Etichettato: intervista

#MyCurvyPride: MARIANGELA DIANA

Chi sei? Sono Mariangela Diana, 25 anni, neo-laureata iperansiosa di Carpi.

14051760_10207243654665051_5784476214913804873_n.jpg

Che cos’è per te Curvy Pride? Qualcosa di essenziale nel nostro mondo. Un nuovo respiro per ogni ragazzina e donna che cerca il proprio posto nel mondo, che ha la necessità e il diritto di sentirsi bella, forte e piena di valore.

Ti sei mai sentita discriminata per la tua fisicità? Non ho mai fatto troppo caso al mio fisico, fino ai cancelli della prima media. Camminavo con il mio nuovo zaino in spalla, carica di energia, e un ragazzo più grande ha urlato “Ecco la nuova miss” seguito da quelle che mi sembravano milioni di risate. Ogni anno in quella scuola veniva candidata la ragazza più carina, e nella loro voce c’era lo scherno che mi ha impedito di varcare quel cancello con il sorriso per un anno intero. Erano sempre lì, appoggiati alle loro bici, in sei o sette, pronti a dirmi sempre quell’unica parola, pronti a ferirmi e a farmi provare dei dolori allo stomaco che non avevo mai provato prima. Ho dovuto chiedere aiuto ai miei genitori, e qualcosa si era ormai incrinato. 
Poi è arrivato lui, che mi voleva bene ma non voleva bene a me, al mio corpo che cambiava, che si espandeva senza che ne avessi davvero il controllo, ai brufoli e alla peluria adolescenziale. La piena consapevolezza della mia bruttezza è arrivata con quell’amore acerbo e dopo tanti anni sono a volte ancora convinta che l’immagine allo specchio si sia meritata le offese, e le risate, e il nascondere una relazione per il mio fisico. Ad oggi, nei miei giorni peggiori, so di essere il mio peggior bullo.

Come hai imparato ad accettarti e ad amarti? Mi odio ancora. Ma sono crolli improvvisi, che durano ore o a volte giorni. Poi ci sono i giorni in cui mi voglio bene da impazzire. Giorni in cui indosso gonne a vita alta, tacchi scuri e camicie sbottonate. Giorni in cui oso un rossetto più brillante del solito e in cui la linea dell’eyeliner per poco non sfiora le mie sopracciglia. Giorni in cui mi sento bella, in cui ho voglia che qualcuno mi catturi in una foto, o di essere io stessa a catturare qualche sguardo. Giorni in cui sono sul palco e voglio che tutti mi guardino e sono fiera di quella ragazzina che correva a testa bassa sperando che un giorno tutto sarebbe cambiato. Poi torno ad odiarmi. E’ ancora tutto traballante.

Che cos’è la bellezza? E che peso ha nella tua vita? Sono un’attrice. Lo sono da metà della mia vita ormai e purtroppo la bellezza è spesso il mio unico grande ostacolo, per un ruolo piuttosto che un altro. Vengo allontanata per il mio peso da alcune produzioni, e vorrei non facesse così male. Vorrei che la mia personalità fosse tanto forte e meravigliosa da far sembrare anche i miei difetti tali. Vorrei che la mia bellezza interiore prendesse a schiaffi il mio aspetto esteriore, e gli urlasse di non avere paura. Che non sono bella come le altre, ma che ho comunque il diritto di sentirmi fantastica.

pizap.com14862184862792.jpg

Qual è la figura maschile o femminile che più rappresenta il tuo ideale di bellezza e perché? C’è una ragazza su instagram, Gabi Gregg. Pelle color caramello, grandi occhi scuri e milioni di riccioli neri. Curve e sorriso da ammaliare. Il suo modo di porsi, il suo orgoglio, la sua forza mi sono di grande ispirazione.

Se potessi esprimere un desiderio cosa vorresti cambiare attraverso la Curvy Revolution? L’insicurezza di persone come me, ferite dal passato e da se stesse. Il dimostrare al mondo che ogni persona possiede una bellezza tale da poter essere l’ispirazione di un poeta, di un pittore, di un fotografo. Che in uno sguardo, un fianco, un movimento delle dita, un sorriso può esistere un incanto sempre nuovo, diverso.

Qual è la curva che ami di più del tuo corpo? Perché? La curva delle mie palpebre, che rivelano i miei occhi nocciola.

Se ti dico Curvy Pride qual è la prima cosa che ti viene in mente? Un’occasione, un grido di speranza, uno sguardo al cambiamento.

Una frase che ti rappresenta? I am sweetness, I am bratty, I’m a princess, I’m a fatty, I’m a mess of contradictions in a dress (Sono dolcezza, sono impertinenza, sono una principessa, sono una cicciottella, sono un cumulo di contraddizioni vestite a sera). E’ la canzone finale del musical di Shrek. Sì, è una favola per bambini, ma la reputo una delle più belle e sincere storie d’amore.

Seguite Mariangela sul suo blog SEI PERSONALITA’ IN CERCA D’AUTORE

Annunci

#MyCurvyPride: ALESSIA TIOZZO

Chi sei? Sono Alessia, una donna di 40 anni che da poco ha iniziato ad amarsi e a non inseguire il sogno di un corpo taglia 40 a tutti i costi. Non è molto che ho iniziato a seguire questo pensiero positivo. Quest’estate ho anche partecipato al concorso di Miss Bella in Carne vincendo la fascia di Miss Musa D’Argento 2016, per me grande gioia e tanta soddisfazione.

img_3602

Che cos’è per te Curvy Pride? Curvy Pride è per me un movimento di pensiero positivo che vorrei poter far conoscere a più donne possibili, cercando con la mia testimonianza a far comprendere che noi donne curvy abbiamo sensualità e bellezza da vendere…!! Senza commiserarci e piangersi addosso, ma iniziando a volerci bene e a migliorarci.

Ti sei mai sentita discriminata per la tua fisicità? Sempre discriminata fin dall’adolescenza, anche se portavo una taglia 46/48 sui miei 182 cm di altezza, venivo considerata grassa rispetto alle mie amiche che, molto più minute, potevano far shopping in qualunque negozio mentre io no!! Io vestivo da vecchia!!!!! Non esistevano negozi come oggi che propongono capi giovani e colorati per tutte le taglie…

Come hai reagito? Chiudendomi in me stessa e perdendo fiducia in me stessa, che mi ha portato ad avere problemi di peso.

Come hai imparato ad accettarti e ad amarti? Ho imparato ad accettarmi da poco tempo, troppo poco tempo. Fino a 2 anni fa ero ossessionata dal mio corpo e ho provato qualunque cosa per dimagrire, senza successo. Ora mi accetto, anche se cerco di migliorarmi, ma senza ossessione di qualsiasi tipo, e riesco a dimagrire con il sorriso, e se per un mese non perdo peso pazienza, non me ne faccio una malattia.  E tutto questo grazie a movimenti Curvy positivi come il Curvy Pride, Beautiful Curvy e anche lo stilista con cui ho fatto la mia prima sfilata 1 anno e mezzo fa.

Che cos’è la bellezza? La bellezza è sentirsi bella ed è importante per me quando esco di casa sentirmi bene con me stessa sentendomi a mio agio nel mio corpo.

pizap.com14814582211732.jpg

Qual è la figura maschile o femminile che più rappresenta il tuo ideale di bellezza e perché? Non ho un ideale di bellezza, ma mi piacciono le ragazze che valorizzano le loro curve e le ammiro perché io ancora sto lavorando su ciò.

Se potessi esprimere un desiderio cosa vorresti cambiare attraverso Curvy Revolution? Sarebbe bello se attraverso la curvy revolution si potesse far capire a tutte le donne che si stanno nascondendo sotto tute e vestiti poco femminili che sensualità e bellezza camminano di pari passo anche con noi donne curvy o plus size.

Qual è la parte che ami più del tuo corpo? Perché? La curva che amo di più del mio corpo è quella dei miei fianchi, da me odiati in adolescenza.

Se ti dico Curvy Pride qual è la prima cosa che ti viene in mente? CURVY PRIDE? = Pensiero positivo!

#MyCurvyPride: GIULIA GAMBINO

Sono una donna senza maschere e dall’anima umile che non ha bisogno di dimostrare niente a nessuno. Sono tutto quello che potete vedere: franchezza, integrità, coraggio e dignità.

Chi sei? Ciao sono Giulia, tanti mi definiscono una ”curvy diversa”. Io mi ritengo solo un po’ più colorata. Sono una modella alternativa e faccio parte del sito americano Suicidegirls.com. A differenza delle altre curvy sono spesso ritratta in foto di nudo, cosa che purtroppo fa ancora tanto scalpore in Italia, nonostante ciò sui social ho sempre trovato la doppia faccia della medaglia: chi associa la donna tatuata, con capelli colorati a qualcosa di ”illegale” e chi invece apprezza il fatto che si possa osare e mettere in mostra ciò che siamo veramente senza dare problemi a nessuno.

1ff

Che cos’è per te Curvy Pride? Curvy Pride per me è una possibilità, la possibilità che tutte le donne con le forme hanno a disposizione per sentirsi valorizzate, cosa che aimè non sempre e facile.

Ti sei mai sentita discriminata per la tua fisicità? Diciamo che inizialmente mi hanno proprio ”ammazzata” sui social. Fino a pochi anni fa non esistevano le modelle curvy, quindi qualunque ragazza che volesse in qualche modo entrare nel campo della moda non veniva solo scartata ma anche spesso e volentieri sottovalutata come persona, che secondo me è una delle violenze psicologiche peggiori.

Come hai reagito? Ho cercato di fare una cosa che sapevo avrebbe avuto riscontro, semplicemente con il mio corpo: una campagna fotografica contro la violenza sulle donne. Shooting me è il titolo del progetto composto da fotografie che mi ritraggono nei panni di una donna che ha subito violenze. Quando i social hanno iniziato a vedere articoli di quotidiani locali che parlavano di questo progetto hanno rivalutato la mia persona, perché purtroppo come dicevo prima una donna tatuata e con capelli colorati rappresenta ancora qualcosa di anomalo.

Come hai imparato ad accettarti e ad amarti? Beh oggi giorno è sempre più facile riuscire ad accettarci per quelle che realmente siamo poiché molte linee di abbigliamento supportano le taglie comode. Ora possiamo anche noi indossare un buon capo con le stesse caratteristiche di un capo in taglia normale.  

Che cos’è la bellezza? E che peso ha nella tua vita? La bellezza sta negli occhi di chi guarda, così dice il proverbio e io mi baso su questa filosofia. Se noi tutti notassimo il lato bello di ogni cosa sicuramente vivremmo in un mondo migliore.

333.jpg

Qual è la figura maschile o femminile che più rappresenta il tuo ideale di bellezza e perché? Laura Brioschi e Alessia Santi da sempre sono i miei idoli curvy. Sono donne sempre sorridenti e questo credo sia una cosa veramente bella, purtroppo viviamo in un momento socio-politico-economico difficile e sempre meno persone hanno la forza di sorridere, io stessa spesso ho dei momenti malinconici (come tutti credo) ma guardando loro non può mancare il coraggio e la voglia di sorridere ancora.

Se potessi esprimere un desiderio cosa vorresti cambiare attraverso la Curvy Revolution? Mi piacerebbe cambiare il modo di vedere una donna curvy per la società e far sì che una ragazza formosa agli occhi di un uomo e dell’intera società abbia lo stesso valore, non parlo di bellezza perché è una cosa relativa ma valore personale, cosa che purtroppo spesso ci tolgono.

Qual è la curva che ami di più del tuo corpo? Perché? I fianchi, mi ricordano molto il ritratto della Venere di Botticelli.

Se ti dico Curvy Pride qual è la prima cosa che ti viene in mente? Rivoluzione Sociale.

Una frase che ti rappresenta? La curva più attraente del corpo di una donna è il suo sorriso.

MARIA ROSA NIRTA: #SchiacciamoGliStereotipi

Maria Rosa Nirta è la capitana della squadra femminile di pallavolo 2° divisione della ASD Pallavolo Civitavecchia. La squadra che insieme a Curvy Pride e a Mitica Boutique ha lanciato la campagna #SchiacciamoGliStereotipi.

Maria Rosa ha 32 anni ed è una professoressa di matematica e fisica. Adora praticare lo sport, attualmente gioca a pallavolo e beach tennis. Nel tempo libero le piace leggere libri fantasy e giocare a calcio balilla. Crede fortemente nell’amicizia, una delle medicine più efficaci che ci siano.

Chi sei? Mi piace definirmi come la secchiona che copia, la sportiva pigra e la maschiaccia che si emoziona al pensiero che tra qualche mese si sposerà.

primo_piano_occhiali.jpg

Cos’è per te Curvy Pride? Fino a pochi mesi fa non ne avevo mai sentito parlare, ma in questo breve  periodo ho apprezzato l’idea cardine che sostiene questo movimento, cioè l’accettazione di se stessi.

Che rapporto hai con il tuo corpo? In generale con il mio corpo mi sono sempre sentita a mio agio, sia con 52 che con 70 kg addosso! Credo che ciò sia possibile perché mi piaccio per quello che sono e faccio e non per quello che sembro allo specchio. Può capitare di avere periodi in cui mi sento un po’ appesantita, ma basta ripristinare una corretta alimentazione e aumentare l’attività sportiva per sentirmi meglio ed accettarmi di nuovo. Se osservo il mio corpo allo specchio devo dire che c’è ben poco di perfetto, forse l’unica parte che trovo bella, sarà buffo, è la mano sinistra! Però nonostante io non abbia nulla di perfetto nell’insieme non mi lamento…anzi!

Hai un modello di persona a cui fai riferimento? Se devo essere sincera no; posso apprezzare un bel seno di una modella curvy o le gambe slanciate di una modella slim, ma in fin dei conti credo che ognuna di noi debba riconoscersi nel proprio corpo senza pretendere di diventare qualcuno diverso da sé.

Quanto è importante lo sport nella tua vita? Beh direi che lo sport è la mia vita! Frequento le palestre dall’età di 5 anni e non ho mai smesso; grazie a dello sport sano ho imparato in primis il senso del dovere e il rispetto del prossimo e questi insegnamenti mi hanno permesso di ambientarmi a scuola e nel mondo degli adulti senza incontrare difficoltà. Grazie allo sport ho conosciuto persone che sono diventate le mie più care amiche, ed una di queste mi ha fatto conoscere il movimento Curvy Pride; ma soprattutto grazie allo sport ho conosciuto il mio compagno nonché futuro marito!

img-20161216-wa0088

Perché le curvy non vengono MAI viste come atlete? Probabilmente perché in TV e nei social l’immagine delle persone un po’ più in carne viene sempre accostata ad avvenimenti goffi, sportivamente parlando, e quindi nell’immaginario delle persone il curvy e lo sport non risultano essere molto correlati tra loro. Nella mia esperienza da giocatrice di pallavolo, di contro, posso garantire di aver visto atlete curvy in categorie provinciali/regionali/nazionali ed essere tra l’altro anche molto agili e forti!

#SchiacciamoGliStereotipi per te significa?  Uscire fuori da qualsiasi schema imposto dalla società e questi schemi li vogliamo schiacciare nel vero senso della parola perché quest’anno la mia squadra di pallavolo ha una grossa responsabilità, cioè quello di far vedere nella nostra realtà provinciale, che QUALSIASI persona può praticare sport a livello agonistico, sia essa bassa, alta, magra o in forme…basta esser sani!

img-20161216-wa0045

Il tuo sogno nel cassetto?  Ora che ho realizzato il sogno di giocare titolare in un campionato regionale di pallavolo l’ambizione è passata al settore dirigenziale per cercare di migliorare il mio adorato sport. Quest’anno inizio con l’essere la rappresentante degli atleti della mia società, nel futuro chissà!

 

 

#MyCurvyPride: CHIARA MASSARIELLO

Chi sei? Sono Chiara Massariello, ho 21 anni e vengo da Roma, studio all’Università La Sapienza, all’indirizzo ” Scienze del Turismo”.

img_4241

Che cos’è per te Curvy Pride? Per me Curvy Pride è un’associazione che dà spazio a chi nella vita ha sempre avuto problemi per via della fisicità “oltre gli standard comuni”. È un trampolino di lancio per chi si è sempre nascosto per paura di essere giudicato dal mondo esterno. E’ in qualche modo una rivoluzione, una speranza per chi vorrebbe vedere l’ambito della moda e delle persone ” cattive” cambiare.

Ti sei mai sentita discriminata per la tua fisicità? Assolutamente sì. Oltre ad essere abbondante sono anche molto alta. Quindi per me, tra la gente, lo spazio è sempre stato ridotto.

Come hai reagito? Ho reagito, imparando ad amarmi. Imparando a non sentire più nessuna provocazione per far sì che non ne diventasse una malattia. Ho reagito cercando di essere consapevole del fatto che probabilmente con qualche kg in meno qualcosa sarebbe cambiato.

Come hai imparato ad accettarti e ad amarti? Ho perso tanti chili, ora sto meglio con tutto ciò che mi circonda. Ma resto comunque formosa e fierissima di esserlo. Adesso mi apprezzo non solo per l’aspetto esteriore, ma anche per il lavoro che ho fatto su me stessa.

Che cos’è la bellezza? La bellezza! Come dice un proverbio “anche l’occhio vuole la sua parte”; ma non per questo bisogna fermarsi solo all’aspetto esteriore. Devi essere bello soprattutto dentro. La bellezza è saper dare senza la pretesa di ricevere, è saper ascoltare e capire, anche le situazioni difficili, saper non giudicare. Nella mia vita la bellezza è comunque un elemento importante, poiché amo essere sempre sistemata nella semplicità. La bellezza è un elemento che nelle persone deve esserci sempre, che non diventi un elemento fondamentale per l’aspetto esteriore, ma bensì che lo diventi per l’aspetto interiore.

pizap.com14814679223261.jpg

Se potessi esprimere un desiderio cosa vorresti cambiare attraverso Curvy Revolution? Sicuramente vorrei cambiare il pensiero della gente nei confronti della nostra “categoria”, evitare discriminazioni inutili e essere inserite nella società più di come siamo inserite adesso.

Qual è la parte che ami più del tuo corpo? Perché? Sarà sicuramente scontato e banale, ma sicuramente la curva che più preferisco è il sorriso. Segna la vittoria dopo una serie di sconfitte, la voglia di continuare a combattere per i propri ideali. Ma soprattutto la gioia di andare da chi ti ha ferito, discriminato e banalizzato e dirgli: “Nonostante tutto ce l’ho fatta”.

Se ti dico Curvy Pride qual è la prima cosa che ti viene in mente? Rivoluzione.

Una frase che ti rappresenta? “A volte devi cadere prima di poter volare”.

#MyCurvyPride: ARIANNA GIUNTA

Chi sei? Mi chiamo Arianna Giunta, vengo da Albisola Marina in provincia di Savona. Ho 24 anni e sono una maestra di asilo. Mi ritengo una persona testarda, molto solare e sempre col sorriso sulle labbra. Amo gli animali, la mia famiglia e amo la MIA VITA, piena di gioie, ma anche di dolori! Il mondo della moda mi affascina, amo essere al centro dell’attenzione e sono AFFEZIONATA alle mie curve! Amo mangiare, amo i dolci, gli arancini e l’insalata russa della mia mamma.

15241196_1501942943153602_7513079924906371221_n.jpg

Che cos’è per te Curvy Pride? Curvy Pride è quel TRENO che passa una sola volta nella vita. Curvy Pride per me è una scoperta. Curvy Pride è quel mezzo che ti permette di essere bella nei tuoi difetti, rendendoti speciale ed Unica.

Come hai imparato ad accettarti ed amarti? E’ tutto merito della mia splendida Famiglia, che ogni giorno mi ricorda quanto sono Bella e Speciale!!! E’ anche grazie a coloro che avendomi dato la possibilità di sfilare e posare per loro, mi hanno fatto sentire Meravigliosa ed Unica, accettando ME ed i miei ADORATI ROTOLINI.

Che cos’è la bellezza? Che cos’è per me la bellezza? La vera bellezza è accettarsi cosi come siamo: magri, grassi, alti o bassi. La vera bellezza sta nel cuore delle persone !!!!

PicsArt_12-10-09.05.15.jpg

Qual è la figura maschile o femminile che più rappresenta il tuo ideale di bellezza e perché? L’ideale di bellezza per me è rappresentata da persone “normali”. Una donna ed un uomo di taglia “normale”, che con un enorme sorriso, ti migliorano la giornata!

Se potessi esprimere un desiderio cosa vorresti cambiare attraverso Curvy Revolution? Vorrei che tutte le adolescenti possano capire che Bellezza non è sinonimo di Magrezza. Vorrei fare capire loro che è bellissimo mangiare una fetta di torta con la panna senza sentirsi in colpa…… e che agli uomini le Curve piacciono!

Qual è la parte che ami più del tuo corpo? Perché? Adoro i miei fianchi larghi, il mio sederone ed i miei rotolini nella pancia. La cosa che però mi fa impazzire di più è il mio SORRISO. Dicono che con un semplice sorriso puoi migliorare una giornata negativa….. ditemi se è poco!

Se ti dico Curvy Pride qual è la prima cosa che ti viene in mente? Sentirsi Unica e INVINCIBILE !

Una frase che ti rappresenta? “Chi non mi vuole non mi merita!”

#SchiacciamoGliStereotipi: VANESSA STRAMPELLA

Chi sei? Sono Vanessa Strampella, ho 26 anni e sono di Roma. Sono una ragazza semplice, affronto la mia vita sempre con il sorriso e sono molto generosa soprattutto nelle curve 😊. Ho avuto la fortuna di entrare a far parte del grande mondo curvy e grazie a questa esperienza, che tutt’ora sto vivendo, ho scoperto lati di me stessa che prima odiavo e che ora adoro.

pizap-com14816557643361

Cos’è per te Curvy Pride? Per me Curvy Pride è l’orgoglio delle donne in carne che hanno imparato ad amare il proprio corpo sentendosi bene con se stesse e di conseguenza con chi le circonda.

Ti sei mai sentita discriminata per la tua fisicità? Fino ad oggi non ho mai subito particolari discriminazioni sulla mia fisicità anche se non nascondo il fatto di essermi sentita spesso a disagio per la mia altezza e la mia corporatura prorompente.

Come hai reagito? La mia reazione non è stata immediata diciamo che con il passare del tempo, la crescita e la maturità impari ad accettarti e amarti per quello che sei.

Come hai imparato ad accettarti e ad amarti? Viviamo ormai in un epoca dove apparire diventa uno dei primi obiettivi di vita fin da bambini e di conseguenza subentrano forme di discriminazione, a volte anche gravi, perché magari non si è magri o alti. Ecco io ho iniziato ad apprezzare l’essere, partendo da me.

Qual è la curva che ami di più del tuo corpo? Perché? A dir la verità non ho una curva che amo particolarmente del mio corpo. Forse la vita perché è l’unica parte più sfinata del mio fisico ahahah … ma la curva che più mi contraddistingue e mi rende veramente fiera è il mio immancabile sorriso.

14877858_10211081874983642_1147683970_n.jpg

Hai un modello di persona a cui fai riferimento? Una donna a cui ho sempre fatto riferimento a livello fisico e umano è la bellissima Monica Bellucci , fantastica attrice, donna dalle curve mozzafiato e icona di bellezza per me, con una femminilità travolgente e sempre stata la figura femminile che ho sempre amato fin da bambina.

Quanto è importante lo sport nella tua vita? Lo sport nella mia vita è fondamentale. Ho trascorso la mia infanzia e adolescenza in palestra allenandomi duramente con disciplina, facendo tanti sacrifici e molte rinunce ma con enormi soddisfazioni.

15415934_10211510907949198_799201981_n

Perché le curvy non vengono MAI viste come atlete? Nello sport il fisico dell’atleta è sempre stato paragonato ad un fisico statuario e scolpito, forse proprio per questo stereotipo le curvy non vengono viste come atlete. Io personalmente sono sempre stata la più robusta nelle squadre con cui ho giocato ma ho raggiunto sempre grandi obbiettivi, insieme alle mie compagne, come campionesse provinciali e regionali per diversi anni. Quindi la mia fisicità non ha mai impedito il raggiungimento dei vari traguardi e questo deve essere uno stimolo per tutte le ragazze che come me amano fare sport.

#SchiacciamoGliStereotipi per te significa? È una campagna rivoluzionaria che finalmente darà voce a tutte quelle persone che hanno voglia di cambiare appunto gli stereotipi, le etichette che vengono assegnate a una tipologia di donna perfetta secondo i canoni della società odierna. Ed è proprio con questa campagna che bisogna sfatare questo “mito”.

Il tuo sogno nel cassetto? Il mio sogno nel cassetto più grande è mangiare senza ingrassare 😂 , a parte gli scherzi il mio sogno è realizzarmi nella vita ed diventare un punto di riferimento per tutte quelle donne non credono in se stesse e non sanno amarsi per quello che sono.