#MyCurvyPride: CHIARA TRAVAGLIONE

Chiara Travaglione è la proprietaria del CURVY PRIDE POINT Fortissimo Intimo di Bologna. Il suo negozio è un punto di riferimento per tutti  i soci dell’Associazione Curvy Pride.

Chi sei? Chiara Travaglione. Una ragazza napoletana di 25 anni, a Bologna da 18, che quest’anno ha deciso di diventare un’imprenditrice.

1

Che cos’è per te Curvy Pride?  E’ un’associazione che mi rappresenta al 101%.

Ti sei mai sentita/o discriminata per la tua fisicità? Sempre. Sono stata obesa grave per 23 anni della mia vita. Pesavo più di 115 kg e le persone non hanno fatto che ricordarmelo anche solo fissandomi.

Come hai reagito? Me ne sono sempre strafregata. Faceva male, troppo, ma ho imparato con il tempo a far entrare le cose in un orecchio ed a farle uscire dall’altro.

Come hai imparato ad accettarti e ad amarti? Diciamo che con il tempo cerchi un tuo equilibrio. Con il tempo impari ad accettarti e, casomai, a curare e alimentare tutte le altre cose positive che ci sono.

Che cos’è la bellezza? E che peso ha nella tua vita? Bellezza per me è curare se stessi e la propria immagine al punto da sentirsi a proprio agio con il proprio corpo e con le altre persone. TUTTE POSSIAMO SENTIRCI BELLE. Da quando ho iniziato a lavorare in una boutique, è diventato sempre più importante. Inizialmente era solo per una questione lavorativa, giorno dopo giorno è iniziato a diventare fondamentale l’essere sempre “presentabile”.

picsart_09-16-06-02-25

Qual è la figura maschile o femminile che più rappresenta il tuo ideale di bellezza e perché? Prima che avesse problemi alimentari e dimagrisse così tanto, il mio ideale di bellezza era Angelina Jolie. Meravigliosa in ogni angolo del corpo. Vederla così oggi, mi distrugge.

Se potessi esprimere un desiderio cosa vorresti cambiare attraverso la Curvy Revolution? Vorrei che ci fossero sempre più case produttrici che creassero linee sempre più giovanili e sfiziose! Alla portata di TUTTE le tasche! Sono stanca di vedere ragazze o donne giovanili in carne obbligate ad accontentarsi perché troppi pochi pensano a loro!

Qual è la curva che ami di più del tuo corpo? Perché? Adoro i miei fianchi. Ho una forma a clessidra e mi piace da morire vedere la vita sottile che si allarga in un sedere pieno!

Se ti dico Curvy Pride qual è la prima cosa che ti viene in mente? LIBERTA’.

Una frase che ti rappresenta? Vivi come se non ci fosse un domani.

 

 

 

 

ATELIER BARBARA COLOMBO: a MILANO, il nostro nuovo CURVY PRIDE POINT!

Barbara, ci descrivi brevemente la tua attivitàRealizzo abiti sartoriali su misura totalmente Made in Italy, partendo dal disegno fino al prodotto finito disegnando e creando per la cliente un modello unico, partendo dalla telina di cotone fino alla costruzione dell’abito.

13902751_748051418669349_9065226223304605728_n

Come è nata la tua passione per lo studio e la realizzazione di abiti da sposa? Disegno abiti da sposa da sempre, da quando riesco a ricordare e da quando ho imparato a tenere in mano una matita. Ho sempre fatto questo! I miei disegni sono sempre stati abiti da sposa o da cerimonia. E’ una passione che ho da sempre, anche da piccola. Ho mille foto in cui sono in estasi davanti alle vetrine dei negozi di abiti da sposa..

ff.png

Avviare un’attività di “artigianato” per realizzare prodotti “unici”, è stato complicato? Onestamente molto e lo è ancora oggi. La difficoltà maggiore è farsi conoscere e far capire alle persone davvero cosa fai e chi sei in modo che si affidino a te. Devi trasmettere il messaggio che fai qualcosa di diverso dagli altri e che sei esattamente ciò che appare.

Quando è difficile far capire alla clientela il lavoro che sta dietro ad ogni tuo abito? La nostra generazione ha perso l’abitudine all’artigianato, all’andare dalla sarta per ordinare un abito. Siamo ormai abituati a trovare tutto nei negozi e subito. Per questo  motivo far capire alla mia generazione anche le tempistiche oltre che la qualità di ciò che facciamo è sempre più difficile. Il nostro prodotto si vede, una volta che la ragazza entra in Atelier e vede come lavoriamo e solo la cura dei dettagli che mettiamo anche solo nel creare il campionario capisce la differenza di ciò che ha davanti, ma purtroppo nella maggior parte dei casi oggi quello che conta è la comunicazione e attraverso quella per noi artigiani e difficile far vedere la differenza.

Curvy, una parola di cui forse si abusa, e di gran moda, in cui ragazze e donne con forme morbide si ritrovano: hai deciso di dedicare il tuo lavoro anche a chi non sta in una 44. Quali sono i modelli più adatti alle curvy? Più  che di modelli adatti si parla di come è fatto l’abito e della struttura che lo compone. Certo per alcuni modelli bisogna essere ben proporzionate ma non necessariamente non curvy. Il modello a sirena per esempio è un classico esempio di uno di quei modelli che stanno molto meglio a chi a le forme che a chi non le ha. Ogni corpo è a sé stante. Tutti abbiamo dei difetti e dei pregi fisici, anche chi non è curvy, vuoi solo per un difetto di postura semplicemente o per qualche “ciccetta”. E’ per questo che gli abiti devono essere su misura e pensati apposta per ogni fisicità. Non si può generalizzare o standardizzare un capo da sposa. Siamo tutte diverse e quindi ogni obito deve essere pensato appositamente per ogni ragazza.

Realizzi anche abiti per “le invitate”?  certo e anche per le bimbe, che di solito si abbinano alla mamma. Le invitate è un altro campo poco considerato ma molto interessante e tutto viene sempre fatto in maniera esclusiva e diversa, sempre a livello sartoriale.

Cosa ami della tua attività? Amo questo lavoro soprattutto la sua parte romantica, quando disegno un abito per una sposa devo esprime tutto ciò che è la sposa stessa, la sua personalità, la donna che è. Devo farla sentire al meglio per quel giorno! Quando una sposa indossa nel suo giorno l’abito che ho pensato e creato per lei è come se io fossi li, se fossi parte di quel sogno e avessi aiutato a realizzarlo, è questa la parte che mi piace di più.

La soddisfazione più grande da quando lavori? La soddisfazione arriva dalle mie clienti, quando un matrimonio è andato bene la mia sposa è contenta e il giorno dopo mi manda un messaggino ringraziandomi. Quella è la più grande delle soddisfazioni, aver contribuito a rendere quel giorno speciale, è questa la soddisfazione più importante.

Dimmi 3 “consigli d’oro” per una sposa alla ricerca del suo abito da sogno? Prima di tutto deve sempre tener presente chi è, perché l’abito la deve rappresentare, quando l’abito è giusto lo si sente nella pancia (ovviamente più riuscite a trasmettere a chi vi aiuta come siete e cosa avete in testa più sarà facile aiutarvi a creare/trovare il vostro abito!). L’altra cosa importante è come viene realizzato l’abito. L’ideale sarebbe un su misura e Made in Italy ma, se per esigente di budget non potete, tenete sempre presente che, seppur vero che un abito dura un giorno, è un ricordo per la vita! Dategli il valore giusto. Altrimenti negli anni vi rimarrà un piccolo rimorso, soprattutto quando vi rivedrete nelle foto. Mi raccomando, cercate sempre il giusto compromesso.

A cosa una sposa non deve mai rinunciare? Non deve mai rinunciare all’abito dei suoi sogni, quel giorno è importante e l’abito è parte di voi, è l’espressione di ciò che siete e non dovete mai rinunciare a essere voi stesse. Deve essere amore come quello per il futuro sposo. 😛

1-18

Perché hai deciso di diventare un Curvy Pride Point? Sono sempre stata vicino a questa causa, è ciò che combatto da tutta la vita. Gli ideali del movimento curvy sono ciò in cui credo e ciò che promuovo con la mia azienda. So in prima persona cosa si prova. Da ragazza, curvy, sono sempre stata offesa, maltrattata e derisa. Ciò non è bello ed è molto difficile da superare da soli se non hai persone accanto. Questo fa l’Associazione Curvy Pride: essere accanto a tutte quelle persone che per il loro aspetto fisico, di qualsiasi tipo esso sia, vengono prese di mira. Che tu sia diversa da quello che vogliono farci passare come canone di perfezione non ha nessuna importanza, l’importante è che tu sia una persona sana e contenta di te stessa. Questo è un messaggio molto importante di cui sono promotrice da sempre e che voglio aiutare a promuovere.

Quanto è importante l’aiuto reciproco per imparare ad amarsi? E’ molto importante, tutti siamo insicuri su noi stessi, il mondo in cui viviamo ci bombarda sempre di messaggi negativi, ci fa sempre sentire inadeguati o diversi, quello che però bisogna imparare è che diversi non è per forza un aggettivo negativo. Bisogna credere in noi e avere persone vicine che lo fanno per noi nel momento in cui noi non lo facciamo più molto bene. Questo è fondamentale.

Se dico DONNA? Femminilità , eleganza, forza, determinazione e carattere, tutto ciò che deve essere una donna oggi.

se_curvy_pride

ATELIER BARBARA COLOMBO

Abiti da sposa su misura, cerimonia e bimba

Via Tortona, 10 – Milano

 

 

 

Chiara Travaglione: quanto le parole possono ferire…

Ciao sono Chiara e sono un membro dell’Associazione Curvy Pride.

Ho deciso di pubblicare un mio sfogo per cercare di essere vicina a quelle persone che, come me, sono state e/o vengono derise per il loro peso.

Non lasciatevi influenzare dalle parole altrui, non lasciatevi condizionare. Cercate la serenità dentro di voi… e amatevi, coccolatevi e godetevi la vita! Alla faccia loro!

curvy confidential

Non mi hanno mai torturata fisicamente, ma il dolore che le persone mi hanno inflitto quasi tutti i giorni per 24 anni, solo ed esclusivamente per il mio peso, è stato tantissimo.
Fin dalle elementari, ai doposcuola, ai campi estivi, alle scuole medie e a quelle superiori …  e in ogni posto in cui avessi il piacere di andare le persone ridevano di me e mi prendevano in giro.

Ho sempre avuto un carattere forte che mi faceva entrare da un orecchio le offese e subito dopo le faceva uscire dall’altro, ma le parole e le occhiatacce feriscono tanto quanto i gesti.
Ora ho perso più di 30 Kg, ma agli occhi della gente, quella gente secondo il quale la perfezione è solo e non oltre i 50 Kg, sono ancora una “grassona”!

Siete la rovina della serenità di chiunque sia diverso, ma vi devo ringraziare perché oggi, grazie a voi, non mi fa male più un bel niente!
Io posso dimagrire, se voglio, e diventare “perfetta” secondo i vostri canoni, ma voi farete sempre e solo una gran pena per la vostra pochezza d’animo.

14102383_10208949987858928_3992847524808501331_n.jpg

 

Chiara Travaglione

proprietaria del Curvy Pride Point FORTISSIMO INTIMO di Bologna

 

Curve allo Specchio: Chiara Travaglione

curve-allo-specchio

Vi presento Chiara!

E’ una splendida donna, una bravissima professionista e, soprattutto, una mia solare conterranea.

Se volete scoprire tutti i segreti dell’abbigliamento intimo potete passare a trovarla da Fortissimo Intimo, in via Calcavinazzi, 2E a Bologna. Non ve ne pentirete!!!

Il suo motto è: La vita è come uno specchio, ti sorride se la guardi sorridendo.

1 (1)

Chi è la donna che vedi nello specchio? E’ una ragazza che sta iniziando a diventare “donna” in tutte le sue sfumature.

Che donna sei? Una donna forte e debole allo stesso tempo.

Come sei diventata la donna che vedi? Attraverso tutte le malelingue che mi hanno sempre ferita e grazie a tutte le persone care che non mi hanno mai lasciata sola.

Cosa ami e cosa odi del tuo passato? Amo il fatto di aver vissuto la vita a pieno anche solo giocando per strada e non rintanata in casa come i bambini di oggi ed amo che nonostante non fossimo benestanti, la mia famiglia non mi abbia mai fatto mancare nulla. Odio solo il fatto di essere stata “strappata” via, ad 8 anni, dalla mia Terra (Napoli) e da tutti gli affetti più cari, per cercare un futuro migliore.

1 (7)

Ti piaci? E cosa ti piace di te? Direi di sì. Mi piace essere così sognatrice, di stare lì ad occhi aperti ad immaginare la mia vita futura. Mi piace che nonostante tutto, un sorriso riesco a tirarlo sempre fuori. Mi piace la mia determinazione nelle cose, quando mi metto qualcosa in testa non mi ferma più nessuno. Ed infine, mi piace il fatto di esserci SEMPRE per le persone che hanno bisogno di me.

Cosa cambieresti invece? Cambierei la mia troppa insicurezza. L’apatia che a volte si impadronisce di me, annientandomi. Vorrei essere un po’ più egoista e menefreghista. Di riuscire a far prevalere il cervello sul cuore.

Che rapporto hai con il tuo corpo? Da un paio d’anni è molto cambiato. Sto finalmente iniziando ad amarmi un po’ di più. Ci sono alcune parti di me che adoro ed altre che eliminerei completamente!

E con la bilancia? E’ un rapporto di odio/amore. Non riesco a viverne senza (almeno una volta a settimana) per tenere tutto sotto controllo ma ogni volta che alzo il piede per salirci sento lo stomaco attorcigliarsi! ahahahah

Come ci convivi con la taglia? Ero una taglia 56/58… ora una 46/48. Ancora non mi rendo conto della mia taglia reale. Quando provo dei vestiti mi sento dire: “è grande! Ci vuole una taglia in meno!”.

1 (3)

Che cos’è la bellezza e quanto è importante per te? Bellezza per me è curare se stessi al punto da sentirsi a proprio agio con il proprio corpo e con le altre persone. TUTTE POSSIAMO SENTIRCI BELLE. Poi, da quando ho iniziato a lavorare in una boutique, è diventato sempre più importante. Inizialmente era solo per una questione lavorativa, giorno dopo giorno è iniziato a diventare fondamentale l’essere sempre “presentabile”. Non è una questione di peso, ma di volersi bene! Non bisogna mai trascurarsi o essere trasandate. E sapete per chi? Per se stesse!

Tu… e il cibo? È un rapporto di odio/amore anche qui… AMO mangiare ma adesso quando eccedo mi sento in colpa nei confronti del mio corpo e di tutta la fatica che ci ho messo per calare. Con la dieta ho imparato finalmente a mangiare! Posso mangiare tutto quello che voglio sapendo poi come fare a “riparare”.

A cosa non sai resistere, non solo a tavola? A tavola sicuramente la pasta!! Al di fuori della tavola amo lo shopping e quando vedo quel qualcosa che mi fa letteralmente sbrilluccicare gli occhi, non resisto e la compro!

A cosa non sai rinunciare? Da quando ho iniziato il mio percorso, direi la palestra… un tempo ero strapigra e mai avrei detto di poter dire una cosa così………ho trovato il mio “equilibrio”, è diventata la mia valvola di sfogo per tutto lo stress che si accumula durante la settimana. Quella sensazione di aver usato TUTTE le energie per buttare tutto fuori ti fa stare da dio!

Cosa piace agli altri di te e cosa piace a te degli altri? Penso piaccia il fatto che sono sempre una ragazza sorridente, che ama stare in compagnia e divertirsi senza pensare troppo al negativo della vita… delle due quando me ne sto buona ed in silenzio, chi mi conosce, sa che c’è qualcosa che non va. Degli altri risottolineo quello che ho detto prima, invidio il loro “egoismo” verso le altre persone… che siano così capaci di staccare il cuore dalla mente, riuscendo a prendere decisioni razionali senza troppi coinvolgimenti. Di pensare prima a se stessi e poi agli altri.

1 (4)

Quanto conta il giudizio degli altri? Sinceramente mi importa il giusto. Nella vita, con i miei chili, ho dovuto imparare a fregarmene altrimenti mi sarei ammazzata come fanno tanti ragazzini. La gente è crudele e se vuole ferirti gli basta guardarti con uno sguardo disgustato. L’importante è stare bene con se stessi, degli altri bisogna imparare a fregarsene se no non si riesce nemmeno a vivere.

Cosa ti fa soffrire? Mi fa soffrire chi mi illude. Chi promette e poi non mantiene una promessa. Soffro quando mi vedo allo specchio, nuda, perché a volte non mi vedo come vorrei.

Quale aggettivo ti da più fastidio in relazione al tuo corpo? Grassa.

Uomini e curve. Qual è la retta che li unisce? La sensualità. Una donna con le curve è una donna da poter afferrare… da poter sentire sotto le mani… indistruttibile.

1 (6)

Sei felice? Mi sento come su un’altalena. Ci sono giornate felici e giornate di assoluta depressione. Tutto sommato non posso lamentarmi.

Cosa ti rende felice? Tornare a casa e trovare la mia “cana” (perché “cagna” non si può proprio sentire) Trilly che scodinzola come una matta. Essere semplicemente a cena con la mia famiglia e ridere tutti insieme. Oppure stare con i miei amici anche solo a raccontare una marea di cavolate. Sono anche felice quando le mie clienti escono FELICI e non fanno che ripetermi quanto siano state bene in nostra compagnia. Passare il mio tempo con la persona e le persone che amo fondamentalmente.

Cosa ti manca per essere felice? Un amore GRANDE.

La donna in cui ti rispecchi di più? Mia mamma.

La canzone a cui ti senti più legata? Incancellabile di Laura Pausini.

Il film che ami di più? Oddio… ce ne sono veramente TROPPI. A caldo “La vita è bella”.

La frase che ti racconta? La vita è come uno specchio, ti sorride se la guardi sorridendo.

Cosa vedi davanti a te? Un lungo percorso in cui dovrò rimboccarmi le maniche e darmi da fare. Sia nel lavoro che nella vita di tutti i giorni.

Dì qualcosa a te stessa Hai affrontato di tutto e di più. Non farti spezzare da niente e da nessuno. Puoi farcela. Alzati, combatti e vinci!!!