Etichettato: Ginecologia

ENDOMETRIOSI: questa sconosciuta!

wp-1457958956373.jpg

Per conoscere meglio questa complessa malattia cronica ci siamo rivolti all’Associazione ONLUS GIN&DO che sostiene l’Unità Operativa di Ginecologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana del Policlinico Sant’Orsola di Bologna.

E’ possibile contattare l’Associazione GIN&DO all’indirizzo mail ginecologiaedonna@gmail.com oppure telefonando al numero 0512144389.

endometriosi-troppo-tempo-per-la-diagnosi-2719216378[2674]x[1114]780x325[1]

Si sente sempre più spesso parlare di Endometriosi, ma … cos’è? E’ una malattia cronica e spesso progressiva, dove alcune cellule dell’endometrio (la mucosa uterina) si diffondono al di fuori dell’utero. Ogni mese, sotto l’influenza degli ormoni del ciclo mestruale, questo tessuto impiantato da luogo ad un sanguinamento che crea infiammazione e aderenze. Gli organi più frequentemente interessati dall’endometriosi sono l’ovaio, il peritoneo, la vagina, l’intestino, la vescica e gli ureteri. L’invasione da parte dell’endometriosi di tali organi può portare a conseguenze gravi come la stenosi intestinale e la perdita di funzione del rene in seguito a ostruzione ureterale. L’intervento chirurgico di eradicazione dell’endometriosi, spesso necessario negli stadi più avanzati, risulta estremamente complesso a causa dell’infiammazione, delle aderenze e dell’interessamento di multipli organi della pelvi di solito tenacemente adesi tra loro.

staff19

Quali sono i sintomi? Il sanguinamento extra-uterino provoca dolori fortissimi, che incidono pesantemente sulla qualità di vita della donna invalidandone le normali attività quotidiane. Il dolore spesso è maggiore durante e dopo la mestruazione. Altri sintomi sono dolore durante i rapporti, dolore ad andare di corpo e al retto, dolore alla minzione. L’endometriosi può provocare spesso anche infertilità  a causa di multipli fattori quali le aderenze tra gli organi pelvici, l’infiammazione cronica e le alterazioni dell’utero e delle ovaie.

Perché questa malattia si conosce così poco? Purtroppo l’endometriosi ancora oggi non viene subito riconosciuta e tante donne ne soffrono ma non sono a conoscenza dell’effettivo problema. Tuttora il forte dolore durante il ciclo, riferito dalle pazienti viene spesso sottovalutato dal medico curante, dal ginecologo e dai familiari.

Come reagiscono psicologicamente le donne affette dalla malattia? Le donne affette da endometriosi proprio per la presenza dei sintomi sopraelencati hanno una qualità di vita estremamente compromessa. Hanno difficoltà a svolgere le attività quotidiane, l’attività lavorativa e spesso anche la vita sociale. Pertanto presentano più spesso sintomi di disagio psicologico, con livelli più elevati diansia o depressione. I dolori continui portano a uno stato di stress quotidiano, all’idea di essere in balìa della malattia, di non poterla controllare, o addirittura a identificarsi con la malattia stessa. Vi è inoltre la sofferenza legata al fatto di non veder riconosciuto il proprio dolore e la sofferenza psicologica legata alla minaccia di infertilità.

images[8]

È una malattia curabile? Curare l’endometriosi in maniera definitiva purtroppo non è possibile. Esistono però diverse strategie terapeutiche, mediante terapia medica e/o chirurgica capaci di migliorare i sintomi e la qualità di vita delle pazienti. La terapia ormonale, inibendo l’azione ormonale dell’ovaio, è in  grado nella maggior parte de casi di ottenere un miglioramento della sintomatologia e di evitare la progressione della malattia. Nei casi più severi di endometriosi e nelle pazienti che non trovano giovamento dalla terapia medica, l’intervento chirurgico in laparoscopia permette di asportare le lesioni endometriosiche, alleviando i sintomi e migliorando cosi la qualità di vita delle pazienti. Essendo tuttavia una malattia cronica e recidivante, è necessario che le pazienti si sottopongano a regolari controlli ginecologici e assumano la terapia ormonale a lungo termine.

E’ possibile prevenire l’Endometriosi? Una prevenzione primaria cioè che eviti l’insorgenza della malattia non esiste perché tuttora non si conoscono esattamente le cause per cui si manifesta questa malattia. Si pensa che alla base vi sia una predisposizione genetica associata a fattori ambientali.  E’ importante sottolineare che la diagnosi precoce consente strategie terapeutiche efficaci e buone chances riproduttive.

-endometriosi-sintomi-malattia-disturbi-22025[1]

A quali esami è necessario sottoporsi per scoprire se si è affetti da Endometriosi? E’ di fondamentale importanza l’anamnesi, interrogando la paziente sulla sua sintomatologia e la visita ginecologica che consente di valutare la possibile presenza della malattia endometriosica. L’ecografia pelvica transvaginale è senza alcun dubbio una delle più importanti indagini diagnostiche poiché permette mediante un esame dinamico e poco invasivo di visualizzare le cisti ed i noduli di endometriosi.

Consigli utili per chi è affetto da Endometriosi?

1) Non sottovalutare o sminuire il proprio dolore.

2) Se c’è dolore durante i rapporti sessuali, non esitare a sottoporre la questione al proprio ginecologo.

3) Rivolgersi a centri specializzati nella gestione dell’endometriosi.

4) Entrare nella logica della gestione a lungo termine della malattia.

gin&do

 

 

 

 

L’8 Marzo festeggiamo insieme a SophiaCurvy!

In occasione della Festa della Donna si svolgerà presso il Centergross di Bologna un evento di beneficenza a sostegno dell’Associazione Gin&Do, ONLUS che sostiene l’Unità Operativa di Ginecologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana del Policlinico Sant’Orsola di Bologna.

Moda, femminilità, salute e autostima sono alcuni dei capisaldi della festa organizzata dall’Azienda Bernagozzi, proprietaria del marchio di abbigliamento femminile Sophia Curvy.

Alberto Seracchioli ci racconta di Sophia Curvy e dell’Evento dell’ 8 Marzo!

Cos’è “Sophia Curvy”? Sophia Curvy è un marchio giovane che si rivolge alle donne vere alle prese con il proprio corpo tutti i giorni, a cui piace divertirsi con l’abbigliamento, con colori, lustrini e paillettes senza avere problemi di vestibilità.

Come è nata l’idea di un marchio di abbigliamento per donne morbide? L’idea di produrre una linea Curvy nasce dal desiderio di creare una moda più realistica che rispecchi la donna moderna e non quella stereotipata delle pubblicità. Una donna che ha il diritto di sentirsi bella, nella sua unicità e nella sua taglia.

Quale è la mission del brand? Il nostro intento è quello di vestire la DONNA! Il meraviglioso corpo di ogni singola donna, con le sue forme e le sue diverse misure con modelli in sintonia con le tendenze della moda e con prezzi accessibili.

Cosa cercano le donne in un marchio di abbigliamento curvy? Per prima cosa cercano lo stile, la comodità e la sensualità.

Il Gruppo Imprenditoriale creato e gestito dalla famiglia Bernagozzi da quanto tempo opera nel campo dell’abbigliamento? Noi operiamo nel settore taglie forti da oltre 20 anni con il marchio Maxfort rivolto agli uomini. Da 4 anni siamo entrati nel settore dell’abbigliamento curvy femminile con la linea Sophia Curvy. L’azienda Bernagozzi, proprietaria dei marchi, è un’azienda familiare con quasi un secolo di storia. Siamo alla V generazione e stiamo crescendo.

Quali sono gli altri marchi del Gruppo? Abbiamo tre diversi brand: Sophia Curvy, Maxfort e Berna Italia con diversi stabilimenti produttivi.

In cosa consiste la festa dell’8 marzo? La festa è stata pensata per inaugurare il nuovo Show Room del Centergross di Bologna dedicato ai dettaglianti e per far conoscere ai nostri clienti la nostra struttura, la nostra organizzazione e tutte le novità che l’azienda si è impegnata a produrre ogni 10/15 giorni dando l’opportunità alla clientela di movimentare le vetrine con un prodotto fresco, del giusto colore di tendenza in quel preciso momento.

Come nasce l’idea di sostenere l’Associazione Gin&Do in occasione della festa dell’ 8 marzo 2016? L’idea nasce dal fatto che abbiamo la presunzione di poter dare un piccolo contributo alla Curvy Revolution con il nostro lavoro, aiutando le donne ad accettare il proprio corpo, a volergli bene, a prendersi cura di sé, incentivandole a far di tutto per migliorare il proprio aspetto e condurre una vita sana. Anche un vestito può contribuire all’autostima, secondo il principio “sentirsi belle con se stesse ci fa vedere più belle dal mondo che ci circonda”. Abbiamo pensato di sostenere l’Associazione Gin&Do perché è vicina alle donne anche sotto l’aspetto psicologico e, come noi, ritiene che ogni donna abbia diritto a “un’iniezione giornaliera di autostima, accettazione e valorizzazione di se stessa”!