Etichettato: AssociazioneCurvyPride

ROSSELLA ERRA: VIENI DA … CURVY PRIDE!

Bella, solare e divertente Rossella Erra è l’ambasciatrice del pubblico del programma Vieni da Me di RaiUno, condotto da Caterina Balivo.

Di animo pulito e vero, Rossella è amatissima dal pubblico italiano.

Ecco la sua intervista all’Associazione CURVY PRIDE – APS

Rossella sei diventata un punto di riferimento per tutte noi, portando la tua simpatia e la tua intelligenza in un programma di qualità come Vieni da Me. Ti riconoscono ormai in tantissimi per strada. Come stai vivendo questa tua popolarità?

La sto vivendo che… ancora non ci credo! Non ci credo perché a volte veramente non mi rendo conto di essere in questa trasmissione e di fare ciò che faccio, perché lo faccio con tanto piacere che mi viene naturale.

Quando la gente mi incontra per strada e mi ferma per chiedermi di Caterina, per chiedere di me, per sapere come sono arrivata a Vieni da Me, ancora mi fa tanto strano perché mi dimostrano tanto affetto. E io questo affetto me lo prendo tutto! Perché di questo affetto veramente ne ho tanto bisogno. E quando mi avvicinano, mi fermo con tutti, perché ho proprio voglia di stare con ognuno e di sentire le loro parole ed il loro affetto”.

Abbiamo letto che di professione svolgevi l’attività di commercialista. Come è avvenuta questa svolta nel mondo televisivo?

E’ avvenuta in un momento mio di crisi molto profonda dovuta alla perdita del mio lavoro e, contemporaneamente, alla perdita di mia mamma. E mi sono ritrovata dalla sera alla mattina, a 44 anni, a non avere né più mia mamma, né più il mio lavoro.

Non è stato facile trovarne un altro, mi arrangiavo, facendo qualcosina. Poi, per puro caso, ho letto la notizia che cercavano del pubblico per un nuovo programma. Quindi mi sono proposta. E già al colloquio è emersa la mia grande, grande, passione per la Televisione e per il Gossip. Da sempre! Non so perché. Di pari passo allo studio, l’ho trasformata in una forma di cultura personale. Probabilmente se all’epoca, quando mi sono laureata, ci fosse stata una laurea in questo tipo di materie probabilmente avrei scelto quest’ultima e non quella economica (con tutto il rispetto per la carriera economica internazionale). Quindi mi sono buttata in questa avventura non sapendo esattamente cosa fare ma, anche forse per uscire da questo periodo in cui mi sentivo soffocata, in cui non mi sentivo adeguata, e soprattutto in cui mi sentivo emarginata. Tanto emarginata. Non passava giorno che non piangessi su una sedia a guardare il muro. Un momento veramente difficile. E dopo mesi si è aperta questa piccola porta. Ed io questa porta l’ho spalancata totalmente e ho trovato Caterina Balivo  e tutto il team di Vieni da Me ad accogliermi con affetto incondizionato“. 

L’Associazione CURVY PRIDE – APS  si occupa di promuove la pluralità della bellezza contro bullismo e discriminazioni. In un ambiente come quello televisivo, spesso troppo incentrato sull’apparenza, aver dato voce a una “vera” persona del pubblico vuol significare che qualcosa sta cambiando?

“Sì, io penso che già molto sta cambiando. Sinceramente non è solo l’ambiente televisivo a essere incentrato sull’apparenza. Ci sono fin troppi ambienti dove l’aspetto fisico è una discriminante e non riesco a comprendere perché. Indipendentemente dell’aspetto esteriore ogni persona può dare tanto agli altri, a prescindere anche dal contesto in cui si è. Essere discriminati per la razza, per il fisico, per la propria sessualità lo trovo non solo sciocco ma forse neanche più di moda. Penso che le persone dovrebbero aprirsi a quello che noi siamo dentro e non fuori, a quello che possiamo dare l’uno all’altro. E lo dico veramente con il cuore”.

Hai ascoltato tanti racconti personali di gente famosa e non, tante storie struggenti ma anche di rivalsa e di successo. Cos’é che, secondo te, aiuta a superare i momenti difficili e a ritrovare la propria strada?

“La risposta un po’ più scontata sarebbe dire la forza interiore, la forza che abbiamo dentro di noi. Invece non so perché credo che sia la forza che gli altri ti possono dare. Affrontare le difficoltà con il supporto di un amico, di un parente, con l’amore delle persone che anche ti conoscono poco ma che hanno voglia di darti amore e sostegno. Penso che sia la cosa più bella. Perché molti di noi questa forza dentro non ce l’hanno. O meglio ce l’hanno ma non riescono a farla uscire da soli. Io ho bisogno dell’affetto e dell’aiuto di chi mi sta attorno, anche se le ho conosciute mezz’ora prima, anche si mi danno un semplice abbraccio, per me già quello è tutto.

Certe volte siamo timidi, certe volte non chiediamo alle altre persone. Invece dobbiamo farlo, dobbiamo chiedere aiuto. Probabilmente molti diranno no. Ma per i tanti NO che riceviamo quel SI’ che ci verrà  dato ci aiuterà. In questo non smetterò mai di dire grazie a Caterina Balivo e tutto il team di Vieni da me, perché mi hanno sorriso, aiutato, accompagnato, sono diventati la mia famiglia adottiva che mi incoraggia ad andare sempre avanti“.

Siamo in tante che ti seguiamo con infinito affetto, quale consiglio daresti per portare un po’ di straordinario nella quotidianità della vita delle nostre socie, così come hai fatto tu?

“Io in questo momento mi sento una privilegiata, perché quando io sorrido in televisione lo faccio veramente con il cuore perché partecipo a tutto. Ecco, partecipare alla vita degli altri. Io questo consiglio. Qualcuno potrebbe dirmi sì tu adesso sei in televisione, per te è facile. No, io anche quando non ero in tv, cercavo quando potevo di partecipare alla vita degli altri.

Io credo molto nella condivisione, nell’umanità, nel dare amore. Nel dare un abbraccio, anche due per riceverne solo anche mezzo.

Quindi partecipiamo alla vita degli altri. Perché dalla partecipazione noi possiamo ricevere soltanto bene. E questo ci può far sentire persone straordinarie. E se possiamo, non è sempre facile, anche quando c’è una lacrima che scende, piangiamo, ma piangiamo con un mezzo sorriso. Perché quel mezzo sorriso fa affievolire un pochino il dolore.

Questo per me è lo straordinario… provare a sorridere, se si riesce, anche nel dolore. Non è facile, me ne rendo conto, ma si può provare”.

PERCHÉ DOBBIAMO PARLARE DI BULLISMO.. LA STORIA DI MICHELE

Ci sono argomenti di cui non vorresti mai e poi mai scrivere, ma durante la mia partecipazione a Storie Italiane su RAI 1 (30 settembre 2019) ho conosciuto due persone meravigliose che portano avanti la loro battaglia contro il bullismo a nome di loro figlio che ora non c’è più.

Mi sono entrati nel cuore subito ed io non posso rimanere indifferente davanti alla storia di Michele Ruffino.

Michele è stato vittima di bullismo per anni finché non ha più retto. Non resisteva più agli insulti.

Michele lo chiamavano ANORESSICO.

A Michele gli dicevano che non DOVEVA MAI NASCERE.

A Michele GLI SPUTAVANO ADDOSSO.

Ma lui non ha mai risposto perché come ogni genitore fa con suo figlio Maria e Aldo gli hanno insegnato la buona educazione. Ma non immaginavano che la buona educazione lo avrebbe portato a non sopportare più il dolore.

Non possiamo dire “Ma è colpa dei genitori che dovevano insegnare a loro figlio a rispondere a questi atti”.

Nessuna madre o padre deve insegnare a suo figlio che all’odio si risponde con altro odio anche perché non era nel DNA di Michele.

Questi ragazzi che lo hanno portato a questo gesto estremo lui gli considerava amici, gli invitava a casa alle grigliate e per quegli attimi Michele esisteva, aveva amici e si sentiva per un momento accettato.

Forse lui pensava che facendo queste cose gli altri avrebbero smesso di prenderlo in giro, ma non andava proprio così.

Dopo la grigliata Michele tornava ad essere il bersaglio preferito di questi ragazzi.

Michele era un ragazzo guerriero che ha conosciuto presto la sofferenza ed ha iniziato presto a combattere per la propria vita per colpa di un vaccino scaduto somministratogli quando lui aveva sei mesi.

Ma lui aveva superato questa battaglia e si era rimesso in piedi anche se ovviamente era rimasto con qualche “segno” di quello aveva passato.

Però Michele comunque era un ragazzo normalissimo, pieno di sogni con una famiglia che lo amava e lo sosteneva sempre.

Michele voleva fare il pasticcere e stava studiando per realizzare questo sogno.

Michele per i suoi 18 anni voleva fare la festa in un castello perché voleva essere un principe per un giorno.

Michele sorrideva sempre, anche se dentro stava soffrendo.

Michele aiutava gli altri, anche quelli che lo prendevano in giro.

Michele era altruista, vedeva il lato buono delle persone… Anche se a Michele hanno mostrato solo il lato oscuro.

Michele era un ragazzo come gli altri, che amava la sua famiglia, che amava viaggiare e che aveva già dimostrato che poteva superare qualsiasi difficoltà perché Michele si era rimesso in piedi.

Michele voleva degli amici perché si sa quando si è adolescenti è sempre bello avere qualcuno con cui parlare, uscire o fare le piccole “cavolate adolescenziali” che abbiamo fatto tutti.

Michele aveva il diritto di sentire l’ansia della notte prima degli esami.

Michele aveva il diritto di preparare la sua tesina.

Michele aveva il diritto di aspettare con ansia i risultati per poi festeggiare con chi gli voleva VERAMENTE bene, perché sono sicura… Michele la maturità l’avrebbe superata senza problemi.

Michele aveva il diritto di godersi la sua estate da maturando e di chi anche questo risultato se l’era portato a casa.

Michele aveva il diritto di crescere, avere la sua pasticceria a Torino e godersi ogni momento della sua vita come tutti i suoi compagni.

Michele aveva il diritto di avere sul passaporto innumeri timbri di entrata di Paesi diversi, ed aveva il diritto di inviare le cartoline o portare dei piccoli ricordi ai suoi genitori e a sua sorella.

Michele aveva il diritto di continuare a sorridere.

Michele poteva arrivare veramente lontano perché ci metteva passione nei suoi sogni.

Ma Michele non c’è più.

Michele non farà nessuna di queste cose di cui NE AVEVA IL DIRITTO.

Michele non ha avuto l’ansia da notte prima degli esami, non è andato a ritirare il suo diploma e non ha festeggiato il traguardo raggiunto con i suoi cari.

Michele non avrà la sua pasticceria, non avrà i timbri sul passaporto e i suoi genitori non appenderanno al frigo con la calamita le cartoline.

Perché Michele non farà più questo?

Perché appunto… Michele non c’è più.

Il 23 Febbraio del 2018 Michele ha deciso che era troppo da sopportare, non reggeva più agli insulti, alle botte, agli sputi.

Michele è saltato da un ponte.

Michele è morto.

Michele ha lasciato un vuoto nella vita di Mamma Maria, di papà Aldo e della sorella Jessica.

Michele ha lasciato un vuoto nel mondo che non lo vedrà mai scrivere la sua storia personale.

E se pensate che di mezzo c’è il fatto che la famiglia non prestava attenzione ai segnali… Bè posso dirvelo con certezza che avete sbagliato.

Michele aveva il supporto psicologico.

Michele aveva una famiglia che parlava con lui e cercava di risolvere i problemi insieme.

Ma Michele si sentiva un peso, non voleva portare altri problemi in casa dato che pensava che ne avevano già a sufficienza anche se ai suoi genitori non importava loro volevano solo aiutare il proprio figlio.

Quel peso che lui si sentiva è stata la sua pietra al collo.

Ma Michele non si è buttato… Michele è stato spinto.

Michele è stato spinto dalle parole e dalle violenze verbali e non che subiva OGNI SINGOLO GIORNO.

“Però i genitori potevano andare a denunciare il fatto a scuola”. Penserete.

Lo hanno fatto, ripetutamente ma la scuola non si è mossa… Non ha fatto niente per fermare quei bulli che hanno distrutto la vita ad un ragazzo che AVEVA IL DIRITTO di godersi ogni singola esperienza della sua esistenza.

Ma di tutta la storia, la parte che mi ha fatto più male è che Michele non ha avuto pace nemmeno il giorno del suo funerale.

Mentre ormai lui non poteva emanare più nemmeno un respiro, mentre i suoi cari piangevano perché avevano perso una delle persone più importanti della loro vita.

Fuori davanti all’epigrafe di Michele c’era uno dei bulli che lo aveva spinto al gesto estremo.

E pensate che era dispiaciuto per quello che era successo o comunque si sentiva in colpa?

La risposta è un grande, immenso e doloroso NO!

Quel ragazzo ancora una volta ha deriso Michele… “In questa foto è venuto bene… Nella realtà era molto più brutto e sgorbio”.

A casa mia questa si chiama insensibilità.

Il ragazzo è stato denunciato.

Il ragazzo è libero.

Chi ha spinto Michele a farla finita si sta godendo la propria vita, sta facendo le proprie esperienze e camminano per strada a testa alta.

Chi ha spinto Michele a farla finita non ha mai chiesto scusa.

Chi ha spinto Michele non si sente in colpa e non abbassa la testa dalla vergogna quando vedono mamma Maria, papà Aldo o la sorella Jessica.

Fanno finta di niente. Fanno finta che Michele non sia mai esistito.

Ma noi sappiamo che Michele è esistito e continua a vivere nel cuore dei suoi genitori ed acquisisce ancora più vita nel cuore di chi conosce la sua storia e l’abbraccia.

Io ho deciso di abbracciare la sua storia e di abbracciare Michele perché io ho vinto la battaglia, io ho vinto il dolore ed ora mi sento ancora più in debito con il mondo.

Perché lui non è qui, non ha voce per parlare e siamo noi la sua voce. Siamo noi che siamo stufi che sempre più giovani decidono di suicidarsi perché l’essere umano non ha più empatia, perché l’essere umano è indifferente al dolore dell’altro.

Mettetevi per tre minuti nei panni di questa famiglia distrutta dal dolore, fate finta che Michele sia vostro figlio.

La sentite quella fitta nel petto, quel nodo in gola e la mancanza di ossigeno?

Se io che non ho figli ho provato una sensazione di totale disperazione e impotenza immagino chi sta leggendo ed è un genitore.

Adesso immaginate portare quel dolore dentro ogni singolo giorno.

Perché è questo che si portano dietro Maria e Aldo e lo leggi dai loro occhi carichi di dolore perché non potranno più abbracciare il loro Michele.

Ed ora parlo ai giovani che stanno passando per questo momento e non vedono la luce alla fine del tunnel.

Cercate sempre aiuto, non sentitevi un peso perché non lo siete.

Si può uscire dal buio che vi circonda, non posso dirvi che sarà un percorso facile perché non lo sarà.

Ma ci riuscirete.

Perché vi posso assicurare che se decidete di porre fine alla vostra vita il dolore non se ne va via con voi e rimane con chi vi ama.

Però un ragazzo o ragazza giovane che si toglie la vita per colpa dei bulli non lo ha deciso da solo/a, sono stati influenzati.

Dentro la loro testa risuonano solo le parole che gli sono state attribuite dalle persone che avevano un solo scopo.  Prendersela con il più debole.

Il bullismo è ancora un tabù, il bullismo è ancora considerato “ragazzate che si fanno”.

NO, IL BULLISMO NON È UNA RAGAZZATA. IL BULLISMO È UNA PIAGA. IL BULLISMO UCCIDE.

Il bullismo si è portato via Michele.

Non permettiamo più che questo brutto mostro si porti via altre vite.

Nella stazione di Roma ho salutato con le lacrime agli occhi Maria e Aldo e ci siamo abbracciati stretti stretti ed ho promesso che sarei andata a Torino per un fine settimana per vederli e conoscere Jessica e per andare a visitare Michele nel suo castello.

Il castello in cui nessuno genitore vorrebbe vedere il proprio figlio.

E sono sicura che ovunque sia Michele lui ci sta guardando dal suo castello. Da quella finestra sulla torre e sorride. Sorride perché non è stato dimenticato, sorride perché la sua famiglia ha incontrato persone che gli donano amore e supporto e che insieme a loro mantengono in vita il suo ricordo.

Ma Michele quando chiude la finestra del suo castello sono sicura che piange.

Piange perché non può abbracciare i suoi genitori, piange perché non potrà realizzare i suoi sogni, piange perché non ha ancora avuto giustizia.

Concludo dicendo che c’è bisogno di più sensibilizzazione, tutte le scuole dovrebbero avere uno psicologo scolastico. Tutti gli insegnati come educatori dovrebbero parlare se sono a conoscenza di questi episodi e tutti i presidi dovrebbero dare punizioni esemplari a questi individui che si divertono a spingere i loro compagni verso l’oscurità come se la vita non fosse già abbastanza dura.

I genitori dei bulli non devono difendere i propri figli dicendo “sono ragazzi”.

Si sono ragazzi ma la violenza psicologica è grave. Quindi se venite a sapere che vostro figlio fa questo ad un’altra persona cercate di parlarne, portatelo da specialisti e seguite di più le dinamiche che portano vostro figlio a fare questo con un’altro essere umano.

Una persona che si toglie la vita per colpa di altre nella mia opinione può essere considerato omicidio.

Omicidio commesso dai troppi silenzi, dall’omertà, dalla paura di denunciare.

Sono piccole mani invisibili che hanno spinto Michele da quel ponte, lui non ha deciso di saltare da solo.

Non dobbiamo rimanere più a guardare, non più per Michele e per tutti quei ragazzi nel mondo che hanno deciso che la morte era il balsamo che poteva alleviare il loro dolore.

Uno spirito libero e avventuriera. Con la passione per la recitazione che sogni ogni notte con il suo discorso agli Oscar.
Follemente innamorata della vita e amante delle sue curve.
“Mai smettere di sognare e combattere per ciò che vuoi, metti i tuoi sogni in tasca e portali sempre con te e questo ti ricorderà che sei ancora vivo”.
Estela Regina Baroni

Autostima, il regalo più bello che possiamo farci

Capita spesso, soprattutto ultimamente, di sentir parlare di AUTOSTIMA. Ma  cosa è realmente? Dove si trova? La possiamo comprare? Si può ordinare su Amazon? Ovvio che no… ma ognuno di noi dovrebbe averne tanta!

Se cerchiamo di definire cosa sia l’autostima, magari ricavandone il significato googlandone la parola su internet, viene fuori che, questa tanto nominata autostima, non sia altro che, per citare le parole esatte “…il processo soggettivo che porta un individuo a valutare e apprezzare se stesso tramite l’auto-approvazione del proprio valore personale fondato su autopercezioni”. Ed è proprio qui che, come si suol dire, casca l’asino. Definiamo il nostro valore mediante la stima e la percezione che abbiamo di noi stessi e, da che mondo e mondo, si sa che ognuno di noi sia il peggior critico di se stesso e se a questo sommiamo che, al giorno d’oggi, ci troviamo a vivere in una società che vuoi o non vuoi, è sempre pronta a puntare il dito e a giudicare, emarginare, svalutare. Come fare, quindi, ad avere un’ottima percezione di sé? Da cui far scaturire un’alta autostima che ci permetta di promuovere il nostro valore ed affrontare al meglio qualsiasi sfida il mondo che ci circonda ci proponga?

Per molto tempo me lo sono chiesta e nel mio piccolo credo che la risposta più semplice sia AMARSI.

images

Ognuno di noi dovrebbe amare il proprio essere, il proprio corpo, il proprio carattere. Accettare le proprie sfaccettature, imparare a trarre il meglio da quello che ha e valorizzarsi. Tanto semplice a dirsi ma, ahimè, non altrettanto semplice a farsi.

Ognuno di noi, per natura, tende a notare in primis i propri aspetti negativi, i propri difetti o quello che manca e molto spesso nemmeno facciamo caso al potenziale che abbiamo, alla nostra unicità e a quanto ognuno di noi sia speciale. In più, il contesto che ci circonda, non ci aiuta, anzi contribuisce in senso contrario. Non importa che tu sia basso, grasso, alto, magro. La bassa autostima può colpire chiunque. Dal più timido al più estroverso: di gente che non crede nel proprio potenziale ne possiamo trovare ovunque. Cresciamo ignari che, se non prendiamo consapevolezza del nostro valore, otterremo risultati mediocri nello studio, nel lavoro ma anche nelle relazioni amicali e amorose.

Da qualche parte ho letto che “solo credendoci grandi, faremo cose grandi“. Ma quanto è difficile applicare al nostro quotidiano tutto questo? E’ davvero possibile cambiare la propria vita, il proprio status, le proprie relazioni migliorando la propria autostima?

untitled1

Non sono nessuno per dare la risposta a questa domanda ma tanto vale provare, cosa abbiamo infondo da perdere?

Oggi è un buon giorno per iniziare a guardarsi allo specchio con occhi diversi, guardare il nostro riflesso e pensare che siamo abbastanza, che non ci manca nulla e che abbiamo molte cose positive e belle su cui puntare.

Sicuramente a colpo d’occhio stonerà quel kg di troppo, il naso a punta, i fianchi troppo larghi, le gambe storte, le cosce grosse o che ne so qualsiasi difetto ma provate ad andare oltre, iniziate a sorridere, guardatevi ancora e sorridetevi.

a

Nello specchio c’è la persona più importante delle vostra vita. Tutto quello che di fondamentale avete e in quella persona che vedete sono racchiusi tutti gli strumenti che vi occorrono per vivere la vita che volete. Iniziate oggi a essere la versione migliore di voi stessi, iniziate ad amarvi e ad ascoltarvi. Cominciate ogni giorno a notare ciò che di voi stessi più vi piace e i vostri punti di forza. Giorno dopo giorno, passo dopo passo, sarà sempre più facile imparare ad apprezzarsi e amarsi per quello che siamo e riscopriremo anche lati di noi stessi davvero inaspettati.

imaqges

Con l’avvento di settembre che è anche tempo di nuovi inizi, nuove consapevolezze, nuove scelte… scegliamo di amarci di più, di imparare a volerci più bene. Credendo in noi stessi e nel nostro potenziale e guardando al mondo che ci circonda con un pò di positività in più anche le piccole sfide che prima ci sembravano impossibili diverranno possibili. Basta volerlo!

untitled

Non ci resta che provare a farci questo bel regalo. Buon autostima a tutte! Santa Pentangelo, ormai quasi trentenne. Eterna sognatrice innamorata dell’amore e della vita che merita sempre di essere vissuta al meglio delle nostre possibilità, mettendoci sempre il cuore.01C10939-44FE-4415-8B5F-02D732C065AE.jpeg

Come si fa ad essere felici e grassi allo stesso tempo?

Come si fa nella nostra società ad essere felici e grassi allo stesso tempo?
Forse non si può, oppure forse si può. Ecco la mia, personale, testimonianza. Io “D” Donatella. 100 kili di pura allegria. Mi racconto così senza troppi peli sulla lingua.

Mi chiamo “D” e sono gravemente obesa. Fin da piccola, per via di una malattia che mi ha colpito alla tenera età di 5 anni, ho ingerito molti farmaci, che uniti fra loro mi hanno fatto gonfiare molto. Mi sono quindi trovata a soli 8 anni ad esser più grassa delle mie amiche. Col tempo la malattia si è alleggerita, lasciando lo spazio alla vita, che molto spesso sa essere crudele. Alcune volte venivo derisa per strada perché ero troppo grassa, ma io temeraria e fiera di me, e della mia forza, ho continuato a camminare a testa alta.
Poi un giorno mi sono sentita abbandonata da chi aveva promesso di restarmi sempre accanto.
E così dopo questo dolore, che inizialmente non sono stata capace di affrontare, mi sono rifugiata in un mondo tutto mio.
Lì il cibo era mio amico, mi faceva sentire bene, mi faceva sentire amata.

Poco tempo dopo però si era sviluppata una grande grave dipendenza. Un circolo vizioso.
Il cibo mi dava gioia ma mi rendevo conto che mi stava anche uccidendo.
Così dopo tanti tentativi, tante lacrime e dolore, ho imparato che il cibo da tanto piacere, ma che bisogna saperlo dosare.

L’obesità è la malattia del cuore. Non è mangiando che si colma il vuoto che sentiamo. Il cibo ci dà gioia momentanea, ma siamo noi che dobbiamo costruire la nostra felicità, giorno per giorno.
Ricordatevi, nulla può riempire un vuoto però possiamo imparare a convivere con quel dolore e imparare ad amarci per quello che siamo. Perché siamo tutte stupende.

Donatella Fenio

Mi chiamo Donatella Fenio, sono nata a Salerno. E sono una persona molto positiva. Odio ogni tipo di discriminazione, ed amo scrivere. Ho già pubblicato il mio primo romanzo Il segreto di Gabrielle Ross un thriller erotico che parla della violenza sulle donne. Amo la vita e tutte le sue sfaccettature.

CURVY PRIDE PER ME E’

Perché questo titolo?

Perché oggi ho deciso di parlare di quello che per me è CURVY PRIDE e perché lo faccio?

Perché credo che ognuno di noi abbia una storia del come ha conosciuto questa associazione.

La mia storia inizia nel lontano 2016 quando ho deciso di raccontarmi, premetto che quando ho scritto conoscevo Curvy Pride da poco, ma avevo letto a riguardo dell’associazione e il loro lavoro per me era e continua ad essere strepitoso.

Ho deciso di raccontarmi perché credo che tramite le storie di vita altre persone che stanno passando per lo stesso problema e non parlo solo nell’accettarsi per quei chili in più ma anche per quei chili in meno, quel seno troppo piccolo, quella gamba che non hai o per quelle macchie sulla pelle che ti fanno sentire inadeguato e non ti permettono di goderti la vita.

Ed è proprio questo che fa Curvy pride che tramite le storie di superazione di amore e di conquiste cerca di aiutare gli altri e il mondo ha bisogno di tutto questo.

Ha bisogno di persone pronte ad accoglierti a braccia aperte che mentre ti abbracciano ti sussurrano piano e con delicatezza all’orecchio “Qui non sei sola/o noi siamo qui per te”.

Io tutto questo l’ho trovato in questo meraviglioso gruppo fatto di persone carismatiche, lungimiranti e con tanta voglia di fare.

Negli anni ci eravamo persi di vista ma poi dopo aver caricato una mia foto su Instagram ho usato l’hashtag #curvypride e ci siamo ritrovati proprio come due amiche delle medie che non si vedono da tanto e devono aggiornarsi sulle cose della vita e quel giorno hanno scoperto di avere un’amicizia profonda che negli anni non era mai cambiata anche se non si sentivano più.

Mi hanno proposto di diventare una Curvy Pride Blogger ed anche li non potevo dire di no anche perché scrivere per me è una terapia, è un modo di esprimere me stessa tramite le parole e di aiutare gli altri a rispecchiarsi o a riflettere.

Che dire non mi sono più fermata, sono nate collaborazioni, sono nate occasioni per diffondere le idee di questa associazione che ha un enorme possibilità di espansione non soltanto nazionale ma anche internazionale.

Se potessi definire curvy pride direi sicuramente che è un po’ una mamma.

Ti ascolta, asciuga le tue lacrime e ti consiglia dandoti diverse possibilità di come prendere in mano la tua vita e risplendere nel migliore dei modi.

Questa mamma permette anche ai suoi figli di organizzare incontri e promuovere gli ideali e le idee che è alla base di questa grande famiglia e non c’è nulla di più bello della condivisione.

Questo probabilmente è l’articolo più piccolo che ho scritto per il blog ma se dovessi scrivere tutto verrebbe fuori un libro.

Ora vi faccio io la domanda…

Cos’è Curvy pride per voi?

Chiudo anche questo piccolo articolo con due parole: Gratitudine e Amore.

Gratitudine perché mi hanno sempre insegnato che bisogna sempre essere grati per tutto quello che ci succede nella vita anche le cose negative perché queste ti permettono di crescere e capire veramente chi sei e cosa vuoi fare e trasmettere agli altri.

Amore perché bè io sono dell’idea che se doni amore a qualsiasi persona puoi cambiare la sua giornata.

Non devi conoscerla per forza, ma ognuno sta affrontando delle battaglie personali che non sta a noi giudicare quindi doniamo amore.. Quelle persone lo posso usare come un balsamo per alleviare le ferite di guerra e la possono usare come una bevanda energetica per le battaglie future.

Tanto amore a tutte/i voi.

Uno spirito libero e avventuriera. Con la passione per la recitazione che sogni ogni notte con il suo discorso agli Oscar.
Follemente innamorata della vita e amante delle sue curve.
“Mai smettere di sognare e combattere per ciò che vuoi, metti i tuoi sogni in tasca e portali sempre con te e questo ti ricorderà che sei ancora vivo”.
Estela Regina Baroni

LA SACROSANTA LIBERTA’ DI INGRASSARE O DIMAGRIRE è stata tolta anche a JOHNNY DEPP!

Rallegriamoci Donne, anche Johnny Depp non è libero di modificare il suo peso rispetto a uno “standard” di perfezione, proprio come tutte noi.

O meglio preoccupiamoci Donne, perché tutto cambia affinché tutto resti uguale.

TV, giornali, social si sono mobilitati per gridare al mondo la “spaventosa” diminuzione di peso di Johnny Depp: “Malattia grave? Depressione? Troppo magro! Malato! …”

foto_706525_468x290.jpg

La stessa mobilitazione attuata nel 2015 quando si presentò alla Mostra del Cinema di Venezia e i media urlarono all’intero pianeta lo “spaventoso” aumento di peso dell’attore: “Gonfio e Ingrassato, Sciatto e Irriconoscibile”.

johnny-depp-venezia-72.jpg

Tante battaglie, tante campagne pubblicitarie, tanti flashmob per affermare il diritto alla pluralità dei modelli di bellezza ed eccoci qui a parlare non di meriti artistici, di premi conseguiti o di condanne giuridiche subite. NO, siamo di nuovo qui a parlare di… PESO!

Bene, Donne! Che tutto questo ci serva da MONITO, perché – come dice una famosa canzone – “Tu sei buono e ti tirano le pietre. Sei cattivo e ti tirano le pietre. Qualunque cosa fai, dovunque te ne vai, sempre pietre in faccia prenderai”.

E se le cose stanno così: ALZIAMO LA TESTA, RADDRIZZIAMO LE SPALLE E VIVIAMO CON GIOIA E SERENITA’ LA NOSTRA VITA! Tanto per i giudizi altrui – come recita sempre la canzone – “Sarà così finché vivrai”.

se_curvy_pride

LOVE CURVY – SCEGLIERE SE STESSE: una giornata dedicata all’autostima!

Domenica 10 giugno 2018 a Rubiera (Reggio Emilia) un evento dedicato al connubio tra ciò che scegliamo di indossare e la percezione che abbiamo di noi stesse.

L’ATELIER (boutique di abbigliamento Curvy e non solo di Rubiera) in collaborazione con l’Associazione CURVY PRIDE hanno organizzato un evento per affermare il diritto a un’idea di bellezza che non discrimini e non crei modelli irraggiungibili e dannosi.

L’evento si svolgerà in via Trento 6/A, a Rubiera (RE) dalle ore 16:00 per promuovere il rispetto e l’amore della diversità fisica, per una cultura della vita di tutti i giorni in cui essere in armonia con il proprio corpo e con la propria mente viene prima di essere perfetti.

pizap

Per migliorare l’autostima è necessario imparare a volerci bene. SCEGLIERE NOI STESSE!” afferma Marianna Lo Preiato, Presidente dell’Associazione Curvy Pride, “Scegliere chi siamo e chi vogliamo essere senza condizionamenti o limiti imposti dall’esterno. E’ importante sentirci bene e sentire che ciò che indossiamo trasmette qualcosa di noi. Scopriremo così che anche l’abbigliamento può darci un grande aiuto nell’imparare a stimarci di più”.

1460224_1491199431157988_8740494345650065373_n.jpg

L’evento vuole far riscoprire l’importanza di sentirsi bene con se stesse, di curare il proprio aspetto non per gli altri ma per se stesse, il sentirsi a proprio agio senza vergognarsi se il proprio corpo non rispecchia i requisiti imposti dai media” dichiarano  Renata Caprioli e Paola BestettiL’intento è anche di invitare la gente a uscire dal mondo virtuale dei social per incontrarsi di persona, per conoscersi, abbracciarsi e condividere momenti di allegria che riscaldano il cuore.

L’evento è arricchito momenti molto coinvolgenti:

CAMBIO LOOK PER ALCUNE PARTECIPANTI a cura di Luca Sala (make-up artist e personal shopper)

DIRETTE SOCIAL condotte da Marianna Lo Preiato (Presidente Associazione Curvy Pride) insieme alle partecipanti all’evento per promuovere la pluralità dei modelli di bellezza

CONSIGLI PER UN LOOK CHE TRASMETTA LA NOSTRA UNICITA’ grazie all’esperienza e all’amore per questo lavoro di Renata Caprioli e Paola Bestetti (titolari de L’ATELIER)

FLASH MOB a chiusura della giornata, pieno di allegria per puntare all’autostima e al buonumore

BAND DI MUSICA JAZZ che accompagnerà l’evento.

ar_Bologna 2014 (4)

Non potete mancare!

Vi aspettiamo!

 

Contatti:

L’Atelier (via Trento 6/A Rubiera (RE) – 3755505299)

Associazione Curvy Pride (curvypride@gmail.com – 3478264983 – FB curvy pride – Instagram curvypride_official – Twitter curvypride_real)

se_curvy_pride