La solitudine nel piatto

Mi tengo sempre impegnata. O almeno cerco di farlo.

Spesso mi chiedono “come fai a fare tutte queste cose?”. Non lo so, è un meccanismo di difesa che si è creato negli ultimi anni. Ho spesso pensato su cosa mi porti ad ingrassare e dimagrire nel classico modo a yo-yo (oltre ovviamente alla mia non propensione per l’attività fisica) e in fondo l’ho sempre saputo:

la solitudine.

Detesto le giornate dove sei costretta magari a stare chiusa in casa, da sola. Perché mi viene fame. Così apri e chiudi il frigo 2, 3, 6, 15 volte. Cerchi nelle tasche delle caramelle. Negli armadietti dei dolci. Ti ritrovi a fare anche improbabili spuntini tipo pane bruciacchiato + salsa barbecue che manco Cracco si inventerebbe nelle peggiori giornate.
A volte ci si sente così soli che un pensierino sul mangiarsi la bustina di maionese presa dal kebabbaro che giace in frigo da tempo indefinito spalmata su un kracker sembra pure una buona idea.
Che se ci ripensi nei momenti di lucidità ti chiedi se sei un tossico del cibo o cosa…della serie: “C’hai du’ spicci? Mi devo prendere una dose di brioches!”

L’unica cosa che quieta quella voragine che sento dentro è vedere altre persone o fare qualcosa che mi impegni la mente. E così via di bricolage, scrittura creativa, giardinaggio, QUALUNQUE cosa, pur di non riempire quel vuoto con il cibo. E funziona, finché non mi trovo da sola.
La cosa che frega è che il cibo è una fonte di consolazione per molti: sembra la cura di ogni malessere, peccato poi che sia anche la causa di ogni malessere.
Molti la chiamano “fame nervosa”. Io la chiamerei più “fame noiosa”. Perché se sei solo ti annoi e mangi. O almeno, per me funziona così.


In ogni caso, caro cervello, una cosa te la devo dire: di tutte le assurdità che mi fai fare per tenermi impegnata… oh, sport manco per l’anima eh? No, piuttosto le robe più articolate e complicate!
Eh vabbè, quindi ben vengano gli origami, finché non mi troverò a farli con le fette di salame!

CURVY FRIENDS: per non sentirsi sole.

“… Certe volte tutto sembra andare storto, niente è apposto e vedi tutto nero.

Le volte in cui non sai che fare, ti senti sola, fallita e persa.

Quelle volte in cui non riesci a capire nemmeno tu cosa ti servirebbe per stare meglio.

La soluzione per tutte “queste volte” è…un’amica!

Quell’amica che ti ascolta, ti abbraccia, ti consiglia.

L’amica con cui puoi parlare di tutto senza sentirti né giudicata, né accusata, né discriminata.

Colei che è lì per te e sa farti tornare il sorriso, sempre, con poco…”

 85858.jpg

In uno dei momenti più brutti della mia vita, quando mi sono separata, mi sentivo persa e fallita.

Avevo tutti contro, famiglia compresa, e sarei dovuta ripartire da zero, uscendo dal mio bozzolo sicuro e riaprirmi al mondo da sola.

Crollavano tutte le mie certezze e crollavo anche io. Non sapevo come fare, non ero obbiettiva, non vedevo soluzioni e l’unico sentimento che riuscivo a provare era una forte tristezza mista a delusione.

Affogavo i dispiaceri nel gelato, dimenticandomi di essere una donna.

Non credevo di farcela e nemmeno minimamente immaginavo di poter diventare quella che sono oggi.

Rinata, più forte e più sicura di me.

Io ce l’ho fatta e il mio GRAZIE più grande lo devo alle mie amiche.

abbraccio1.jpg

Devo tutto, o quasi, a quelle meravigliose donne che mi hanno stretta forte mentre chiudevo le mie cose in uno scatolone, hanno asciugato le mie lacrime (tante), mi hanno sopportata, mi hanno tolto il gelato e mi hanno sistemato il trucco e i capelli, costringendomi ad uscire e affrontare il mondo.

Senza di loro non ce l’avrei fatta.

Oggi, credo che ogni donna meriti la fortuna che ho avuto io.

Ogni donna merita quell’amica che sia sempre pronta ad ascoltare, consigliare, consolare…

E a questo mondo che ci fa credere che tra le donne ci sia competitività, gelosia e conflitto io dico di no.

cena-amiche1.jpg

Il mondo è pieno di amiche sincere e con un gran cuore. Nel mio viaggio io ne ho trovate tante e sono sicura che ce ne sono accanto ad ognuna di noi.

Nessuna è sola, anche quando sembra impossibile, anche quando è tutto nero, anche quando non ce la fai.

E se non ce la fai…io sono qui!

Puoi scrivermi su santa.confidence.curvypride@gmail.com oppure su curvypride@gmail.com

Santa

DSC_0942.jpg