Etichettato: poesia

IL MIO GROSSO GRASSO CORPO

Caterina Argentieri è entrata nel mondo di Curvy Pride! Ascoltando la poesia “The Fat Joke” di Rachel Wiley (Button Poetry), Caterina ci invita a riflettere. E voi cosa ne pensate?

L’apertura di questo articolo è affidato ad una poesia (Rachel Wiley – “The Fat Joke” – Button Poetry), ad un invito a riflettere.

La storiella inizia così: “il paziente va dal dottore «dottore mi fa male il braccio quando lo muovo così, che devo fare?» e il dottore gli risponde: « E tu non muoverlo così».

Ma… La Chiattona va dal dottore e gli chiede – Dottore mi fa male il braccio se lo muovo così, cosa dovrei fare? E il dottore le risponde – hai mai pensato alla chirurga bariatrica?-

La Chiattona va dal dottore per il vaccino anti influenzale. Il quale condirà il tutto con un sermone sul BMI (Body Mass Index – indice di massa corporeo, NdT).

La Chiattona va dal medico per un’otite, e le vien chiesto se abbia mai mangiato un’insalata.

La Chiattona va dal medico per farsi medicare il morso di un ragno, e il medico non riesce a farsi una ragione del fatto che i valori della sua pressione sanguigna siano incredibilmente bassi. O per lo meno, bassi per una persona della su stazza; gliela misura e ri-misura per tre volte… dimenticandosi completamente della tumefazione violacea del morso velenoso del ragno (altrimenti, perché la Chiattona sarebbe andata lì?)

La Chiattona va dal medico per farsi prescrivere degli anti-depressivi; le viene invece prescritto di fare sport, essendo ovvio che sia la sua ciccia la causa della sua depressione. E ovviamente , i ciccioni non fanno sport, e restano ciccioni.

La Chiattona va dal medico per un controllo trimestrale di routine e il dottore le chiede – hai seriamente pensato alla chirurgia bariatrica?-

La Chiattona ne ha le scatole piene di avere sempre la stessa diagnosi: dimagrisci. E dal medico non ci va più.

La Chiattona si rivolge al mondo dicendo- guardate che non è per niente piacevole essere considerate solo delle palle di lardo – e il mondo le risponde- e tu smettila di essere una palla di lardo.-

La Chiattona vive in un mondo che preferirebbe farla a fettine, piuttosto che accettarla con i suoi chili in più. E al diavolo le conseguenze.

La Chiattona vive in un mondo di dottori laureati su Google e su Wikipedia, che si definiscono “preoccupati” per la sua salute. E al diavolo le conseguenze.

La Chiattona vive in un mondo in cui riesce ad amare ancora in qualche modo il suo grosso grasso corpo e il mondo le urla dietro – basta santificare l’obesità-

La Chiattona si rivolge al  mondo intero dicendo- sentite: se voglio dimagrire, quanto voglio dimagrire e quante volte ci abbia provato riguarda solo me. Perché per voi magro uguale sano.

E per la stessa ragione, la mia salute , che sia più o meno a rischio, è solo affar mio. Che vi piaccia o no. Merito rispetto, e merito di esistere così come sono. “Primo non nuocere” vale anche per me – E il mondo – Ah ah bella questa!

Partendo dal presupposto che nessuno vuole negare che l’obesità sia un problema,  e come tale va affrontato. Ma non come i “buoni samaritani” di cui sopra.

35796787_982519098588653_6837384465451319296_n

Alzi la mano chi vede questa scena come “Familiare”.

Esatto, la mia mano è proprio la prima.

Ho convissuto per quasi un anno con un’infezione, che non si sapeva da dove fosse partita, per poi ritrovarmi col seder trasformato in un gigantesco puntaspilli.

Da cosa dipendeva l’infezione secondo i medici? Immagina…Puoi…

Cambia lo scenario: dieta ed esercizio fisico stavolta ci sono,  Nello stesso periodo, a causa della peggior delusione (chiamiamola col suo nome: mazzata) in campo professionale che io abbia mai avuto, ho un crollo nervoso, che richiede cure mediche. La diagnosi non cambia, nonostante io abbia fatto notare il cambio di rotta. Ma niente

Per non parlare di quelli che a malapena ti conoscono, ti fermano per strada e si sentono in diritto di dirti cosa devi fare. A quale titolo poi…

Si parlava di farmaci antidepressivi, a cui spesso si associa (o addirittura si sostituisce) la terapia psicologica, in casi di disturbi alimentari.

E in ogni caso: prima di ricorrere agli psicofarmaci, non sarebbe meglio fare un bel respiro, guardarsi intorno… e accertarsi che invece non si sia circondati da una massa di Str… ( sorry my French)?

TESTO INGLESE ORIGINALE

Rachel Wiley – “The Fat Joke” – Button Poetry

98ad7f18a60150f804eb148ede679482

“The old joke goes: patient walks into the doctor’s office, says: « Doctor, it hurts when I move my arm like this, what should I do?» and the doctor says « So don’t move your arm like that»

Now, Fat Girl walks into doctor’s office, says «Doctor, it hurts when I move my arm like this,’ and the doctor says, ‘Have you considered weight loss surgery?»

Fat Girl walks into the doctor office for a flu shot, and gets a lecture about BMI.

Fat Girl walks into the doctor’s office with an earache and was asked if she has ever eaten a salad.

Fat girl walks into the doctor’s office with a spider bite and the doctor obsessed her over how low her blood pressure is. Low for such a fat person anyway; insists on checking it three times before he’ll believe it, forgets completely about the mass of purple spider venom that brought her here to begin with .

“Fat Girl walks into the doctor’s to ask about anti-depressants and gets prescribed exercise instead. Because obviously her depression is because of her fat and obviously fat bodies don’t exercise and stay fat.”

Fat Girl walks into the doctor’s office for a standard 3 month follow up appointment and the doctor says «Have you considered that weight loss surgery instead?».

Fat Girl gets tired of constantly being diagnosed as fat. So Fat Girl stop walking into the doctor’s office.

Fat girl walks into the world and says «World, it hurts to exist like that » And the World says «So stop existing like that».

Fat girl walk through a world that would rather she slices herself open than to exist as she does, side effects be damned.

“Fat Girl walks into a world full of sidewalk doctors who claim to be concerned about her health, side effects be damned.

Fat Girl walks into the world and still somehow manages to love her fat body and the world says, ‘Stop glorifying obesity.’”

Fat Girl walks into the world and says «I do not owe you shrinking, you know, I do not owe you thinness, attempted thinness, or desired thinness. Because you assume thinness equals health.

For that matter, I do not owe you health, perceived or otherwise, to receive basic respect .I am deserving of care, and I am deserving to exist as I do. I am deserving of ‘first, no harm done».

And the world says, «That’s the best joke we’ve heard all day.»

Articolo di Caterina Argentieri

34690199_973336946173535_4593017032542257152_n.jpg

Annunci

#InFormaConLeForme: IL PROGETTO CONQUISTA ROMA!

Sabato 18 febbraio, una splendida giornata romana all’insegna delle CURVE nella meravigliosa cornice dell’Hotel degli Aranci ai Parioli. Grande successo e interesse per la presentazione del progetto #InFormaConLeForme di Francesco Simone, personal trainer (e tanto altro!) diventato ormai un punto di riferimento per il mondo curvy.

 

2.jpg

Marianna Lo Preiato – Francesco Simone

 

Il progetto di Francesco Simone nasce da un percorso esperienziale di oltre 10 anni da professionista del settore fitness e osservazione diretta di situazioni di vita dove alcune donne erano state o erano ancora oggetto di discriminazione o bodyshaming, a causa dell’esaltazione/promozione di un canone estetico standardizzato su dettami numerici (taglie, centimetri, ecc).

Il progetto #InFormaConLeForme pone al centro la salute!

Le curve di una donna non sono un limite ma possono diventare un valore aggiunto se ben armonizzate. La bellezza è per tutti e “non ha taglia”, se in salute.

La StarFit Parioli di Roma, diretta e gestita da Vito Toraldo, ha sposato totalmente il progetto e si pone in prima linea per diffondere un messaggio di salute, indipendentemente da canoni estetici.

 

5.jpg

Vito Toraldo – Marianna Lo Preiato – Francesco Simone

 

Abbattere l’idea del “canone estetico” fissato sulla base di motivazioni indipendenti dalla salute ma spesso legati a marketing, alla lunga potrà consentire di avere una popolazione che mira solo alla Salute e non all’aspetto fisico, e di fatto verranno a cadere i motivi della discriminazione.

Presenti all’evento l’attrice Claudia Gerini, splendida e magnetica come sempre, il cui appello: “VIETATO ESSERE QUALCUN ALTRO” ha toccato il cuore dei presenti.

 

7.jpg

Marianna Lo Preiato – Claudia Gerini – Elisabetta Viccica

 

Alla tavola rotonda – moderata da Fanny Cadeo – hanno partecipato il preparatore atletico Vito Toraldo (titolare del centro sportivo StarFit Parioli), la responsabile scientifica del progetto Angela Marsocci, la psicoteraeuta Irene Bozzi, la personal della chirurgia estetica Francesca D’Orio.

Tra gli ospiti anche Rosaria Renna, Chiara Nardelli, la psicologa Emanuela Scanu, chirurghi plastici Camillo D’Antonio, Massimo Tempesta e Francesco Marchetti, il cosmetologo Valentina Voto, Fabrizio Pacifici, Elena Aceto di Capriglia, Carla Montani e Lucio Dessolis.

 

4

Marianna Lo Preiato – Rosaria Renna

 

Ovviamente non potevano mancare le rappresentanti del mondo curvy: Marianna Lo Preiato (presidentessa di Curvy Pride), Elisabetta Viccica (ideatrice di Venere in Carne e stilista curvy), le modelle curvy Vanessa Strampella e Martina Iorio.

3.jpg

Marianna Lo Preiato – Vanessa Strampella – Martina Iorio – Elisabetta Viccica

 

L’evento è stato magistralmente curato da Emilio Sturla Furnò.

 

Cogliamo l’occasione per invitare tutti il 2 aprile 2017 al CURVY PRIDE WALKING a PISA, manifestazione organizzata da Francesco Simone, Associazione culturale Arcadia Pisa e Curvy Pride, all’interno dell’evento Marenia 2017.

Una tavola rotonda con le istituzioni seguita da camminata sociale e inclusiva contro ogni tipo di stereotipo!

Per chiudere il messaggio di Francesco Simone per tutte noi: “La donna è una meravigliosa armonia tra spigoli del carattere e curve del proprio corpo”.

se_curvy_pride

 

 

 

 

 

MONICA BURRASCHINI e le sue passioni: il gruppo CURVY RE-LOVE-TION e la FOTOGRAFIA!

Monica, ti conosciamo come la “colonna portante” del gruppo CURVY RE-LOVE-TION. Potresti riassumere in poche parole cos’è e di quali tematiche si occupa? Curvy ReLOVEtion è un gruppo nato con l’intenzione di accogliere donne di ogni fisicità, ma si rivolge ovviamente e principalmente a donne con le curve con lo scopo di insegnare loro ad accettarsi.
Spesso ho avuto modo di conoscere donne con gravi insicurezze e con un vissuto molto problematico a causa del peso, del rapporto conflittuale con il proprio corpo in relazione alla società in cui viviamo, in cui GRASSO sembra significare brutto, sbagliato, inadeguato.

monica-4

Perché sono presenti solo donne nel gruppo? Sono presenti solo donne perché il gruppo è nato come un salotto in cui conversare in modo molto intimo e confidenziale. Spesso ci capita di condividere storie toccanti, problematiche legate alle relazioni o più semplicemente foto in cui veniamo ritratte “senza filtro”, cosa che spesso ci riesce difficile in presenza di uomini. Cerchiamo di tutelare questa piccola oasi tutta al femminile per avere sempre un posto sicuro dove stare fra Amiche.

Quanto impegno richiede la gestione di un gruppo così intimo e profondamente emozionale? Il gruppo è stato voluto e creato da un’altra ragazza che ben presto si è dovuta avvalere della collaborazione di altre due persone per la gestione, fra le quali anch’io. Nel giro di un anno mi sono ritrovata come unica amministratrice mentre il gruppo cresceva giorno dopo giorno. L’impegno e la costanza per portarlo avanti sono stati davvero tanti. Gestire un gruppo di più di 500 donne (DIVENTATE OGGI CIRCA 800) non è stato sempre semplice, ha comportato una componente emozionale molto forte e un’attenzione continua, 24 ore su 24.
Fortunatamente “Il Gruppo” è sempre stato molto coeso, ragazze che come me sono entrate a farne parte fin dall’inizio mi hanno sempre aiutata nella gestione, proponendo spesso nuove idee. Esiste infatti un regolamento che aiuta tutte a vivere all’interno di Curvy ReLOVEtion con partecipazione, continuità ed interesse con giorni a tema e argomenti con cadenze settimanali. Fra tutte le persone che mi hanno affiancata ho scelto di “ufficializzare” il ruolo di due in particolare per starmi accanto come amministratrici. Con Erica Cavaliere e Valentina Trovato c’è stato immediatamente affiatamento e sintonia e il gruppo è decollato.

monica-3

Quanto è importante l’aiuto reciproco per imparare ad amarsi? Io credo che sia FONDAMENTALE. Parlando della mia esperienza, in Curvy ReLOVEtion ho trovato una cura a tante delle mie problematiche. Amarsi non è semplice, anche dopo anni di quotidiano impegno, ci sono giorni in cui guardarsi allo specchio diventa difficile e doloroso. Condividere il nostro malessere, esteriorizzare il nostro senso di inadeguatezza, il nostro sentirci discriminate è tanto faticoso quanto terapeutico. Nel gruppo non c’è giorno in cui non ci sia qualcuno pronto a sostenerti, che capisce perfettamente quello che provi, che sta vivendo o ha vissuto la stessa sensazione. C’è sempre, SEMPRE, un’altra donna pronta a tenderti la mano.

Cosa ti spinge a continuare e a infonderci tanto amore e dedizione? Rispondere a questa domanda non è semplice… forse perché sento fortissimo il senso di appartenenza a questa che è diventata una famiglia. Non mi sento  leader ma parte del gruppo. Spesso uso la frase “vi mando un abbraccio che vi prende tutte” ed è così che realmente vivo la quotidianità di questo posto, sento il calore di  un abbraccio virtuale che infonde forza e coraggio, a me per prima.
Poi ho incontrato persone davvero incredibili, ho instaurato amicizie di un’intensità impensabile. Alcune le ho conosciute di persona, altre le incontrerò prima o poi. Sono doni impagabili, un regalo che la vita mi ha offerto.

monica-2

Però, Monica, non sei solo “CURVY RE-LOVE-TION”. Qual è la tua professione? Esatto. La mia professione in realtà è sempre legata alle emozioni e ho la fortuna di lavorare con un mezzo in grado di trasmetterle. Sono una fotografa. Da 5 anni faccio parte dello studio FLASH ARTE, con Lorena Cabrelle che coltiva questo progetto da 15.  Ci occupiamo di fotografia a 360° ma principalmente siamo fotografe matrimonialiste.

Cosa ami della tua professione? Amo il potere straordinario di creare ricordi, di cogliere sfumature e dettagli e di renderli tangibili. Amo il contatto con le persone e il poter vivere da vicino eventi emozionanti come il matrimonio. Amo riuscire a trasmettere attraverso la fotografia ciò che vedo e che soprattutto “sento”.

La soddisfazione più grande da quando lavori? La soddisfazione più grande è sicuramente quella di ARRIVARE alle persone. Un episodio avvenuto proprio qualche settimana fa è stato quello in cui la sposa, a fine giornata, ci ha congedate abbracciandoci in lacrime, commossa per la gioia di aver scelto noi. Non smetteva di ripetere che avrebbe fatto carte false per averci nel Loro giorno perché (testuali parole) abbiamo un qualcosa di speciale che non sapeva definire, ma che si sente, si avverte. Siamo tornate a casa stanchissime, come sempre, ma con il cuore pieno.

Consigli per una coppia di sposi alla ricerca del fotografo giusto? Oltre ad un discorso di competenze (noi siamo fotografe certificate ANFM, Associazione Nazionale Fotografi Matrimonialisti), credo che sia fondamentale affidarsi a qualcuno che sia fortemente empatico e che sappia osservare non solo con gli occhi. Una giornata come quella del proprio matrimonio è carica di emozioni, ma anche di dettagli, di attimi, di gesti, di sorrisi che durano pochi istanti. Quello che noi facciamo è ESSERCI in quei momenti.

Una foto che non deve mai mancare come ricordo del proprio matrimonio? Una delle foto che non ci facciamo mai mancare è lo sguardo dello sposo all’ingresso della futura moglie. In quel momento l’attenzione è focalizzata sulla sposa, tutti stanno guardando lei avanzare con il cuore in gola. Noi amiamo dare spazio anche all’emozione dello sposo, che spesso ha un’espressione che è un mix di gioia, stupore, adorazione, agitazione, timore, innamoramento, commozione, tensione, e mille altre sensazioni che si ripeterà raramente nella vita (o perlomeno non con tutte queste emozioni insieme). 

Un consiglio speciale per una sposa curvy affinché resti innamorata delle immagine delle sue nozze? Io consiglio a tutte le spose e in particolare alle spose curvy di godersi la giornata senza pensare a null’altro che alla propria felicità. Non fatevi problemi per il vestito o il trucco o l’acconciatura. Vi dovete sentire belle, per voi stesse. Se sentite di essere esattamente come desiderate allora dimenticate qualsiasi possibile giudizio. Il vostro sorriso sarà il sole dell’intera giornata, anche nelle fotografie!

Per concludere. Monica, se dico DONNA? Donna. Che incredibile meraviglioso universo. Donna, guerriera sensibile. Tutto il resto è dentro ognuna di noi. 

se_curvy_pride

 

FLASH ARTE SNC

via Mazza, 1

Gavirate (VA)

A TRASTEVERE, nel cuore di ROMA, il nostro nuovo CURVY PRIDE POINT!

Si aprono le porte del Caffè Letterario MAMELI27 a CURVY PRIDE!

Abbiamo tante idee e tanti progetti da realizzare insieme! Nell’attesa di informarvi riguardo a tutte le novità in programma vi presentiamo PATRIZIA PORTOGHESE.

pattypatty

Patrizia, cos’è il Caffè Letterario MAMELI27? Il Mameli27 è uno spazio culturale dedicato all’arte in tutte le sue forme, un gioiello nel cuore di Roma, a Trastevere.

Cosa succede al Mameli27? Di tutto! Il nostro calendario è sempre ricco di eventi: concerti, incontri con scrittori, sessioni di poesia, corsi di fotografia, di tango, ecc. Ma ci sono anche momenti da poter trascorrere in tranquillità, scambiando qualche confidenza con un’amica degustando un buon caffè. Un luogo tutto vostro!

13537780_1131317510266417_3063038900121698182_n

C’è un concorso fotografico e letterario in programma? Anche quest’anno è partito il Bando di ConcorsoDivagazioni d’Arte” 2^ Edizione. Un concorso che mette in evidenza la Mission del Caffè Letterario Mameli27. Anche questa edizione vedrà come fine ultimo l’aiutare i più bisognosi. Parte del ricavato sarà donato ad un’azienda agricola che ha subito gravi lesioni a causa del terremoto del 24 agosto scorso.

Patrizia, ci racconti chi sei? Raccontare così come riassumere i miei 55 anni di vita sarebbe troppo lungo e complicato. Sono una donna che ha vissuto sempre con amore e passione per la vita. Dopo anni di gioia si sono susseguiti anni di dolore, la mia forza è stata la scrittura, soprattutto la poesia che credo sia stata la mia arma per rinascere e per farmi capire cosa potevo realizzare rispetto a prima. Vivere e rinascere è un diritto di tutti e lo auguro ad ogni persona. Ho pubblicato quattro raccolte di poesia dove tutto questo si evince in maniera struggente; il mio quinto lavoro è già in essere, ma di questo progetto editoriale importante ve ne parlerò la prossima volta.

Perché avete deciso di diventare un CURVY PRIDE POINT? Abbiamo desiderato e non deciso di essere un “Curvy Pride Point”. Perché sappiamo che un “tempo nuovo” è alle porte. E questo tempo non è fatto di violenze alimentari ed emotive. Il Curvy Pride rappresenta per noi un’avanguardia di questa prospettiva.

Cosa desiderate diventi il Caffè Letterario Mameli27 per il mondo curvy? Desideriamo fortemente diventare il riferimento regionale, non solo romano, del CURVY PRIDE. Vogliamo dare tanto a questa realtà. Ci saranno sacrifici da fare. E noi siamo disposti e felici di farne.

se_curvy_pride_Luca

 

Caffè Letterario MAMELI27

via Goffredo Mameli, 27 TRASTEVERE – ROMA