VOLEVO DIMAGRIRE PER COMPIACERE IL MIO UOMO

Nel Curvy Pride Blog sono stati pubblicati in 1o anni più di 500 articoli. Un caleidoscopio di argomenti, punti di vista, storie di vita, di amore, di amicizia. Alcuni li trovo particolarmente interessanti e mi ispirano pensieri e approfondimenti in un’ottica da Coach. La condivisione delle esperienze, per quanto sia personale, tocca sempre qualche corda personale degli altri. C’è sempre una similitudine, un pensiero, un vissuto anche nostro, in cui ci ritroviamo. Per questo le storie di vita ci piacciono tanto: sono le storie in cui ci immedesimiamo e dai cui impariamo qualcosa di nuovo. Oggi rileggiamo la storia di una amica anonima che per anni ha vissuto il rapporto col suo corpo come un incubo.

Ingrassavo e dimagrivo, era un vero incubo.

Sono una di quelle donne che ha vissuto sempre in conflitto col proprio corpo. Alternavo periodi di forte sovrappeso a periodi che io chiamavo di “normalità”. Un incubo. Ho imputato a questo quasi tutti i miei fallimenti.
In uno dei miei momenti di normalità (quindi mentre ero più magra) ho incontrato l’uomo che sarebbe diventato mio marito.
Tutto bello e fantastico fino a quando il mio malessere ha ricominciato a bussare incessantemente e i chili arrivavano senza chiedere il permesso, uno sull’altro, gravando sulla mia impotenza.
Bene. Da lì il suo graduale rifiuto, ho passato anni dormendo in un’altra stanza, il mio respiro era grasso colato che dava fastidio, la mia voce era grasso colato che dava fastidio e la mia mente viaggiava solo alla ricerca di un modo per dimagrire e compiacere il mio uomo.
La solitudine interiore mi ha dato modo di ascoltarmi e, ad un certo punto, ho deciso di allontanarmi dalle persone negative della mia vita.
Un giorno, guardandomi allo specchio, ho capito una grande verità: ero bella, mi mancava solo la libertà di pensare e agire con la mia testa.

Donne, ricordatevi che non siamo noi quelle sbagliate, sono le menti chiuse ad essere sbagliate!

PS: Ho divorziato!

Se sei in sovrappeso devi solo muoverti di più e mangiare di meno.

Quante volte abbiamo sentito queste parole, o le abbiamo lette in qualche commento sui social? Troppe! Davvero troppe. Ancora oggi, nonostante sia stato appurato che l’obesità è una malattia, esattamente come la bulimia o l’anoressia, moltissime persone la fanno troppo semplice, accusando chi è grasso di essere semplicemente pigro e troppo goloso.

Vorrei scriverlo a caratteri cubitali: SE FOSSE FACILE ESSERE IN PERFETTA FORMA LO SAREMMO TUTTI! Chi punta il dito e giudica non ha proprio capito – o non vuole capire – che le nostre abitudini alimentari e di vita sono lo specchio di come ci sentiamo dentro di noi. Chi è in lotta col proprio peso ha bisogno di aiuto professionale. Non basta dire a un grasso MANGIA DI MENO, sarebbe come dire e a un anoressico MANGIA DI PIÙ.

Perché l’anoressia e la bulimia sono viste come malattie e l’obesità è vista come una colpa?

Purtroppo, gravitando in questo sistema, noi taglie PLUS ci troviamo a fare i conti con questi ragionamenti. Che non solo non aiutano, ma ci affossano sempre di più, perché ci fanno credere di essere falliti, di non essere abbastanza forti, bravi, costanti nel perseguire un obiettivo di vita sana. E il baratro di insoddisfazione e disistima diventa sempre più profondo.

Cosa fare? Come poter risalire da questa profondità e cominciare davvero a stare meglio? Come Coach, quando le mie clienti si trovano a questo punto so che è necessario lavorare sotto diversi aspetti:

  • RIVOLGITI SUBITO A UN MEDICO PER FARE IL PUNTO SULLA TUA SALUTE. Attraverso esami diagnostici e anamnesi della situazione attuale.
  • TROVA UN PROFESSIONISTA CHE TI CAPISCA E TI SEGUA NELL’ALIMENTAZIONE, che ti ascolti e ti personalizzi uno schema alimentare sostenibile per te, che ti permetta di vivere in serenità, di uscire con gli amici, di goderti la parte bella e buona del cibo.

E poi, la parte che come Coach mi riguarda personalmente: LAVORA SULLA TUA AUTOSTIMA!

Per capire cosa vuoi davvero, quali sono i tuoi obiettivi e qual è il modo migliore per raggiungerli.

Per smettere di giudicarti, per smettere di credere di non valere abbastanza perché non sei come vorresti.

Per smettere di dare tanta importanza al giudizio degli altri, a non lasciarti più condizionare da quello che gli altri vedono di te o vorrebbero da te.

Per cominciare a vedere che hai valore, che hai le tue caratteristiche che ti rendono una persona unica e insostituibile e non è la tua forma a toglierti questo valore.

Per allenarti a trovare la costanza e la motivazione per raggiungere quello che vuoi e che ti rende felice.

Un consiglio BONUS per te

Mi permetto un consiglio BONUS che può davvero aiutarti in questo cammino: circondati di persone che ti apprezzano, fai come l’anonima del racconto che si è allontanata da chi la giudicava, da chi la schiacciava e la criticava. Avvicinati a persone che ti facciano stare bene, che ti vedano e ti amino per chi sei davvero! Se non sai dove trovarle, cerca in Curvy Pride, ne troverai molte di più di quanto credi!

A presto! Fabiana

Questo articolo è stato scritto dalla socia e staff Fabiana Sacco che dedica parte del suo tempo alla crescita del Curvy Pride Blog. Un grazie a tutte le socie e i soci che che credono nell’Associazione Curvy Pride – APS impegnandosi nel volontariato.

Fabiana Sacco è stata consulente di bellezza per più di 25 anni nei quali ha raccolto le confidenze, le paure e i sogni di centinaia di donne. Il suo cammino di crescita l’ha portata a diventare una Coach e il suo lavoro è aiutare tutte le donne a ri-trovare la loro autostima e sviluppare i loro talenti, indipendentemente dalla fisicità.
“Curvy Pride rispecchia alla perfezione i miei valori ed esserne membro è per me un onore, tutte insieme cambieremo il mondo!”
MAIL info@fabianasacco.it FB 
https://www.facebook.com/fabianasaccocurvycoach
e su IG https://www.instagram.com/faby_the_curvy_coach/?hl=it
Pubblicità

DIETA: UNA PAROLA SEMPLICE CHE DIVENTA UN’OSSESSIONE

Per la rubrica Curvy Pride Anthology riproponiamo la storia di Valeria, che si è raccontata a Curvy Pride aprendo il suo cuore e compiendo un gesto coraggioso. Perché raccontarsi davvero non sempre è facile, a volte si toccano dei punti deboli, altre si riportano a galla vecchie ferite. Ma la cosa più importante è che raccontarsi vuol dire guarire, è come togliere un po’ di peso dalle nostre spalle, come appoggiare un bel librone pesante e lasciarlo lì, perché non ci serve più. E se qualcuno che passa lo vede e pensa di averne bisogno, beh, che lo prenda e lo trasformi in un dono prezioso! Ecco le parole di Valeria.

Il mio racconto lo faccio partire da qui: dal mio presente e da ciò che sono oggi. Guardare indietro non fa più male e soprattutto non mi fa più paura. Ho 38 anni, sono una donna, una moglie e una mamma e amo la vita come non mai.

In passato ho permesso che il mio corpo mi facesse male. Fin dall’infanzia i miei ricordi sono legati al rapporto non sano con il cibo. Nascondevo merende e merendine, carte e involucri vuoti. Oggi mi fa sorridere ma se mi fermo e mi guardo dall’esterno provo un’infinita tenerezza per me stessa: vedo una ragazzina di 12 /13 anni, cicciottella, con degli occhioni grandi e lunghi capelli castani seduta nel lettino della sua cameretta a mangiare qualsiasi cosa. Adesso anche lei mi guarda e solo ora so cosa nasconde dietro quegli occhi che mi fissano con sincera intensità. E poi vedo gli anni che passano e tutto cambia, io cresco ma continuo ad avere quegli occhi che non mentono. Sono occhi talmente grandi che se li guardo bene riesco a leggere la mia storia. La storia di una bambina a cui è stata incisa nella mente una parolina che l’ha accompagnata per una vita: DIETA. Peccato però che un bel giorno questa parola così semplice, di sole 5 lettere, diventa un’ ossessione. Sai cosa significa vivere una vita perennemente a dieta? Significa non avere una vita normale.

È facile giudicare, è facile parlare ed esprimere giudizi sulle persone in carne, grasse e obese. Ma nessuno sa cosa si nasconde dietro il loro aspetto.
Da qualche tempo qualcuno ha definito l’obesità come una malattia, ma ancora oggi si esprimono giudizi e pensieri senza curarsi del male che si infligge alle persone, perché purtroppo questa è una malattia delle mente, che piano piano ti distrugge l’anima.

Immagino che tu sappia che il giorno perfetto per iniziare la dieta è sempre il lunedì, perché fino alla domenica sera devi gustarti l’ultima cena, l’ultimo piatto preferito, perché poi chissà quando potrai rifarlo! E poi ecco che arriva il lunedì, quante speranze in quel lunedì che ti fa dire da oggi sono a dieta, questa è la volta buona. Peccato però che già verso il pomeriggio qualcosa non va e assaggi solo un cracker. Ed è esattamente in quel momento che arriva l’ ennesimo fallimento. Tu sei il fallimento, il fallimento che sei stata abituata ad essere per tutti, per anni.

Però sai una cosa strana? Noi grassi in quel momento stiamo bene! Mangiare ci appaga e ci soddisfa perché scaccia la noia, ci distoglie dai problemi e dai disagi che viviamo tutti giorni. Quando vivi in un corpo che detesti fai finta di stare bene: la realtà è che vorresti essere altro, indossare un abito diverso e tacchi alti, ma sei troppo pesante e quindi eviti. Eviti tutto, anche te stessa. Gli sguardi cattivi e impietositi della gente, l’inadeguatezza e la vergogna diventano parte della tua vita, sono la tua vita, ma scappare da tutto questo è impossibile. Finché arriva il giorno in cui dici BASTA e impari semplicemente a volerti bene. A voler vivere e provare ad essere ciò che vuoi essere.
Per me quel giorno è finalmente arrivato. Dopo 26 anni ho detto basta: basta mangiare di nascosto, basta fingere di essere chi non sono, basta essere quella che però che peccato perché hai un bel viso. Quante volte me lo hanno detto!

Ho iniziato a guardarmi ed accettare ciò che ero, solo così sono uscita da quel tunnel in cui avevo vissuto per 26 anni. Lo ricordo come se fosse ieri. Era il 17 marzo 2017 e da quel giorno ho deciso di volermi bene. Sono stata una figlia perfetta, una scolara perfetta, una lavoratrice perfetta, e ancora moglie e poi mamma. Ebbene sì, nonostante tanti pareri sfavorevoli sono diventata anche mamma e questo mi ha dato una forza inspiegabile! Era finalmente giunto il momento di non essere più perfetta per nessuno ma di essere semplicemente Valeria una (ormai) donna che ama la vita, il mare, il caffè, sorridere, ballare ma anche il cibo! Quel cibo che oggi, dopo un lunghissimo e faticoso percorso su me stessa, non è più un eterno nemico. Lo è stato per troppo tempo. Era nemico e anche compagno di vita, idea fissa, ossessione e immenso malessere.

Questa è la mia testimonianza e anche se sembra triste dirlo, è solo una minima parte di una vita passata a provare a convivere con me stessa.

Ma adesso finalmente VIVO FELICE E CONTENTA.

Valeria Mallardi

SE LO FAI PER GLI ALTRI NON SARAI MAI ABBASTANZA

Per la rubrica CURVY PRIDE ANTOLGY proponiamo questo articolo scritto dalla nostra amica Estela, datato ottobre 2016. Buona lettura!

Mi chiamo Estela Regina e non sono mai stata una ragazza magra. Fin da bambina avevo i rotolini e le gambe morbide e a mia mamma piacevano tantissimo, le mordeva in continuazione! Non ho mai dato importanza a questo fatto perché correvo, giocavo e ridevo; a 4 anni ballavo la samba -sono brasiliana- ed ero una bambina moooolto felice.
Iniziai le elementari in Brasile, e lì iniziarono i miei problemi: i compagni non volevano giocare con me perché ero grassa, buttavano a terra la merenda che mia nonna mi preparava con tanto amore e mi dicevano che dovevo mangiare di meno per non scoppiare.
Mi buttavano addosso i sassi dicendo che rimbalzavano.
A 9 anni mi sono trasferita in Italia, dato che mio papà era qua già da un po’.
Pensavo che qua avrei ricominciato e nessuno mi avrebbe preso in giro ma così non fu.
Un giorno un ragazzo mi spinse giù dalle scale dicendo che ero una palla e dovevo rotolare, e durante la ricreazione i bulletti, nascosti dalle maestre, mi calciavano la pancia e le gambe.
Mia mamma dopo un po’ si ammalò -oggi sta meglio per fortuna- e dovette tornare in Brasile per operarsi con urgenza. Durante i40 giorni in cui è stata in Brasile mi è successo di tutto e sono ingrassata 25 chili.


Nemmeno alle medie le cose cambiarono e venivo presa di mira anche dagli insegnanti che mi davano della cicciona davanti agli altri che ridevano e si prendevano gioco di me.
Per anni mi sono tagliata per esternare il dolore che avevo dentro, dolore che gli altri mi avevano causato.

instasize_1020183424


Dopo un po’ mi è stata diagnosticata la depressione e di conseguenza l’obesità grave dato che il cibo era la mia consolazione e a ogni boccone che facevo piangevo tantissimo ma per me era l’unica ancora di salvezza. 
Mi sentivo uno schifo, sporca, grassa  e un peso per i miei genitori che nonostante tutto mi sono sempre stati accanto, soprattutto mia mamma.
Alle superiori le cose sono cambiate: ho fatto amicizia, uscivo, ho trovato persone che mi volevano davvero bene e non mi giudicavano per quello che ero fuori.
Io però ancora non mi amavo perché non mi accettavo per paura del giudizio degli altri.
Ora sono molto più felice con me stessa, penso che comunque dovrei dimagrire qualche chilo non per un fattore estetico -perché mi accetto benissimo così ora- ma per la mia salute non per compiacere agli altri.
Non riesco a mandare giù il fatto che qualcuno giudichi una persona con qualche chilo in più come una sedentaria e che non fa nulla, una persona obesa è così perché l’unica cosa che in quel momento aveva per sfogarsi era il cibo.
Quando mangiavo per annegare le mie sofferenze ogni parte del mio corpo faceva male, ma il male e il dolore che avevo nel cuore e le brutte parole che avevo in testa facevano ancora più male.
Oggi sto bene, ho un buon rapporto con il cibo e mi piacciono le mie forme, sono curvy e ne vado fiera.

fb_img_1477248068220


Penso che qualsiasi persona che in questo momento sta vivendo qualcosa di simile non si deve arrendere e chiudersi in casa come facevo io. Le capisco, so quanto fa male sentirsi una nullità, ma quando ti scopri e vedi che in te non esiste nessun marciume e che sono stati gli altri a fartelo credere dimagrisci di 50 chili.
Quindi credete in voi stesse, nelle vostre qualità e capacità. Nulla è impossibile e se proprio si vuole dimagrire lo si deve fare per se stessi e per la salute. Perché se lo fai per gli altri non sarai mai abbastanza.

img_20160806_182015

Grazie a tutte le persone che dedicano il loro tempo alla crescita del CURVY PRIDE BLOG, impegnandosi nel volontariato.

IL CORAGGIO DI UNA CURVY: LA STORIA DI ELISABETTA

Per la rubrica CURVY PRIDE ANTOLOGY, riproponiamo questo bellissimo articolo del 2019, scritto dalla nostra socia e amica Elisabetta Giordano, che ringraziamo.

“Mi chiamo Elisabetta, sono una donna di 37 anni e oggi ho una vita piena, divisa tra lavoro, famiglia, casa e hobbies. Ho intitolato questo mio articolo IL CORAGGIO DI UNA CURVY perché, per arrivare fin qua, ho avuto forza, determinazione, coraggio e voglia di sorridere. Di tornare a sorridere.

Questi ultimi anni non sono stati molto facili e nemmeno così tanto felici. Non voglio annoiarvi, ma parlare della rinascita dopo questo periodo. Avevo preso più di 40 kg. Da una taglia 46 ero arrivata ad indossare una taglia 58. Non ero più io. La Elisabetta, sempre truccata, ben vestita e con gli occhi felici era stata presa in ostaggio da una giovane che non si voleva bene. Problemi di salute, discussioni familiari e un po’ di depressione mi avevano inghiottito. Accumulavo peso quanto frustrazioni e delusioni. Guardavo mia figlia e mi sentivo in colpa perché non riuscivo a giocare con lei come voleva. Non mi guardavo nemmeno più allo specchio.

Un giorno il mio sguardo è caduto per sbaglio sul mio fisico, proprio davanti a quello specchio tanto odiato. Mi sono osservata e mi sono chiesta: “Come sei arrivata fino a qui? Perché non ti vuoi più bene?“. Non sapevo darmi una vera risposta: era tutto ed era niente. Ero certamente una ragazza triste. Disorientata.

Sorrisi da matrimonio.
In mezzo alla gente fingevo di essere serena e felice. In realtà non lo ero.
Nascondere i miei sentimenti dietro ad un sorriso era diventata ormai un’abitudine.
Peso raggiunto 112 Kg.
Eccomi al mare

Da quell’incontro fra la Elisabetta Top -del passato- e la Elisabetta fragile -di quel momento- nacque un caos. Ho cominciato a non mangiare o a farlo poco e niente e a non dormire. Pensavo, pensavo. Per due settimane sono stata davvero male poi, non so, mi sono fatta CORAGGIO ed ho affrontato le mie frustrazioni, ho parlato allo specchio gridando tutto quello che avevo dentro e mi sono ritrovata. Certo, detto così sembra stupido, sembrano solo parole ma è stato così. Da quel giorno, 27 febbraio 2018 le due Elisabetta hanno fatto pace e convivono. Ho iniziato una dieta seguita ovviamente dalla nutrizionista, ho cominciato a camminare.

Da sola la dieta non bastava.
Attività fisica, musica nelle orecchie che attraversava il cuore e tanta voglia di riuscire. Ho iniziato a dimagrire.

Tante passeggiate in mezzo alla natura, agli alberi, il profumo di vita e il sole sulla pelle. Pian piano ho iniziato a vedere i primi risultati. Poi, mi è stato chiesto di partecipare ad un piccolo concorso locale per diventare Miss Curvy. Non volevo, mi sentivo impacciata e goffa ma il coraggio mi ha tirato per un braccio e mi ha fatto affrontare il giudizio della gente e della giuria stessa. Da lì, è nato un nuovo modo di vedere le cose. Invece di dire no a tutto, mi sono detta PERCHÉ NO?

Questo nuovo modo di pensare ha avuto seguito perché sto facendo tante piccole azioni che hanno incredibilmente aumentato la mia autostima. La cosa principale è che, in questi mesi, ci sono stati tanti momenti difficili, ansiosi, ma sono riuscita a dominarli.

20 Ottobre 2018
La mia prima sfilata “curvy” con annesso concorso di Miss e Mister Oasi Piemonte che ho vinto!

Quando ero ragazzina ed avevo qualche kg in più venivo presa in giro, ora sono orgogliosa del mio fisico mediterraneo! Non sono e non voglio essere come le altre, ma sono riuscita a trovare un equilibrio. Bisogna sempre trovare stimoli, migliorarsi per essere in pace con se stessi, ma non sono i kg in più che determinano il nostro valore.

Non dobbiamo sentirci a disagio se abbiamo qualche curva di troppo, dobbiamo trovare la serenità, un equilibrio con il nostro corpo. Non dobbiamo trattarlo male. MAI. Forse sembra tutto banale e scontato. Alla fine però, se ci pensiamo bene, è giusto essere fieri di come siamo, senza emulare nessuno, soprattutto in una società basata spesso e volentieri sull’apparenza. Ci vuole coraggio, tanto CORAGGIO, per ritrovarsi, apprezzarsi e amarsi ogni giorno. E voi, siete coraggiose?”

Eccomi qui, con 45 Kg in meno,
sempre “curvy” e felice di esserlo, ma soprattutto con
sorrisi veri e tanta tanta stima di me stessa!

Amo la vita e le sfide. Sono una donna con i piedi nel presente e lo sguardo rivolto al futuro. Sempre alla ricerca della bellezza dell’essere. Curiosa e creativa. Insomma, viva! Felice di far parte di questo gruppo!
“Il coraggio più grande risiede nell’essere se stessi. Imperfetti. Originali. Unici.”
A. De Pascalis

Ringraziamo tutte le persone che dedicano il loro tempo per la crescita del CURVY PRIDE BLOG, impegnandosi nel volontariato

Come si fa ad essere felici e grassi allo stesso tempo?

Come si fa nella nostra società ad essere felici e grassi allo stesso tempo?
Forse non si può, oppure forse si può. Ecco la mia, personale, testimonianza. Io “D” Donatella. 100 kili di pura allegria. Mi racconto così senza troppi peli sulla lingua.

Mi chiamo “D” e sono gravemente obesa. Fin da piccola, per via di una malattia che mi ha colpito alla tenera età di 5 anni, ho ingerito molti farmaci, che uniti fra loro mi hanno fatto gonfiare molto. Mi sono quindi trovata a soli 8 anni ad esser più grassa delle mie amiche. Col tempo la malattia si è alleggerita, lasciando lo spazio alla vita, che molto spesso sa essere crudele. Alcune volte venivo derisa per strada perché ero troppo grassa, ma io temeraria e fiera di me, e della mia forza, ho continuato a camminare a testa alta.
Poi un giorno mi sono sentita abbandonata da chi aveva promesso di restarmi sempre accanto.
E così dopo questo dolore, che inizialmente non sono stata capace di affrontare, mi sono rifugiata in un mondo tutto mio.
Lì il cibo era mio amico, mi faceva sentire bene, mi faceva sentire amata.

Poco tempo dopo però si era sviluppata una grande grave dipendenza. Un circolo vizioso.
Il cibo mi dava gioia ma mi rendevo conto che mi stava anche uccidendo.
Così dopo tanti tentativi, tante lacrime e dolore, ho imparato che il cibo da tanto piacere, ma che bisogna saperlo dosare.

L’obesità è la malattia del cuore. Non è mangiando che si colma il vuoto che sentiamo. Il cibo ci dà gioia momentanea, ma siamo noi che dobbiamo costruire la nostra felicità, giorno per giorno.
Ricordatevi, nulla può riempire un vuoto però possiamo imparare a convivere con quel dolore e imparare ad amarci per quello che siamo. Perché siamo tutte stupende.

Donatella Fenio

Mi chiamo Donatella Fenio, sono nata a Salerno. E sono una persona molto positiva. Odio ogni tipo di discriminazione, ed amo scrivere. Ho già pubblicato il mio primo romanzo Il segreto di Gabrielle Ross un thriller erotico che parla della violenza sulle donne. Amo la vita e tutte le sue sfaccettature.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: