Etichettato: canzone

CURVY LOVE: UNA CANZONE DEDICATA ALLE CURVY!

Vi presentiamo Massimo Rania di Sottotracce che ci ha contattati per far conoscere la loro canzone dedicata alle donne curvy. Lo abbiamo intervistato per tutte voi!

CURVY LOVE, una canzone sul mondo delle curvy. Perché? Parto con il ringraziare per darmi la possibilità di dire alla gente che segue Curvy Pride che amo le curve! Perché? Perché vivo questa realtà sia professionalmente che sentimentalmente. Professionalmente perché lavoro in un bellissimo negozio curvy (Matilda e Kamillo a Travedona Monate) dove da 10 anni gestisco i loro magazzini. Qui ho imparato a conoscere un mondo meraviglioso… fatto di persone con le curve… quelle curve che danno secondo me quella giusta sensualità ad un corpo, quella dolcezza, quell’armonia e quella femminilità… che mi porta a guardare con dolcezza e piacere una donna. Sentimentalmente perché in una sfilata curvy ho conosciuto la mia attuale compagna e moglie che 10 anni fa ho sposato e che mi ha regalato un bimbo meraviglioso che si chiama Cristian. Sì mia moglie è una splendida curvy.

Come è nata questa canzone? Nella mia vita c’è una costante che mi accompagna da sempre: la musica! Una forma d’arte, una forma di comunicazione che arriva prima di tutto al cuore. All’età di 8 anni, dopo seri problemi seri di salute, scopro di saper suonare qualsiasi strumento… da qui comincia il mio percorso musicale che mi porta oggi dopo svariate esperienze musicali come pianobar a creare un gruppo con degli amici cari di sempre… qui nascono le Sottotracce… la prima cosa che mi viene in mente è unire i miei pensieri sentimentali/professionali ad una canzone… qui nasce Curvy Love… questa canzone nasce dopo aver notato una cosa che mi ha colpito tantissimo sui social un piccolo particolare che mi ha fatto pensare a come ci si sente davanti ad un obbiettivo una macchina fotografica, una videocamera ecc… la maggior parte delle donne metteva  la mano o il braccio davanti alla pancia per coprirsi per non farsi vedere… ecco… qui è scattata una molla… ma perché? Perché rinchiudersi in una stanza virtuale mentale fisica per non farsi vedere come in realtà si è? Siete bellissime… qui parlo di un fattore puramente estetico… oggi il mondo, grazie a Dio, è cambiato. La moda stessa guarda le curvy con molta più attenzione… è un mondo in crescita.

Secondo te è cambiato qualcosa nel modo di pensare della gente riguardo alle discriminazioni riguardanti il peso? La canzone dice che dopo che sei andata in un negozio esci con il sorriso e ti senti più bella. La psiche è importantissima. Se ti senti bella agli occhi della gente sei bella… in questi anni c’è stata una parentesi dove il canone di bellezza era sotto una 46 dove una donna era bella solo se rispettava certi canoni (secondo me anoressici) fisici al di sotto di una taglia 46. Secondo me l’estremismo in un senso o nell’altro è sbagliato perché poi andiamo a toccare temi che riguardano la salute. Come dicevo prima il mondo, grazie a Dio, sotto questo punto di vista e sotto altri aspetti sociali sta cambiando. Una persona deve vivere quello che è, non ammalarsi  per dover raggiungere a tutti costi simboli e target assurdi e che non esistono più. Ripeto finalmente ho notato una cosa da quando lavoro in questo negozio ma penso sia una costante in diverse realtà: quando una cliente o un cliente entra in un negozio curvy per la prima volta entra con titubanza e puntualmente li vedo uscire con un sorriso che parte dal cuore… perché hanno trovato quello che li fa sentire più belli… quindi vogliamoci bene e prendiamoci cura della nostra persona… in ogni senso anche nel vestirsi che è importantissimo. E’ vero l’abito non fa il monaco ma aiuta a sentirsi più belli e la gente se ne accorge come dice la canzone. Quindi il problema è solo la tua mente che se colleghi al corpo e al cuore rinasci facilmente… e allora via via restiamo ancora qua…

1.png

Il ritornello “VIA, VIA, VIA” sembra un’esortazione a vivere. Qual è il messaggio che volete diffondere? Il messaggio è quello di vivere di dire via via togliamoci l’etichetta di scuri musoni tristi e goffi noi non siamo così il mondo curvy ragazzi è un mondo meraviglioso di gente bella sia fuori che dentro… se tu ti senti bella la gente se ne accorge. E’ una costante che vorrei fare capire… la vita cambia improvvisamente…

C’è una “curvy” a cui avete dedicato la canzone o che vi ha ispirato? Non in particolare. E’ più un messaggio per tutte quelle persone che hanno paura di mostrarsi come sono… la bellezza non ha forma né colore. La bellezza è bellezza punto.

Per te cosa significa Curvy Pride? Per me significa “branco”, “unione”… ben vengano i gruppi social come questo (in questo caso trasformatosi in Associazione di Promozione Sociale) e come altri perché aiutano le persone a capire che siamo in tanti. E poter esprimere quello che si ha dentro anche attraverso i social… è bellissimo.

Altri progetti per il futuro? Nella mia mente ci sono tantissime idee che metterle insieme e riordinarle non è facile ahahahah… Sono così… dicono un pazzo… e in parte è vero!

2

Il gruppo SOTTOTRACCE è così composto: Massimo Rania (chitarra acustica, voce, autore di musiche e parole), Antonio Invidia (metronomo di Massimo Rania, batterista), Giandomenico Mascheroni (chitarra elettrica solista), Emanuele Rao (bassista, lui è l’imprevedibile manu ma a loro piace così).

Per chi li volesse ascoltare dal vivo:

  • concerto il 26 marzo 2017 alle 15 a Travedona Monate presso Matilda e Kamillo,
  • concerto il 1° maggio 2017 alle 15 a Ranco sul Molo Lago Maggiore.

 1

“Ora e per sempre. Uniti per Amatrice” intervista a DANIELA PALUMBO

Daniela Palumbo è un’artista poliedrica. Ha una voce soave e potente che arriva direttamente al cuore. In più è una persona generosa, estroversa ed estremamente sensibile come abbiamo avuto il piacere di scoprire la sera in cui l’abbiamo conosciuta di persona, presso il nostro Curvy Pride Point Caffè Letterario Mameli27.

Il suo racconto del 23 Agosto 2016 e il suo progetto “Ora e per sempre. Uniti per Amatrice”.

Daniela, come è nata l’idea della canzone “Ora e per Sempre – Uniti per Amatrice”? L’idea del brano nasce dall’esperienza vissuta in prima persona del terremoto ad Amatrice. Il 23 Agosto 2016 mi trovavo a Cornelle per esattezza, un piccolo paesino a pochi chilometri dal centro di Amatrice, ospite a casa di amici per passare qualche giorno in tranquillità. La notte del 24, siamo stati letteralmente catapultati fuori da i nostri letti da una scossa di indescrivibile natura. E’ durata pochi minuti ma quella sensazione non verrà mai cancellata dalla mia mente. Io ed il mio fidanzato siamo corsi a prendere i bambini che dormivano nella stanza a fianco la nostra, siamo scesi per le scale e usciti fuori. Intorno a noi tutto era scaraventato a terra, ma fortunatamente la casa ha retto e noi siamo sopravvissuti. Nelle ore seguenti abbiamo atteso di sapere cosa fosse successo. Purtroppo case intorno alla nostra erano crollate e cominciammo a renderci conto di ciò che stava accadendo. E’ stato uno scenario davvero surreale…aver vissuto questa esperienza ha fatto si che mi ponessi molte domande sul senso della vita, e la mia in particolare. Mi sono chiesta cosa poter fare per aiutare quelle povere persone con i miei pochi mezzi…e la risposta è stata cercare di non dimenticare mai, non il terremoto, non solo le vittime, ma quel senso di solidarietà che ci ha unito in quelle ore. Per questo è nata questa canzone.

Chi ha scritto il testo? E la musica? Personalmente mi sono occupata di Testo e Melodia. E’ nata molto spontaneamente perché sono parole davvero sincere. Mi hanno aiutata nell’arrangiamento del brano due musicisti meravigliosi, Riccardo Cruciani al pianoforte e Simone Coria alla chitarra (tra l’altro Simone è il mio fidanzato e si trovava insieme a me la notte del terremoto).

A chi sarà devoluto il ricavato? Dopo varie ricerche ed esserci informati per bene abbiamo optato per versare i ricavati del brano direttamente al conto del comune di Amatrice. Speriamo ovviamente che le donazioni continuino su più fronti. Ognuno è libero di aiutare con qualsiasi mezzo a propria disposizione, noi personalmente essendo musicisti abbiamo optato per una canzone.

577240_4197212851441_2063131261_n

Come si può contribuire? Si può contribuire scaricando il brano da una delle tante piattaforme multimediali come I Tunes o Amazon Music. Basta cercare il titolo del brano “Ora e per Sempre – Uniti per Amatrice“. Altrimenti condividendo il video che trovate su You Tube, per continuare a divulgare questo messaggio di solidarietà.

Siete tornati ad Amatrice dopo il terremoto? Purtroppo non ci è stato possibile, ma siamo perennemente in contatto con i nostri amici, i quali purtroppo hanno dovuto lasciare la loro abitazione ritenuta non agibile ed ora vivono in una Roulotte nel loro giardino. Non hanno potuto/voluto abbandonare Cornelle perché in possesso di numerosi cavalli da nutrire e proteggere, soprattutto in arrivo dell’inverno.

Un messaggio per le popolazioni colpite dal sisma? Semplicemente mi sento anche io parte del popolo di Amatrice. Ero lì, ho visto le macerie, la paura negli occhi e la morte sfiorarmi. Non arrendiamoci, ricostruiamo quel meraviglioso paese, ricordiamo le vittime, i bambini, i profumi di quei luoghi. Vorrei solo stringervi tutti in un abbraccio.

 

Curve allo Specchio: Barbara Cola

curve allo specchio

Barbara Cola.

Cantante e Attrice.

Non sposata.

Non ho figli.

desmaeleufficiale002

Chi è la donna che vedi nello Specchio? Vedo una donna.Onesta, leale, determinata, femminile.

Che donna sei? Sono in contatto col mondo dello spettacolo e quindi imparo a sviluppare volontà e obiettivi da raggiungere con correttezza professionale, impegno e senza fare uso di comode scorciatoie.

Come sei diventata la donna che vedi? La donna che vedo è diventata padrona dei propri sogni.

Cosa ami e cosa odi del tuo passato? Del mio passato non odio nulla, considero ogni fatto vissuto un’esperienza da far fruttare al meglio. Tendo a sviluppare l’amore e la passione per le cose che faccio e quindi se ci dovesse essere qualche piccolo rimpianto, lo allontanerei dedicandomi solo al presente.  

Ti piaci? Cosa ti piace di te? Di me? Quello che piace agli altri. La capacità di essere a contatto con le mie fragilità e nello stesso tempo usare la mia energia per trasformare tutto in comunicazione.

Cosa cambieresti invece? Cambierei la necessità di avere necessità di continui stimoli esterni per creare. La creatività è una mia urgenza personale che dovrebbe essere ispirata anche singolarmente. Detesto l’apatia di cui alle volte sono vittima.

Che rapporto hai con il tuo corpo? Generalmente non ho un rapporto facile col mio corpo.

fabio-fiorese__sogno-allo-specchio_g    

E con la bilancia? Io e la bilancia? Giornaliero quando sono sotto regime alimentare. Il che accade ciclicamente. Essendo spesso in viaggio sono costretta a frequentare alberghi e ristoranti sempre diversi e non sempre all’altezza di tali mie esigenze.

Come ci convivi con la taglia?  Con la mia taglia sono litigi continui.

Che cos’è la bellezza e quanto è importante per te? La bellezza è esteriore è un fatto molto impegnativo. Non dura per sempre ma la si può preservare adottando accorgimenti semplici, come uno stile di vita sobrio e senza eccessi. La bellezza interiore è importante e i nostri occhi se la portano sempre dietro come un oggetto prezioso.

Barbara e il cibo. Ho un lavoro dove energie creative e mentali e fisiche sono continuamente spese e quindi ho una fame eterna. Mi cibo così come penso. Probabilmente troppo.

A cosa non sai resistere, non solo a tavola? A tavola non sempre so resistere alle cose che fanno male. Non sono però, per fortuna, golosa di dolci.

A cosa non sai rinunciare? A vivere con entusiasmo ogni sfida.

Cosa piace agli altri di te e cosa piace a te degli altri? Cosa piace agli altri di me? Sarebbe una domanda da porre agli altri. Per quando riguarda ciò che apprezzo io degli altri posso essere più precisa: nel lavoro e nel privato, amo l’educazione e la riservatezza e il garbo. Qualità purtroppo molto rare oggi negli uomini come nelle donne.

Quanto conta il giudizio degli altri? Il giudizio si ferma spesso in superficie ed è uno “sport” diffuso. Io penso prima di giudicare. Molti non hanno nulla da fare e praticano giornalmente questa attività del giudicare grazie ai Social, alla Televisione etc… non mi piace. Io sono l’unico spietato giudice di me stessa.

medium_5915938509

Cosa ti fa soffrire? Mi fa soffrire ogni abuso sui più deboli.

Quale aggettivo ti da più fastidio in relazione al tuo corpo? Un aggettivo che mi infastidisce in relazione al mio corpo? Nessuno.

Uomini e curve. Qual è la retta che li unisce? Gli uomini vanno dritti se la donna ha una cura maniacale per la propria forma fisica ai limiti dell’ossessione. Si fermano se la donna si prende cura di se con amore. Si innamorano della femminilità naturale.

Sei felice? Sono serena. La felicità è come ritornare bambini davanti allo stupore e io sono spesso stupita.

Cosa ti rende felice? Mi rende felice mangiare una buona grigliata di pesce sul mare.

Cosa ti manca per essere felice? Una borsa di Prada 😉

La donna in cui ti rispecchi di più. La donna in cui mi rispecchio? Tutte le donne volitive, generose, grintose ma femminili. Non amo “il gruppo” e sono una donna solitaria, attenta e curiosa. Questa curiosità mi salverà, forse e quando avrò qualche anno in più, continuerò spero in questa meravigliosa carriera che sto facendo, prendendomi cura più del mio cervello che delle rughe.

La canzone a cui ti senti più legata. Sono una professionista e sono vent’anni che canto tante canzoni. la domanda è difficile. Non mi affeziono quasi mai ad un brano per tanto tempo. Il pubblico lo fa. Però qualcuna è più sulla mia pelle. Attualmente sono in scena con “Romeo e Giulietta, Ama e cambia il mondo” prodotto da David Zard. Oggi mi emoziona interpretare “Il giorno del Si” e “Vedrai“, alcuni dei brani del personaggio che interpreto, Lady Capuleti. Anche “In amore“, cantata nel 1995 perchè mi ha decisamente cambiato la vita.

598666_602358196458891_1853026305_n

Il film che ami di più. Amo i film. Direi che “Gran Torino” di Clint Eastwood mi ha rapito il cuore. Sono tantissimi i film pregiati. Il cinema è sogno, va da se e quindi limitare il sogno ad un solo Film è un delitto.

La frase che ti racconta. “Siamo fatti della stessa sostanza dei sogni”

Cosa vedi davanti a te? Ho conosciuto Marianna qualche anno fa e siamo subito entrate in contatto energetico.Ti lascia riflettere.Spesso si sta anche in silenzio mentre provo un Outfit. Io apprezzo il silenzio perché mi permette di concentrare l’attenzione sul capo indossato e immaginandolo nelle occasioni di ogni giorno che il mio lavoro impone. Gli Outfit di Femme mi permettono di vestirei con gusto e una giusta originalità che non è eccentrica perché io amo il minimalismo anche addosso. Basta un po’ di pizzo una fantasia non violenta e una leggins di eco pelle e io sono Ok.

desmaeleufficiale001

Di qualcosa a te stessa. Musica, teatro. Barbara, te la suoni e te la canti. Ma lo fai molto bene 🙂