QUATTRO RAGAZZE DI CURVY PRIDE NEL CALENDARIO ‘SENSUALITY CURVY’

BRESCIA – Quattro ragazze dell’associazione “Curvy Pride” fanno parte del calendario 2021 intitolato “Sensuality Curvy” ideato dal fotografo delle donne curvy Piero Beghi. Sono Laura Tagliaferro, Silvia Sannino, Laura Chiapparini, e Barbara Braghin. Anche il fotografo fa parte dell’Associazione.

Il Calendario è una splendida idea personale e professionale di Piero Beghi, totalmente slegato dall’Associazione CURVY PRIDE.

Quale messaggio vuole dare con questo calendario?

Lo spirito di questo lavoro è rivolto ancora a quelle donne che vengono ormai conosciute come curvy, donne che non devono sentirsi meno belle o mettere in dubbio la loro femminilità solo perché sono un po’ sovrappeso. Le curvy hanno il loro fascino e la loro sensualità e il calendario intende proprio dimostrarlo.

Come sarà il calendario?

“Sensuality Curvy” sarà un calendario molto curato, tutto in bianco e nero proprio per evocare grazia ed eleganza. Quest’anno, infatti, gli scatti che verranno realizzati si prefiggono innanzitutto di far vedere il fascino e la sensualità delle nostre curvy che, proprio per questo saranno ritratte in lingerie. Non ci sarà però nulla di volgare, ma l’immagine proposta sarà sempre molto glamour e giustamente sexy, affascinante, ma senza mai andare oltre.

È un parametro di bellezza diverso rispetto alle classiche modelle?

Sì e con questo calendario voglio trasmettere una riflessione che è rivolta innanzitutto proprio alle stesse curvy. Donne che presentano qualche etto in più rispetto a certi parametri che vanno per la maggiore e, purtroppo, sono duri da cancellare. Questo calendario, invece, vuole sottolineare la bellezza e il fascino delle curvy, indipendentemente da quello che sembra dire o meno la bilancia. In questo senso mi piace sottolineare un aspetto che è emerso sin dal casting che abbiamo realizzato per individuare le modelle per le diverse fotografie.

Le curvy si sono quindi messe in gioco, ci racconti qualche curiosità…

Le donne che si sono prestate o, in alcuni casi, hanno espressamente chiesto di partecipare, innanzitutto, si sono divertite nel posare davanti alla macchina fotografica. Si sono messe in gioco con grande disponibilità ed entusiasmo ed hanno ricevuto una bella iniezione di autoconvinzione. Mi sembra che proprio questo sia l’elemento più importante che mi ha portato a presentare la seconda edizione del calendario che, è bene ribadirlo, ha il fondamentale obiettivo di valorizzare la donna formosa, donne di diverse età, tutte maggiorenni, naturalmente (la più grande ha 53 anni), con l’unico requisito di portare una taglia dal 46 in su.

Come è stato preparato il casting?

Con una preparazione minuziosa e curata. Visto l’anno del tutto particolare che stiamo vivendo, l’invito a partecipare al casting è partito soprattutto via social. Devo dire che l’interesse suscitato è stato davvero notevole, se solo si considera che, alla fine, è stata coinvolta nell’iniziativa una cinquantina di modelle. Dall’inizio di luglio sino al 9 agosto, complice la necessità di rispettare le distanze e i protocolli di sicurezza (obbligo che ha finito per dilatare i tempi del nostro progetto), abbiamo lavorato nel mio studio per una prima selezione che mi ha portato ad individuare venticinque modelle.

Da dove sono arrivate le modelle curvy?

Come già è accaduto per l’edizione 2020, anche quest’anno si sono presentate modelle provenienti veramente da tutta Italia, dal nord e dal sud, e mi piace segnalare che in questo calendario 2021 ci saranno anche due curvy bresciane (lo scorso anno ce n’era una)”.

Quando farà gli scatti per il calendario 2021?

Domenica 25 e lunedì 26 ottobre nel mio studio definirò immagini e dettagli di tutti i mesi che comporranno il calendario.

Dove sarà presentato il calendario?

L’anno scorso il calendario curvy è stato presentato a Milano. Per questo 2020, complice l’emergenza sanitaria e la necessità di seguire la sua evoluzione, non sono state ancora definite le modalità di presentazione.

Dove sarà in vendita?

“Sensuality Curvy” sarà in vendita sui social e sul sito web. Non si tratta ovviamente di un progetto commerciale, ma di un’opera che vuole schierarsi dalla parte delle curvy. I chili in più non devono mai diventare un problema o una causa di mortificazione. Le donne formose hanno fascino e sensualità in gran quantità. Io voglio dimostrarlo grazie all’obiettivo della mia macchina fotografica e farlo sapere al maggior numero possibile di persone, a cominciare, naturalmente, dalle vere protagoniste di questo lavoro, le curvy stesse.

                   

Il presente articolo è stato scritto dalla socia e blogger Barbara Braghin che dedica parte del suo tempo alla crescita del Curvy Pride Blog.

Un grazie a tutte le socie e i soci che credono nell’ASSOCIAZIONE CURVY PRIDE – APS impegnandosi nel volontariato.

Barbara Braghin è giornalista e blogger. Adora la moda, i film con Marilyn Monroe anche se il suo preferito rimane sempre Pretty Woman. Da sempre fan di Madonna, adora il fucsia e ha una filosofia di vita molto strong: SE INSISTI E PERSISTI RAGGIUNGI E CONQUISTI.

IL MIO INCONTRO CON CURVY PRIDE

Questo incontro non è stato casuale, è stato voluto dal destino. Infatti, digitavo la parola “curvy”. Ed eccomi qui a scrivere il mio perché. Ho 46 anni e nella vita, fino adesso, ho fatto tante esperienze.

Il sorriso di una donna è il suo gioiello più prezioso!

Dopo gli studi sono stata alcuni anni all’estero a lavorare nei villaggi turistici. A 30 anni mi sono trasferita a Roma dove ho lavorato in banca, nelle agenzie di spettacolo, e come assistente onorevole. Ovviamente avevo anche un lato artistico e facevo il personaggio femminile in un trio comico di cabaret. Si andava in scena ogni mercoledì sera a teatro e nei fine settimana si facevano spettacoli in giro per l’Italia. Scrivevo per una testata giornalistica e in diversi blog. Una vita intensa insomma. Talmente intensa che da 75 chili sono diventata 125 chili. Ero vittima di me stessa. Molte persone mi telefonavano per avere contatti e non per cercare me, Barbara. Inoltre nel posto di lavoro di assistente onorevole le colleghe erano spietate. Me la prendevo con me stessa e mangiavo, mangiavo tanto. Sempre. Dolci, torte, panini, stuzzichini, pasta, carboidrati, proteine, zuccheri e chi più ne ha più ne metta.

barbara braghin - curvy pride
Prima e dopo l’intervento bariatrico.

Ero al limite. non ce la facevo più. A 40 anni sono ritornata in Veneto. Ho subito iniziato a lavorare al quotidiano “Il Resto del Carlino”, redazione di Rovigo; e al settimanale “Nuova Scintilla” della diocesi di Chioggia (Venezia). Un giorno sono stata alla casa di cura Madonna della Salute di Porto Viro, la mia città, per fare un’intervista al primario di chirurgia. Mi spiegava che la casa di cura si stava specializzanda in chirurgia bariatrica, la chirurgia dell’obesità. Ho quindi chiesto un appuntamento per fare una visita e ho fatto tutto il percorso per fare l’intervento bariatrico.

E’ stata la mia benedizione. Da 125 chili sono arrivata a 79. Prima di operarmi avevo espresso il desiderio di fare la modella curvy. Un sogno che porto da tutta la vita dentro di me. E così è stato. Quindi, digitando curvy, nei vari social, ho incontrato l’associazione Curvy Pride e ne sono rimasta colpita. Lo scorso ottobre sono stata a Bologna all’evento “Pizza e Curvy” dove ho conosciuto tante splendide ragazze e donne.

73276484_10219790166895383_8541675446108946432_o
Una meravigliosa serata tutta in fucsia!

Poi ho continuato a seguire…. a guardare i social…. ed eccomi qui, in questo magico contesto a raccontarmi. Ognuno ha una storia, ognuno ha un percorso più o meno tortuoso, ognuno ha un modo di affrontare la vita. Io l’affronto sempre con le 3F “Forze, Fede, Fiducia”.

74229570_10219790160775230_6160856107637014528_o
Con Marianna Lo Preiato, presidentessa di Curvy Pride

Il presente articolo è stato scritto dalla socia e blogger Barbara Braghin che dedica del suo tempo alla crescita del Curvy Pride Blog.

Un grazie a tutte le socie e i soci che credono nell’ASSOCIAZIONE CURVY PRIDE – APS impegnandosi nel volontariato.

Barbara Braghin è giornalista e blogger. Adora la moda, i film con Marilyn Monroe anche se il suo preferito rimane sempre Pretty Woman. Da sempre fan di Madonna, adora il fucsia e ha una filosofia di vita molto strong: SE INSISTI E PERSISTI RAGGIUNGI E CONQUISTI.