Etichettato: beneficienza

“Ora e per sempre. Uniti per Amatrice” intervista a DANIELA PALUMBO

Daniela Palumbo è un’artista poliedrica. Ha una voce soave e potente che arriva direttamente al cuore. In più è una persona generosa, estroversa ed estremamente sensibile come abbiamo avuto il piacere di scoprire la sera in cui l’abbiamo conosciuta di persona, presso il nostro Curvy Pride Point Caffè Letterario Mameli27.

Il suo racconto del 23 Agosto 2016 e il suo progetto “Ora e per sempre. Uniti per Amatrice”.

Daniela, come è nata l’idea della canzone “Ora e per Sempre – Uniti per Amatrice”? L’idea del brano nasce dall’esperienza vissuta in prima persona del terremoto ad Amatrice. Il 23 Agosto 2016 mi trovavo a Cornelle per esattezza, un piccolo paesino a pochi chilometri dal centro di Amatrice, ospite a casa di amici per passare qualche giorno in tranquillità. La notte del 24, siamo stati letteralmente catapultati fuori da i nostri letti da una scossa di indescrivibile natura. E’ durata pochi minuti ma quella sensazione non verrà mai cancellata dalla mia mente. Io ed il mio fidanzato siamo corsi a prendere i bambini che dormivano nella stanza a fianco la nostra, siamo scesi per le scale e usciti fuori. Intorno a noi tutto era scaraventato a terra, ma fortunatamente la casa ha retto e noi siamo sopravvissuti. Nelle ore seguenti abbiamo atteso di sapere cosa fosse successo. Purtroppo case intorno alla nostra erano crollate e cominciammo a renderci conto di ciò che stava accadendo. E’ stato uno scenario davvero surreale…aver vissuto questa esperienza ha fatto si che mi ponessi molte domande sul senso della vita, e la mia in particolare. Mi sono chiesta cosa poter fare per aiutare quelle povere persone con i miei pochi mezzi…e la risposta è stata cercare di non dimenticare mai, non il terremoto, non solo le vittime, ma quel senso di solidarietà che ci ha unito in quelle ore. Per questo è nata questa canzone.

Chi ha scritto il testo? E la musica? Personalmente mi sono occupata di Testo e Melodia. E’ nata molto spontaneamente perché sono parole davvero sincere. Mi hanno aiutata nell’arrangiamento del brano due musicisti meravigliosi, Riccardo Cruciani al pianoforte e Simone Coria alla chitarra (tra l’altro Simone è il mio fidanzato e si trovava insieme a me la notte del terremoto).

A chi sarà devoluto il ricavato? Dopo varie ricerche ed esserci informati per bene abbiamo optato per versare i ricavati del brano direttamente al conto del comune di Amatrice. Speriamo ovviamente che le donazioni continuino su più fronti. Ognuno è libero di aiutare con qualsiasi mezzo a propria disposizione, noi personalmente essendo musicisti abbiamo optato per una canzone.

577240_4197212851441_2063131261_n

Come si può contribuire? Si può contribuire scaricando il brano da una delle tante piattaforme multimediali come I Tunes o Amazon Music. Basta cercare il titolo del brano “Ora e per Sempre – Uniti per Amatrice“. Altrimenti condividendo il video che trovate su You Tube, per continuare a divulgare questo messaggio di solidarietà.

Siete tornati ad Amatrice dopo il terremoto? Purtroppo non ci è stato possibile, ma siamo perennemente in contatto con i nostri amici, i quali purtroppo hanno dovuto lasciare la loro abitazione ritenuta non agibile ed ora vivono in una Roulotte nel loro giardino. Non hanno potuto/voluto abbandonare Cornelle perché in possesso di numerosi cavalli da nutrire e proteggere, soprattutto in arrivo dell’inverno.

Un messaggio per le popolazioni colpite dal sisma? Semplicemente mi sento anche io parte del popolo di Amatrice. Ero lì, ho visto le macerie, la paura negli occhi e la morte sfiorarmi. Non arrendiamoci, ricostruiamo quel meraviglioso paese, ricordiamo le vittime, i bambini, i profumi di quei luoghi. Vorrei solo stringervi tutti in un abbraccio.

 

Annunci

Red Ronnie presenterà l’iniziativa benefica in favore della ONLUS Gin&Do

In occasione della Festa della Donna sarà Red Ronnie a inaugurare il nuovo showroom Sophia Curvy e a presentare l’iniziativa benefica in favore dell’Associazione ONLUS GIN&DO.

Il brand bolognese di abbigliamento dedicato alle donne curvy ha deciso di inaugurare il nuovo showroom al Centergross devolvendo parte dell’incasso giornaliero a GIN&DO.

Per conoscere meglio l’Associazione e capire come poterla sostenere abbiamo intervistato le persone che l’hanno costituita.

11209606_10205293913241303_5697043235694624357_n

Cos’è l’Associazione GIN&DO? E’ una Associazione ONLUS che nasce alla fine del 2015 dall’impegno e dalla passione di persone che hanno deciso di dedicare tempo e risorse per studiare e migliorare i problemi di salute della donna, in tutte le stagioni della sua vita, dall’adolescenza, all’età fertile, alla menopausa. Il nome è stato studiato sulla base di ciò che più ci sta a cuore. Deriva appunto dalla coniugazione dei due termini GINecologia e DOnna e ci avvaliamo dell’aiuto di specialisti dell’Unità Operativa di Ginecologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana del Policlinico Sant’Orsola di Bologna.

staff23

Di cosa si occupa l’Associazione GIN&DO? Ci occupiamo di ricerca, di formazione, di assistenza e di sensibilizzazione volte al supporto di tutte le donne che desiderano tutelare la propria salute. Sosteniamo l’Unità Operativa di Ginecologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana del Policlinico Sant’Orsola di Bologna, che è un centro di riferimento in Italia e in Europa soprattutto nel campo della chirurgia ginecologia mininvasiva e nel trattamento di una patologia molto diffusa quale l’endometriosi.

Quali sono gli obiettivi? Migliorare le possibilità di diagnosi e cura di malattie importanti e diffuse come l’endometriosi e il dolore pelvico. Sviluppare e diffondere le tecniche di trattamento chirurgico che, a parità di efficacia, siano sempre meno invasive. Organizzare e promuovere attività culturali, così che l’Ospedale non venga vissuto solo come un luogo di cura, ma anche come un polo di scambio di opinioni dove la cultura della dignità della donna sia centrale e diffusa. Formare dei giovani medici e operatori, ai quali vengono insegnate non solo le modalità tecniche, ma anche quelle relazionali, per un approccio alla donna ed alle sue problematiche che metta in risalto prima la persona e poi la patologia. Rendere l’ambiente dell’Unità Operativa di Ginecologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana del Policlinico Sant’Orsola, un luogo più accogliente, sereno ed intimo e meno oppressivo possibile per tutte le donne che vi accedono.

attivita-didattica8

Prof. Renato Seracchioli

Come nasce l’idea del marchio di abbigliamento Sophia Curvy di sostenere l’Associazione GIN&DO in occasione della festa dell’ 8 marzo 2016? Il marchio di abbigliamento Sophia Curvy è diventato un punto di riferimento della Curvy Revolution perché aiuta le donne ad accettare il proprio corpo, a volergli bene, a prendersi cura di sé, incentivandole a far di tutto per migliorare il proprio aspetto e condurre una vita sana.  L’idea di sostenere l’Associazione GIN&DO è nata perché anche noi siamo vicini alle donne sia sotto l’aspetto patologico che psicologico.

In che modo è possibile sostenere l’Associazione GIN&DO? Parlando con amici e conoscenti della nostra Associazione. Aiutandoci a organizzare eventi per raccogliere fondi. Facendo una donazione al conto corrente della Banca di Bologna (IBAN IT10RO888302401016000160534). Donando il 5 X 1000 indicando il codice fiscale 91351190375. Diventando volontario, dedicando un po’ di tempo alle attività dell’Associazione. Chiunque fosse interessato può contattarci all’indirizzo mail: ginecologiaedonna@gmail.com.

Ginec-Ostetr_1034

L’8 Marzo festeggiamo insieme a SophiaCurvy!

In occasione della Festa della Donna si svolgerà presso il Centergross di Bologna un evento di beneficenza a sostegno dell’Associazione Gin&Do, ONLUS che sostiene l’Unità Operativa di Ginecologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana del Policlinico Sant’Orsola di Bologna.

Moda, femminilità, salute e autostima sono alcuni dei capisaldi della festa organizzata dall’Azienda Bernagozzi, proprietaria del marchio di abbigliamento femminile Sophia Curvy.

Alberto Seracchioli ci racconta di Sophia Curvy e dell’Evento dell’ 8 Marzo!

Cos’è “Sophia Curvy”? Sophia Curvy è un marchio giovane che si rivolge alle donne vere alle prese con il proprio corpo tutti i giorni, a cui piace divertirsi con l’abbigliamento, con colori, lustrini e paillettes senza avere problemi di vestibilità.

Come è nata l’idea di un marchio di abbigliamento per donne morbide? L’idea di produrre una linea Curvy nasce dal desiderio di creare una moda più realistica che rispecchi la donna moderna e non quella stereotipata delle pubblicità. Una donna che ha il diritto di sentirsi bella, nella sua unicità e nella sua taglia.

Quale è la mission del brand? Il nostro intento è quello di vestire la DONNA! Il meraviglioso corpo di ogni singola donna, con le sue forme e le sue diverse misure con modelli in sintonia con le tendenze della moda e con prezzi accessibili.

Cosa cercano le donne in un marchio di abbigliamento curvy? Per prima cosa cercano lo stile, la comodità e la sensualità.

Il Gruppo Imprenditoriale creato e gestito dalla famiglia Bernagozzi da quanto tempo opera nel campo dell’abbigliamento? Noi operiamo nel settore taglie forti da oltre 20 anni con il marchio Maxfort rivolto agli uomini. Da 4 anni siamo entrati nel settore dell’abbigliamento curvy femminile con la linea Sophia Curvy. L’azienda Bernagozzi, proprietaria dei marchi, è un’azienda familiare con quasi un secolo di storia. Siamo alla V generazione e stiamo crescendo.

Quali sono gli altri marchi del Gruppo? Abbiamo tre diversi brand: Sophia Curvy, Maxfort e Berna Italia con diversi stabilimenti produttivi.

In cosa consiste la festa dell’8 marzo? La festa è stata pensata per inaugurare il nuovo Show Room del Centergross di Bologna dedicato ai dettaglianti e per far conoscere ai nostri clienti la nostra struttura, la nostra organizzazione e tutte le novità che l’azienda si è impegnata a produrre ogni 10/15 giorni dando l’opportunità alla clientela di movimentare le vetrine con un prodotto fresco, del giusto colore di tendenza in quel preciso momento.

Come nasce l’idea di sostenere l’Associazione Gin&Do in occasione della festa dell’ 8 marzo 2016? L’idea nasce dal fatto che abbiamo la presunzione di poter dare un piccolo contributo alla Curvy Revolution con il nostro lavoro, aiutando le donne ad accettare il proprio corpo, a volergli bene, a prendersi cura di sé, incentivandole a far di tutto per migliorare il proprio aspetto e condurre una vita sana. Anche un vestito può contribuire all’autostima, secondo il principio “sentirsi belle con se stesse ci fa vedere più belle dal mondo che ci circonda”. Abbiamo pensato di sostenere l’Associazione Gin&Do perché è vicina alle donne anche sotto l’aspetto psicologico e, come noi, ritiene che ogni donna abbia diritto a “un’iniezione giornaliera di autostima, accettazione e valorizzazione di se stessa”!