Etichettato: sicilia

#MyCurvyPride: ALESSANDRA PARASOLE

Chi sei? Sono Alessandra, ho 22 anni e vengo da Catania dove ho preso la laurea in Scienze Erboristiche lo scorso ottobre, ma da poco trasferita a Pisa per iniziare la magistrale in Scienze della Nutrizione Umana iniziando una nuova avventura da fuori sede. Molti mi descrivono “pazza” e “rompi scatole”, si effettivamente lo sono e mi piace esserlo.

1a

Che cos’è per te Curvy Pride? Curvy Pride è uno stile di vita, una religione, un orientamento politico. Curvy pride è un modo per non sentirsi mai soli e stare ancora meglio con se stessi.

Ti sei mai sentita discriminata per la tua fisicità? Si, soprattutto nei primi anni di liceo.

Come hai reagito? Mi coprivo, non badavo al mio corpo. Reagivo male a qualunque tipo di commento su di me.

Come hai imparato ad accettarti e ad amarti? Iniziando a curarmi e iniziando a piacermi di più, scoprendo ciò che mi rende unica. Prendendomi in giro anche davanti a sconosciuti. E questo mi ha portato a farmi accettare, è bellissimo quando le tue amiche ti stimano e direi anche ti “invidiano” per la tua sicurezza.

Che cos’è la bellezza? E che peso ha nella tua vita? Prima non era niente, era il classico modello da manichino. Adesso la bellezza sono io, sono gli occhi di mia madre che mi guarda fiera (anche con i rotolini in più). Sono io che mi guardo allo specchio sentendomi bella e sensuale.

iii

Qual è la figura maschile o femminile che più rappresenta il tuo ideale di bellezza e perché? mmmmmh bella domanda, sarà banale ma io mi infatuo di quegli Uomini pieni di interessi e passioni (che non sia la playstation e il calcio), che non stanno mai fermi (un po’ come me). Quindi la bellezza è relativa ma onestamente da Donna bionda con gli occhi azzurri sono attratti da Uomini barbuti e scuri e fisicamente onestamente non lo so, se non mi attrae il suo cervello c’è poco da prendere con me.

Se potessi esprimere un desiderio cosa vorresti cambiare attraverso la Curvy Revolution? I soliti schemi per cui tutte ci battiamo. Ma soprattutto far capire che avere una taglia 48-50-52 non significa trascurare il proprio corpo e non fare una vita sana, ma al contrario forse siamo le prime che cercano di stare bene fuori e dentro.

Qual è la curva che ami di più del tuo corpo? Perché? Ovviamente i miei occhi, cioè anche io mi innamorerei di me guardandoli, e amo i miei polpacci (si anche io mi sto chiedendo cosa ci sia di bello, ma mi piacciono). A parte gli scherzi, il mio fondo schiena e il seno. Comunque mi piaccio perché credo di essere ben proporzionata anche nella mia 48 😉

Se ti dico Curvy Pride qual è la prima cosa che ti viene in mente? Delle pazze scatenate che si amano e si riempiono di foto senza preoccuparsi del doppio mento o del braccio cicciottello.

Una frase che ti rappresenta?La vertigine non è paura di cadere, ma voglia di volare

 

Annunci

#MyCurvyPride: VIRGINIA QUADARELLA

Chi sei? Sono Virginia Quadarella. Ho 20 anni, vivo a Siracusa. Sono una ragazza alta 1,83 cm, impostata e molto solare. Ho sempre il sorriso sulle labbra, molte le persone mi descrivono “acqua e sapone” e su questo do ragione. Amo molto la semplicità e ,come dico, la semplicità è molto efficace su tutto. Sono anche sportiva: gioco a basket a livello agonistico serie B. Quando non ho gli allenamenti non riesco mai stare ferma e faccio altri tipi di sport (corsa, nuoto, ciclismo, crossfit ecc.). Frequento l’università, Scienze della formazione operatore turistico. Ho preso questa facoltà perché mi piace molto scoprire e studiare tutte le culture e le storie degli altri paesi. Mi affascina molto anche il mondo della moda e mi piacerebbe diventare un’indossatrice per sfilare e far notare le particolarità del vestito. Qui è molto difficile entrare nel mondo della moda perché richiedono sempre taglie 38, massimo 42. Ma per questo io non mi fermo e continuo sempre a lottare e riuscire ad realizzare miei sogni.

12062402_1641994249358677_1225108712_o

Che cos’è per te Curvy Pride? Per me è un ottimo mezzo per far esprimere e diffondere le opinioni delle persone, credo anche abbia la possibilità di far cambiare anche qualcosa nella società.

Ti sei mai sentita discriminata per la tua fisicità? Quando ero piccola ero sempre discriminata per la mia fisicità e questa cosa mi è portato ad arrivare a non avere più fiducia in me stessa.

Come hai reagito? I primi tempi è stato difficile a pensare che quello che dicevano le persone non era vero. Un giorno mi sono guardata allo specchio e mi sono detta ora basta non posso vivere sempre nel giudizio degli altri devo cambiare e da lì ho iniziato ad reagire.

Come hai imparato ad accettarti e ad amarti? Piano piano ho iniziato ad accettare la mia altezza, il mio viso, il sorriso. Ora sto riuscendo anche ad accettare il mio fisico, ad averne più cura e amare me stessa.

Che cos’è la bellezza? E che peso ha nella tua vita? Bella domanda! Ci sono tantissimi significati riguardo sulla bellezza. Per me vuol dire avere qualcosa di particolare che spicca di più rispetto agli altri. Diamo che non dovrebbe essere importante la bellezza esteriore ma più quella interiore.

wp-1463822646645.jpg

Qual è la figura maschile o femminile che più rappresenta il tuo ideale di bellezza e perché? Ci sono tanti esempi da prendere, ma posso definire la figura ideale quella che ha un fisico sano, allenato, con i punti giusti in carne.

Se potessi esprimere un desiderio cosa vorresti cambiare attraverso la Curvy Revolution? Vorrei avere superare questa mia insicurezza e riuscire ad amarmi ancora di più.

Se ti dico Curvy Pride qual è la prima cosa che ti viene in mente? Espandere i propri pensieri.

Una frase che ti rappresenta? Solare.