico non può e non deve essere un limite. Se ci mettete passione e dedizione in quello che fate e se ci credete veramente supererete anche le barriere dei “canoni estetici”.

Per Maryam toccare il cielo con un dito è…? Per Maryam toccare il cielo con un dito è vivere di ciò che ama, di MUSICA.

IN BOCCA AL LUPO, MARYAM! SIAMO CON TE!

P.S. Per chi non avesse ancora visto il video di Maryam alle Blind Auditions, un consiglio: GUARDATELO! Vi emozionerete come ci siamo emozionate noi!

 

se_curvy_pride

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA MISS ANNI ’50 DI AVANTI UN ALTRO: FRANCESCA GIULIANO

Francesca Giuliano è incredibilmente disponibile, solare e molto simpatica. Di una bellezza mozzafiato, Francesca è ormai un punto di riferimento del mondo curvy.

Battezzata da Paolo Bonolis con l’appellativo “La Miss anni ’50” è diventata la punta di diamante del programma “Avanti un altro” in onda su Canale 5.

pizap.com15237235215582

Francesca si confida con Curvy Pride.

Che donna sei? Mi definisco “una ragazza di casa”, nel senso che sono cresciuta seguendo i “sani principi”. Sono un tipo di donna molto semplice, direi verace.

Qual è il rapporto con il tuo corpo? Il rapporto con il mio corpo in età adolescenziale è stato molto conflittuale, avendo già una quarta abbondante di seno all’età di 9 anni. Ho iniziato a ingrassare molto, a 24 anni pesavo molti chili. Poi ho deciso di dimagrire, perdendo circa 20 chili. Ma quando un ragazzo che mi piaceva molto mi disse “Adesso sei uguale alle altre” non ho ripreso tutti i chili, ma ho deciso di accettare di più le mie curve. Quello che noi pensiamo siano dei difetti possono diventare punti di forza. NON OMOLOGHIAMOCI! SIATE VOI STESSE! RENDETEVI UNICHE!

pizap.com15237234712121

Cosa pensi della Curvy Revolution? LA CURVY REVOLUTION credo sia un grandissimo segnale di ribellione contro uno stereotipo di bellezza irraggiungibile e falso, che spesso porta alla morte.

Che consiglio daresti alle ragazze che desiderano entrare nel mondo della tv? Di essere veramente convinte e determinate perché è una strada molto difficile, ma assolutamente di seguire il proprio sogno e non tradirlo. Di andare fino in fondo. NON ARRENDERSI MAI DAVANTI ALLE PORTE CHIUSE IN FACCIA perché è lì che dovete tirare fuori tutta la vostra caparbietà. LA COSTANZA, LO STUDIO, IL SACRIFICIO VI FARANNO VINCERE.

pizap.com15237235761213.jpg

Un messaggio per tutte le amiche di Curvy Pride? Io, La Miss Anni 50′, sono con loro e ci sarò, quando vorranno, a battermi con loro in prima fila, per far sentire la nostra voce… Curvy è bello, basta con le anoressiche in tv, basta con suicidi di ragazzine che vedendo “bellezze” malate di anoressia si uccidono perché pensano di essere loro le sbagliate. Basta a tutto questo!!! Vi abbraccio tutte!!

se_curvy_pride

Contatti

CURVY PRIDE – ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE

Email curvypride@gmail.com

Sito e blog www.curvypride.it

Facebook Curvy Pride

Twitter @curvypride_real

Instagram @curvypride_official

DALLA SLOVENIA PER… PIZZA E CURVE!

Un successo inaspettato per PIZZA E… CURVE!!!

Il 29/03/2018 un gruppo di donne partirà su di un auto combi dalla SLOVENIA dirette in Italia dove incontreranno il gruppo di Venezia.

Vesna e le sue amiche si uniranno alle tante donne di tutte le taglie e forme che si sono date appuntamento lo stesso giorno allo stesso orario per lanciare insieme tramite i social un importante messaggio:

affermare il diritto a un’idea di bellezza che non discrimini e non crei modelli irraggiungibili e dannosi, soprattutto per le adolescenti.

Per la prima volta, inoltre, non sarà cattiva educazione tenere i cellulari accesi a tavola!

Una giocosa provocazione per trasformare le amicizie „social” in amicizie reali, un momento per incontrarsi dal vivo e abbracciarsi, per aiutare anche le più introverse, le più „bullizate” a guardare la vita… in FUCSIA! Insieme si può!

L’appuntamento è per giovedì 29 Marzo 2018 dalle ore 20:00 alle ore 23:00 in tutta Italia!

Le città italiane che hanno già aderito sono: BOLOGNA (referente Marianna Lo Preiato); ROMA (referente Simona D’Aulerio ed Elisabetta Viccica); MILANO (referente Francesca Angelo); TERNI (referente Noemi Matteucci); PISA (referente Francesco Simone e Renata Palmieri); Provincia di SALERNO (referente Anna Cicalese); VENEZIA (referente Alessia Tiozzo); CAMPOBASSO (referente Carmen Mastrangelo); FERRARA (referente Federica Tartari); TERMOLI (CB) (referente Maddalena Tricarico); Provincia di NAPOLI (referente Rossella Scotti); Provincia di GROSSETO (referente Elena Guerrini); Provincia di FIRENZE (referente Santa Pentangelo); SICILIA (referente Tanja Fidanca); TORINO (referente Florencia Aragon); ERACLEA MARE (VE) (referente Clarissa Zulianello); BARI (referente Maria Grazia Mongelli); BERGAMO (referente Chiara Boschini); LECCE (referenti Stefano Marinaci e Federica Miglietta); FIUMICINO (RM) (referente Camilla Targa); FORLI’ (referente Loredana Amorosa); TORTORETO (TE) (referente Cinzia Rinaldi); CESENA (referente Alessandro Briaschi); GENOVA (referente Wafy Elsamni); FOGGIA (referente Paola Aquilino); PESCARA (referente Valeria Valente).

E tu, cosa aspetti a unirti a noi?

se_curvy_pride