Familiari in Affitto

 

Nel 2015 uscì una commedia grottesca intitolata ” The Wedding ringer – un testimone in affitto“. La trama racconta che, rendendosi conto di non avere amici ne incarica alcuni pagandoli.

Tempo fa mi aveva fatto sorridere credendo che fosse qualcosa di improbabile.

Oggi mi viene spontaneo domandarvi: prendereste una sorella in affitto? un marito? una madre? una zia? un cugino?

E’ possibile che le relazioni umane siano fondate sul dare-avere (dare se si riceve qualcosa in cambio) e che ogni legame di sangue non sia scontato ma che debba essere remunerato?

FAMILIARI IN AFFITTO

Certo se ti chiedo AIUTO non sei costretto a dirmi di si, ma nel momento in cui ti assumi la responsabilità è corretto tirarsi indietro o rinfacciarlo? o perfino pretendere una tariffa?

Forse tra un mese, un anno avrai bisogno tu e io sarò li a porgerti la mano… (o la fattura?)

In famiglia ci si aiuta, dicevano… ma non è scontato nemmeno questo. Siamo però consapevoli delle nostre scelte e assumiamoci la responsabilità delle tali senza trovare pretesti futuri per litigare.

Vi chiederete se il caldo di questi giorni mi ha fatto passare la lucidità ponendovi domande che probabilmente non ci avevate pensato. Be nemmeno io fino a poco tempo fa.

Non voglio in questo articolo parlare male di qualcuno nello specifico della mia famiglia e quindi farla/o passare in cattiva luce ma vorrei creare un motivo di riflessione non solo per me ma per chi legge.

Si danno per scontate tante cose, spesso smettiamo di coccolare o coltivare l’amore di coppia, di dire ad un genitore che gli vogliamo bene, a fare una carezza a un nonno sapendo che ogni giorno potrebbe essere l’ultimo.

Diamo per scontato quindi .. che se i cognati diventano genitori allora siamo a nostra volta zii, diamo per scontato che se nostra madre mette al mondo un’altra creatura sia nostra sorella o fratello. Ci hanno insegnato che è cosi, ma lo è davvero?

In verità è molto più complesso ma credo che se c’è amore incondizionato e privo di gelosie nate da paragoni inesistenti perchè ognuno di noi è un individuo con sogni, gusti e vissuti diversi si possa vivere in armonia.

Ruoli importanti hanno i compagni/e esterne al nucleo famigliare di sangue che dovrebbero stare al loro posto piuttosto che spargere zizzanie in famiglie.

Io sono vissuta felice di avere una sorella, ho giocato e dormito a casa delle cugine con gli zii, e a casa dei nonni senza pagare una quota; senza dover affittare i parenti. Sogno la stessa cosa per i miei figli, è chiedere troppo?

 

***********

Il presente articolo è stato scritto dalla socia Valentina Parenti che dedica del suo tempo alla crescita del CurvyPrideBlog.

Un grazie a tutte le socie e i soci che credono nell’Associazione CURVY PRIDE – APS impegnandosi nel volontariato.


DSC_1207BBB

Valentina Parenti (@momincolors ) sogna un mondo senza stereotipi di genere, positivo e attento all’integrazione sociale per questo è membro Curvy Pride, BodyPositiveCatWalk e da poco ha creato @FelicitàFormosa su Parma.

Valentina educa i suoi figli ad una “vita a colori” ed è il segreto della felicità #educareallafelicità.

contatti: parentivalentina85@gmail.com o qui

La nostra socia si racconta: LAURA TAGLIAFERRO

IMG_8654

Ciao a tutte/i mi presento sono Laura tagliaferro, ho 53 anni e sono socia Curvy Pride dal 2018, per me Curvy Pride é come una grande famiglia dove ci si confronta su temi come la violenza sulle donne e la discriminazione, consiglio a tutti di iscriversi perché, soprattutto si impara a amare se stesse e apprezzarsi, è una grande comunità in crescita .
Un messaggio per Curvy Pride? Una per tutte, tutte per una, insieme facciamo la differenza e ci facciamo conoscere al mondo intero .
Ho partecipato a svariati concorsi di Bellezza e Sfilate, shooting fotografici da oltre 30 anni quando allora indossavo una taglia 40/42.

Ho avuto il piacere e  l‘onore di partecipare come Ambasciatrice Curvy nel Famoso Calendario di Barbara Christmann nel 2018 , e nell’anno successivo nel 1 calendario di un noto marchio di abbigliamento curvy. Sono stata Miss Curvy e Miss Pin up a livello Nazionale, ho partecipato a trasmissioni televisive e a casting e comparse ultimo nel film con Jennifer Aniston e Adam Saddler nel Film Murder Mistery .

IMG_8656
Non sono mai stata discriminata nella mia forma fisica perche indossavo una 40/42 , mi è successo solo qualche anno fá a un concorso di bellezza in quanto con l’avanzare dell’etá e avendo avuto una meravigliosa figlia il mio corpo è cambiato e ho messo su peso. Mi sono sentita dire che non potevo gareggiare con le Magre e che meno male c’era una fascia per le Curvy, vi chiederete come ho reagito? Semplicemente fregandomene ( anche perché più volte pur non essendoci fascia Curvy ho portato a casa corona e fascia quindi … ) ho continuato a sfilare fiera delle mie curve e non mi è importato quello che pensavano ! Io credo che la bellezza non si debba basare ne sul peso ne sull’età ( certo che non si deve essere obesi perché se no ne va della salute, e consiglio stile di vita e alimentazione sano e movimento anche una bella camminata, ci si deve volere bene sempre e accettarsi per quello che si è) anche perché come ho ribadito più volte la bellezza è racchiusa in ogni una di noi , credo che sia il cuore la vera ricchezza , la bontà d animo che non sfiorirà mai il corpo è solo un involucro .

Come ho imparato a accettarmi e amarmi? Semplice ..  non mi sono mai odiata ne a 20 anni ne ora mi piaccio così come sono e non cambio per nessuno al mondo per me importante è vivere appieno ciò che la vita ci offre, la salute e stare bene con se stessi .
Per affermare la cultura delle pluralità per me è necessario essere tutte unite rispettare la vita è le idee degli altri, pensare positivo sempre, anche in situazioni avverse, sopratutto divulgare il messaggio che vogliamo trasmettere, condivisioni social e organizzare eventi e flash mob oltre a pizza e curvy .

Una frase che mi rappresenta? Carpe Diem, cogli l’attimo e vivi la vita fino al ultimo respiro, la vita è un soffio … grazie mille

Laura Tagliaferro

***********

Il presente articolo è stato edito dalla socia Valentina Parenti che dedica del suo tempo alla crescita del CurvyPrideBlog.

Un grazie a tutte le socie e i soci che credono nell’Associazione CURVY PRIDE – APS impegnandosi nel volontariato.


valentinaparenti

Editor Valentina Parenti @momincolors (socia e staff Associazione Curvy Pride – APS)

Sogna un mondo senza stereotipi di genere, positivo e attento all’integrazione sociale. Educa i suoi figli ad una “vita a colori” ed è il segreto della felicità – #educareallafelicità

La nostra socia si racconta: SILVIA SANNINO

Chi sei? Silvia Sannino detta la Silvietta o per gli amici della palestra “Ginger”.

IMG-20200607-WA0017 (1)

Che cos’è per te Curvy Pride? Curvy Pride è un’associazione di promozione sociale che ha come messaggio basilare l’amore per se stessi in tutte le forme che io sposo a pieno

Un messaggio per la community di Curvy Pride? L’unione fa la forza! 

IMG_20200426_121041_605

Ti piace sfilare o farti fotografare? Se sì, per quale motivo? Mi piace molto di più farmi fotografare che sfilare anche se nella mia vita non sono mancate le occasioni per entrambe le cose.

FB_IMG_1585141239612

Ti sei mai sentita/o discriminata per la tua fisicità? So di avere dei difetti, ma ho imparato ad accettarli e renderli punti di forza per questo credo che non mi sono mai sentita discriminata se non a livello tecnico nel campo della moda dove, in alcune occasioni, ho dovuto mandare a quel paese qualcuno.

Come hai reagito? Molte volte la gente giudica senza senso quindi, nei casi più eclatanti, un vaffa e chiusa li.

Come hai imparato ad accettarti e ad amarti? Ho fatto un percorso personale e ho acquisito molta autostima nel tempo.

93691635_1511861085657928_2406175854724907008_o (1)

Per affermare la cultura della pluralità e dell’inclusione cosa è necessario fare? Insegnare educazione civica fin da piccoli perché molte cose basilari ormai non si insegnano più e quindi alcuni comportamenti che dovrebbero essere “normali” passano per “strani”.

Una frase che ti rappresenta? Si vive una volta sola, ma se lo fai bene, una volta è abbastanza.

Silvia Sannino

***********

Il presente articolo è stato edito dalla socia Valentina Parenti che dedica del suo tempo alla crescita del CurvyPrideBlog.

Un grazie a tutte le socie e i soci che credono nell’Associazione CURVY PRIDE – APS impegnandosi nel volontariato.


valentinaparenti

Editor Valentina Parenti @momincolors (socia e staff Associazione Curvy Pride – APS)

Sogna un mondo senza stereotipi di genere, positivo e attento all’integrazione sociale. Educa i suoi figli ad una “vita a colori” ed è il segreto della felicità – #educareallafelicità

#Gratitudecurvy31, il riepilogo.

Oggi, truntunesimo giorno, si conclude il challenge curvy ideato per Curvy Pride. Lo scopo era quello di spostare i pensieri e l’attenzione non sull’aspetto estetico  ma su tutto quello che ci circonda, per essere grati alla vita. Essi potranno essere i nuovi propositi per il 2020. Se vi va potrete taggarci e aggiungere l’hashtag #gratitudecurvy31 in qualsiasi momento, saremo lieti di vedere le vostre immagini o di leggere i Vostri pensieri.

Vi auguro un anno pieno di AMORE, CONOSCENZA, MUSICA, CRESCITA, UMORISMO, ALLEGRIA, SOGNI, GENTILEZZA, SALUTE, LBRI, AMICIZIA, TEMPO, BELLEZZA, LIBERTA, LAVORO e FAMIGLIA. Che sia un anno ricco sotto ogni punto di vista.

 

 


DSC_1207BBB

Valentina Parenti (@momincolors ) sogna un mondo senza stereotipi di genere, positivo e attento all’integrazione sociale per questo è membro Curvy Pride, BodyPositiveCatWalk e da poco ha creato @FelicitàFormosa su Parma.

Valentina educa i suoi figli ad una “vita a colori” ed è il segreto della felicità #educareallafelicità.

contatti: parentivalentina85@gmail.com o qui

 

MissCurvyssima 2019 – Le 5 Finaliste e le 4 fasce con menzioni speciali.

A miss Curvyssima 2019 sono 30 (25 semifinaliste + 5 riserve) le ragazze che si sono sfidate tra loro in una battaglia glamour sfilando in diverse uscite sul palco in abiti eleganti e glitterati, in intimo, con abiti da sposa oltre che con la collezione in anteprima Primavera estate 2020 di Sophia Curvy .

Le 30 concorrenti provenienti da varie città italiane, tra i 16 e i 45 anni, sul teatro Fabbri di Vignola (Mo) il 13 dicembre erano: Zhaklina Pello, Alessia Piaggi. Paola Gambellini, Noemi Esposito, Azzurra Cima, Luana Nutilr, Loredana Amorosa, Giulia Mariani, Elena Aiello, Laura Morera, Silvia Corradin, Martina Giraldi, Kristina Churakova, Isabella Lodi, Camilla Lambertini, Genny Lionetti, Alexandra Elena, Alessandra Manenti, Debora Spada, Federica de Rosa, Sabrina motto, Diana Rau, Eleonora Longhi, Lorena Micaletti, Alina Ramona Ivana, Ambra Ziggiotto, Stafania Spalletti, Vanessa Strampella, Martina Concordi, Coca Petruta.

Durante la serata sono state giudicate per bellezza oggettiva, charme e portamento con voti da 1 a 10. I risultatti hanno poi decretato le 5 finaliste: classificata Deborah Spada, 2° classificata Laura Morera, a parimerito al 3° posto Silvia Corradin, Eleonora Longhi, Vanessa strampella, oltre che a 4 fasce abbinate agli sponsor: Alessia Piaggi (testimonial Gruppo Zeobaldi Acconciature), Vanessa Strampella (testimonial Inco Cosmetici), Giulia Mariani (testimonial Sophia Curvy), Silvia Corradin (scelta dalla produzione cinematografica del film Shabadà per far parte del cast del prossimo film).

Abbiamo intervistato le ragazze “vincitrici” e ne parliamo qui di seguito:


IMG_3644 (Copia) classificata / fascia MissCurvyssima 2019 Deborah Spada, 25 anni di Rimini

“Tutti mi descrivono con due parole: semplicità e solarità e penso siano stati due punti di forza che mi hanno aiutato a vincere….”

L’intervista completa a lei dedicata qui: https://curvypride.wordpress.com/2019/12/19/misscurvyssima-2019-intevista-a-deborah-spada/




DSC_4141p

classificata Laura Morera, 30 anni Roma

Laura durante l’adolescenza e l’infanzia ha vissuto in Texas e in Germania con la  famiglia. Appena diplomata è entrata e rimasta in marina militare per due anni, facendo anche un imbarco sulla nave Amerigo Vespucci. Successivamente ha intrapreso la professione di assistente di volo, che fà da 8 anni, e che l’ha portata a vivere in varie località (Inghilterra, Croazia, Bergamo e Lamezia Terme) prima di Roma dove vive attualmente.
Si è avvicinata al mondo della moda Curvy (allora chiamata Oversize) partecipando nel 2011 ai concorsi Miss Italia e Miss Universe, a vari casting che l’hanno portata a posare per shooting fotografici, cataloghi di moda, a partecipare a figurazioni speciali in alcuni film, e lavorare come modella per capelli. Tra i suoi sogni nel cassetto c’è quello di prendere un brevetto da paracadutista civile e la patente nautica.

“la mia meta non è essere migliore di qualcun’altro ma migliore di cià che ero ieri”




 silvia2.jpg3° classificata / fascia film Shabadà  Silvia Corradin, 45 anni Bologna.

Silvia nella quotidianità è una pasticcera ma con un sogno nel cassetto: calcare oltre le passerelle di moda anche il palcoscenico, per questo ha partecipato a diverse sfilate, in tv a “detto/fatto” e nel 2018 a una parte nel film di Luciano Ligabue Made in italy nel ruolo di Lidia.

A missCurvyssima partecipa da tre anni arrivando 2° nel 2017, tra le 5 finaliste nel 2018 e quest’anno 3° con la bellissima fascia di Sciabada’ il musical.

“Il mio motto è buttati che è morbido giusto per indicare di non abbattersi mai ma continuare nei propri sogni e desideri a provare a realizzarli”




49895895_757809594591985_4983534112137543680_o3° classificata Eleonora Longhi, 23 anni, Rieti

Prossima alla laurea in Scienze forestali, gestisce attualmente un agriturismo. E’ testimonial BeutifulCurvy 2019/2020 (nel calendario interpresa Rihanna nel mese di Giugno) e partecipa a Miss Curvyssima da qualche anno vincendo nelle edizioni  fasce di merito.

Bellezza per me è vedersi, accettarsi e amarsi per quello che si è, sentendosi bene con sé stessi.

 

 





16864252_782835095197833_1082752260000979423_n3° classificata  / fascia Inco cosmetici  Vanessa Strampella Roma

 

 

 

 

 

 




79854116_2633214600132947_4616894714245808128_oFascia Gruppo Zeobaldi Acconciature Alessia Piaggi ,24 anni Ravenna.

Lavora come hostess in fiere e congressi. Ha l’hobby di disegnare manga e fare crossfit. Il suo sogno nel cassetto è quello di sensibilizzare il mondo della moda a considerare maggiormente le donne comuni, anche più in carne. Partecipa a miss Curvyssima per il messaggio che porta il concorso: perchè è una manifestazione alla bellezza senza limiti, soprattutto senza limiti di taglia

“il sorriso è la curva più bella di una donna.”




80051016_816477555523008_1739137953000587264_n.jpgFascia Sophia Curvy Giulia Mariani, 22 anni Macerata

Giulia lo scorso 25 Novembre si è laureata in Infermieristica e ha ancora tanti sogni nel cassetto, per esempio: vivere in un castello come una principessa e partecipare a Miss curvyssima che più che un concorso lo considera un ideale di vita. Grazie a MissCurvyssima è riuscita a mettersi così in gioco sconfiggendo la timidezza che tanto la contraddistingueva.

“Perché se è vero che “bellezza non è magrezza” noi siamo davvero meravigliose.”

 




DSC_1207BBB

Articolo scritto da:

Valentina Parenti (@momincolors ) sogna un mondo senza stereotipi di genere, positivo e attento all’integrazione sociale per questo è membro Curvy Pride, BodyPositiveCatWalk e da poco ha creato @FelicitàFormosa su Parma.

Valentina educa i suoi figli ad una “vita a colori” ed è il segreto della felicità #educareallafelicità.

contatti: parentivalentina85@gmail.com o qui

MissCurvyssima 2019 – intevista a Deborah Spada

Il 13 Dicembre scorso, al teatro Fabbri di Vignola (Mo) si è conclusa la Finale 2019 di Miss Curvyssima. Tra le 25 finaliste, giudicate per portamento, charme e bellezza oggettiva ha vinto DEBORAH SPADA. Le abbiamo chiesto di aprirsi a noi..

IMG_3570 (Copia)

 

33900822_1761985813895009_157643519014469632_o1111.jpg

Quali sono i tuoi progetti futuri?

Per il mio futuro non ho ancora un progetto ben definito a 360 gradi e venerdì è stata l’ennesima prova!

Provo a spiegarmi meglio: Fino a qualche anno avevo già programmavo tutta la mia vita: a 24 anni mi sarei laureata, a 25 mi sarei sposata, a 26 il primo figlio ecc.. ma ad oggi voglio vivermi la vita giorno per giorno, con la testa sulle spalle, andando a definire quello che sarà il mio percorso ma non i particolari che lo caratterizzano. Continuerò a lavorare e studiare ma di sicuro ho le porte spalancate verso questo nuova possibilità che mi è stata data perché fare servizi fotografici e sfilare sono sempre state due passioni che ho avuto e spero che non rimangano solo passioni ma si possano trasformare in qualcosa di più!

 

 

Raccontaci di te…

Tutti mi descrivono con due parole: semplicità e solarità e penso siano stati due punti di forza che mi hanno aiutato a vincere.
Sono una ragazza  con un carattere molto forte e deciso e quello che mi pongo come obiettivo lo voglio sempre raggiungere.

Sono molto legata alle tradizioni soprattutto quelle Romagnole e adorando cucinare (oltre che mangiare!) mi ritrovo spesso ai fornelli e il mio cavallo di battaglia è la pasta fatta a mano e tirare la spoglia quindi guai a chi mi tocca il mio mattarello e il mio tagliere!! Sono molto legata ai valori della famiglia e infatti adoro le domeniche passate a tavola a mangiare con i parenti e il mio sogno è un giorno di avere una bella e numerosa famiglia!
324870_4531801178831_821156153_o.jpgSono una ragazza molto dinamica e attiva e non riesco a stare molto tempo ferma con le mani in mano ad aspettare per questo mi piace riempiere le mie giornate di cose da fare: oltre al lavoro e allo studio adoro andare in palestra, stare con gli amici, cucinare, e fare sport! Sono una grande appassionata della pallavolo e anche se non la pratico più mi guardo le partite del campionato italiano e adoro il basket e seguo le partite della squadra della mia città l’RBR (Rinascita Basket Rimini). Sono anche una spericolata e adoro il gusto dell’adrenalina quindi mi appassiona il paracadutismo e non vedo l’ora di fare il prossimo lancio! Ho un amore innato per il mare e me lo godo in tutti i modi e quando ho bisogno di isolarmi e mettere a posto i miei pensieri vado sempre a fare una passeggiata in spiaggia. Me lo godo fino in fondo nel vero senso del termine in quanto faccio anche immersioni subacquee e questa mia grande passione l’ho incisa sulla mia pelle (i tatuaggi sono un’altra mia grande passione)! Ho sulla schiena animali marini collegate alle mie passioni (una tartaruga con il mondo nel guscio perché adoro viaggiare, due delfini che giocano a pallavolo e un cavalluccio marino con il fazzolettone scout). Ma quello più significativo per questo contesto è quello che ho sul braccio: una fenice con una bilancia attaccata alle ali e questo simboleggia la rinascita (perché c’è stato ultimamente un periodo un po’ difficile per me e il peso perché quella è stata una grossa battaglia e ad oggi posso dire che sono rinata!).

Com’è il rapporto con il tuo corpo?

Fin da piccola ho dovuto lottare con il mio corpo. Sono stata fortunata rispetto ad altre bambine perché non ho mai avuto atti di bullismo o discriminazione per come ero fisicamente. Ripeto, sono stata fortunta perché le persone hanno guardato prima il mio cuore grande che il mio grande corpo : è vero ho un corpo grande ma un cuore e una bontà che lo sono ancora di più.
Dove il mio corpo non ci arrivava, ci arrivava il mio cuore, la mia testa e la mia bontà e per questo che nei giochi non venivo mai scelta per ultima e mi faceva sentire bene. Non lo vedevo come un ostacolo e quindi continuavo a mangiare in modo sproporzionato con delle grandi abbuffate.
Crescendo il peso stava diventando sempre di più un problema per la mia salute e non me ne stavo accorgendo: mi stavo imprigionando nel mio stesso corpo perché per qualsiasi problema il mio rifugio era il cibo. Ero prigioniera di me stessa e rifugiavo tutte le mie paure le mie insicurezze nel cibo. Era diventato un circolo vizioso: più ero arrabbiata, più mangiavo, più mangiavo e più ero triste e arrabbiata e riprendevo a mangiare.
Per me era uno strazio perché vedevo allontanarsi sempre di più quella che era la mia più grande passione: la pallavolo. Ho iniziato a girare dietologhi su dietologhi, ma puntualmente non riuscivo e non mi interessava realmente avere dei risultati o meglio avrei voluto tutto e subito : avrei voluto perdere tutti i 40 kg in più e diventare una ragazza “normale”. Questo era infattibile e ogni volta ricadevo in quel famoso circolo.
Poi l’adolescenza, uno strazio trovare i vestiti, uno strazio pensare di avere una relazione amorosa. Una fortuna continuavo ad avere: amici che mi stavano accanto, una famiglia che mi stava accanto ma una cosa ad oggi rimprovero loro di non avermi mai detto : “Deborah fermati un attimo, pensa a te stessa, guarda cosa ti sta succedendo”. Perché una delle cose che devo rimproverare a me stessa è che ho sempre messo davanti gli altri a me e io mi reputo una persona testarda che qualsiasi si pone come obiettivo lo deve raggiungere. Con il cibo invece mi sono sempre nascosta dietro a ciò che era la più grande scusa che mi raccontavo: non mi accorgevo che stavo usando gli altri per non affrontare me stessa. Stavo sempre più aumentando il circolo vizioso tristezza- cibo – delusione – cibo.
Poi un giorno mi ritrovai a giocare con un bambino e dovevo prenderlo e mi era quasi diventato impossibile fare due passi figuriamoci correre per prenderlo! Dovevo fare assolutamente qualcosa…iniziai con il salire sulla bilancia…116 kg! Allora iniziai a pensare un po’ a me…iniziai a mettermi in forma a perdere peso, a guardare in faccia il problema: non che avessi una corporatura robusta, dei fianchi larghi, qualche kilo in più ma che era diventato impossibile vivere, era diventato impossibile fare una passeggiata, un po’ di movimento. Arrivai a pesare 68 kg… nemmeno alle elementari ero mai stata così magra, ma ripeto non è una questione di kili ma di benessere… ero tornata a fare sporto, a giocare a stare meglio ma anche lì passai nell’altro estremo era diventata una fissazione e avevo paura a mangiare quel qualcosa in più…poi arrivò anche l’amore e per questo oggi devo ringraziare quello che è il mio ex moroso perché il peso era diventata una fissazione quasi un incubo mentre mi ha fatto vivere ciò più serenità e apprezzando le mie curve mi ha reso anche più sicura di me stessa.
Ad oggi posso dire che mi sono tolta quasi totalmente queste insicurezze, ovviamente ogni tanto qualcosa che non mi rende contenta rimane ma non è più una delusione ma un motivo per continuare a lavorare con serenità su me stessa. E ad oggi parlo di tutto quello che per anni ho tenuto nascosto con tanta serenità, orgoglio e soprattutto sempre con il sorriso!!!

IMG_3644 (Copia)Cosa è stato per te Miss Curvyssima?

Per me è stata una rivelazione in tutti i senti!
Una rivelazione per me stessa…Ha aiutato a tirar fuori un mio lato nascosto, quello femminile, quello sensuale, quello delle sicurezze, sento che ha aggiunto un mattone enorme per farmi diventare una Donna con la D maiuscola! Alla prima sfilata non volevo nemmeno uscire in passerella e invece venerdì mi sono divertita come non mai e sarei stata su quella passerella tutta la notte perché mi fa stare bene ed è per questo che voglio lasciare la porta aperta a questa opportunità!
Una rivelazione sulle ragazze incontrate…dietro al palco si creano dei legami indescrivibili, nel back stage ci si aiuta, siamo un gruppo e ci sosteniamo! Se qualcuna ha bisogno siamo sempre pronte ad aiutarci e a darci consigli…personalmente ho un rapporto con alcune ragazze che va molto oltre alla semplice sfilata, ci sentiamo e ci stimiamo! E sono contenta di aver conosciuto così tante persone e penso di aver aiutato molto a fare gruppo dietro alla quinte!
Una rivelazione perché mai avrei pensato di entrare a far parte di questo mondo e di avere questa bellissima opportunità e sicuramente non me la voglio far scappare!

Un grazie di cuore a Samantha che organizza tutto ciò e a far passare il messaggio più importante : “ magrezza non è bellezza!”.


DSC_1207BBB

Valentina Parenti (@momincolors ) sogna un mondo senza stereotipi di genere, positivo e attento all’integrazione sociale per questo è membro Curvy Pride, BodyPositiveCatWalk e da poco ha creato @FelicitàFormosa su Parma.

Valentina educa i suoi figli ad una “vita a colori” ed è il segreto della felicità #educareallafelicità.

contatti: parentivalentina85@gmail.com o qui

LE PROTAGONISTE DEL CALENDARIO BEAUTIFULCURVY 2020

La bellezza sta nell’occhio di chi guarda”…

Il giudizio sulla bellezza risiede nel nostro cervello e dipende dal vissuto di ognuno di noi ma .. “Che cosa rende bella un’opera d’arte? Cos’è la bellezza? É un concetto assoluto o tende a cambiare a seconda dei contesti e delle sensibilità che mutano nel tempo e variano nello spazio?”

BC CALENDARIO 2020 web-14.jpg

Tempo fa vi avevamo parlato del casting qui e che attraverso ( anche ) il calendario di BeautifulCurvy, giunto alla sua ottava edizione, ci stiamo muovendo verso un‘ideale di bellezza più inclusivo promuovendo l’accettazione e la valorizzazione di sé in ogni sua forma ed età.

_1AF4294_webPer chi ci legge per la prima volta ricordiamo che l’ideatrice di questo progetto è redattrice moda e stilista italo-tedesca curvy con una grande passione per la moda:  Barbara Christman.

Barbara riesce a realizzare i sogni di molte donne, a fare in modo che esse possano vedersi con occhi diversi.

racconta: “Sono una persona che ha voluto mostrare che la bellezza non è legata a uno stereotipo imposto, ma al fatto di tirare fuori da ogni donna il meglio di se. Sono diventata molto introspettiva dopo tanti anni di calendari ed esperienze molto diverse. Io credo sempre nel buono che c’è in ogni persona e sono una donna generosa.”

Il nuovo Calendario è disponibile su Amazon: qui shop ! o da dicembre sul sito Beautifulcurvy.com.

AMAZONbc

Con l’arrivo delle feste può essere un’idea originale da regalare ad un’amica, a chi ha un’attività (un bar, un meccanico) o semplicemente da appendere in casa per ricordarsi ogni giorno che la bellezza è in ognuno di noi.

(***parte dei ricavati del calendario BeautifulCurvy 2020 andrà all’associazione CurvyPride da sempre sostenuta attivamente da Barbara fin dagli albori partecipando a tutti i flashmob tra Bologna e Milano.).

Le Donne di questa edizione si ispirano ed interpretano personaggi femminili della musica, del cinema e della moda, icone di stile che hanno influenzato generazioni di donne nel tempo.


Vediamo insieme chi sono le protagoniste:


BC CALENDARIO 2020 web-1cover: Genny Lionetti interpreta Marilyn Monroe, provincia di Milano

Cos’è per te la bellezza? “Bellezza per me è sentirsi bene con se stessi. Bellezza è qualsiasi cosa ti faccia stare bene. Bellezza per me non è soltanto un qualcosa di fisico, di estetico.. La bellezza è un qualcosa di molto più ampio, è ciò che fa bene agli occhi e al cuore! Non è perfezione, non è un qualcosa di irraggiungibile o che vediamo solo nelle riviste di moda. Bellezza è svegliarsi al mattino, con la faccia struccata e sorridere comunque. credo che si possa trovare da qualsiasi parte, anche nel caos più totale. Bellezza è un qualcosa di nostro, di ognuno di noi. Ed è il dentro e il fuori di ognuno di noi. “

Hai fatto il calendario perché..? Quali sono i tuoi ideali?

“Ho fatto il calendario per una rivincita personale. Principalmente penso proprio di averne avuto bisogno. Mi ha fatta sentire bellissima, avevo bisogno di quest’esperienza per evolvere il mio percorso di accettazione. E devo dire che sono riuscita nell’intento.”

Quali sono i tuoi ideali? “In realtà non ho ideali. Non ho persone sulle quali traggo ispirazione. Penso che ognuno di noi debba essere l’ideale di se stesso, siamo tutti diversi, ognuno con la propria testa, e questo basta e avanza. Quindi posso dire di essere io l’ideale di me stessa.”

Cos’ è per te Curvypride? “Curvy pride per me è gioia. È unione. Una grande, grandissima famiglia che guarda tutta dalla stessa parte, nella stessa direzione. È un’associazione che fa stare bene. Riesce ad aiutare tante ragazze e ragazzi in difficoltà a non sentirti soli, a non sentirti diversi. Penso che sia di grande aiuto e d’esempio per tutti noi.”


BC Azzurra Cima interpreta Ashley Graham (FILEminimizer).jpg

Gennaio: CIMA AZZURRA interpreta Ashley Graham, , 23 Anni – Massa Carrara (Toscana)

azzurrajonson@gmail.com

Cos’è per te la bellezza? “Per me la bellezza è un insieme di cose interiori ed esteriori .La bellezza è amare noi stessi ed è una delle tante sfide che si presentano durante il corso della nostra vita, Purtroppo il concetto di bellezza negli ultimi tempi ha assunto un significato superficiale, conta solo l’aspetto estetico e spesso molte volte altre persone vengono messe da parte per dei pregiudizi. La bellezza è anche avere la propria libertà la bellezza è un’infinita di cose ma soprattutto è semplicità..”

Hai fatto il calendario perché..? Quali sono i tuoi ideali? “Ho partecipato al calendario perché sostengo il progetto e l’idea di Barbara, perché voglio essere di esempio per tutte quelle ragazze come me basse e Rotondette che si può essere belle anche così che non importa essere magre e alte che la semplicità l’anima e la voglia di fare ci farà raggiungere obbiettivi e soddisfazioni .”

Cos’ è per te Curvypride? “Per me il curvypride è uno stile di vita contro ogni forma di discriminazione e bullismo , mi piace come progetto e sono contenta di sostenerlo con il calendario , ho partecipato come referente della zona anche alla pizza e curvy e anche se non eravamo in molte l’importante è essere presenti costanti ,credere in qualcosa e portarlo al successo a qualcosa di grande che possa essere di aiuto e come punto di riferimento a tante persone che ne hanno bisogno .. una grande famiglia “.


BC Valeria Mallardi interpreta Audrey Hepburn (FILEminimizer)Febbraio: Valeria Mallardi interpreta Audrey Hepburn, provincia di Milano

Cos’è per te la bellezza?! “La bellezza per me è qualcosa di astratto.. si concretizza in una persona nell’insieme del suo essere. Tante volte ho sentito parlare di bellezza oggettiva e bellezza soggettiva : ma chi decreta la bellezza oggettiva? Chi ha deciso un giorno qual è la bellezza oggettiva? Chi ha deciso un giorno di distruggere tutto ciò che una persona può essere?! Si perchè il decidere di stereotipare il concetto di bellezza a mio avviso porta alla scomparsa e alla distruzione di ciò che ognuno di noi potrebbe essere! Ciò che rende bella una persona non è semplicemente il suo aspetto fisico ma l’insieme di ciò che è: i suoi modi, il suo vissuto, la sua essenza. Purtroppo oggi la gente si sofferma sul lato prettamente estetico di una persona incorrendo nell’ errore di basarsi semplicemente su ciò che vede il suo occhio. Ciò che realmente penso però, è che questo sia sbagliato e non per un luogo comune ma semplicemente perché spesso, se ci soffermiamo su questo , commettiamo l’errore di perderci dei dettagli e dei particolari che rendono ogni essere unico.”

Hai fatto il calendario perchè? “Questa è una domanda  che apre nella mia mente un’infinità di mondi ma cercherò di essere il più breve possibile. Questo calendario ha rappresentato per me una rivincita con me stessa: fino a qualche tempo fa avrei risposta che era una rivincita nei confronti del mondo. Oggi il mio punto di vista è cambiato. Io devo a me  il perdono per aver permesso a me stessa per anni di farmi male e per aver permesso al mondo di farmi sentire ciò che non ero! Il calendario è il riscatto, il voler dire a me stessa “basta scappare da ciò che sei! Tu esisti, esisti con le tue imperfezioni, esisti con la tua bellezza, esisti con i tuoi sorrisi, esisti con le tue fragilità. Il calendario è semplicemente un dirmi “ ci sei anche tu e nonostante tutto anche tu puoi essere ciò che vuoi se solo decidi di volerlo essere”. Sembra strano leggere queste parole, ma quando per anni non accetti ciò che sei , è difficile affrontare la vita cercando di sconfiggere le tue paure.. ciò che davvero conta quindi è decidere di “essere”  ma decidere di “essere” davvero e ricominciare da zero per creare ciò sarai con la consapevolezza di ciò che vorrai essere!”

Quali sono i tuoi ideali? “Ecco qui spunta spontaneo un sorriso! Ogni tanto mi sento la donna degli ideali e anche per questo delle volte mi sento antica e stupida! Io credo fermamente in ideali forse obsoleti e banali quali: la famiglia, il rispetto , la fedeltà , l’onestà, l’educazione, la gentilezza..Ne ho fatto i pilastri della mia vita e cerco ogni giorno di trasmetterli ai miei figli perché è grazie a quegli ideali che sono ciò che sono oggi! E io non vorrei essere diversa da ciò che sono!!!”

Cos’è per te Curvypride? “Per me Curvypride è come una “comitiva di amici” in cui c’è il rispetto di ciò che ognuno di noi è e dove ognuno di noi non teme di essere ciò che è. Quello che conta è amarsi e vivere bene con il proprio corpo e la propria mente! È un luogo in cui ci si sente liberi dai pregiudizi e ci si confronta con rispetto e spensieratezza sapendo che condividi qualcosa di tuo con persone che sono lì per sostenerti e non per giudicarti!”


BC Camilla Antonaroli interpreta Cleopatra.jpgAprile: Camilla Antonaroli interpreta Cleopatra, 23 anni,  Roma

Che cosa è per te la bellezza?” Per me la bellezza è semplicità, è un’emozione, è un qualcosa che sà trasmettermi sensazioni nuove e la ritrovo nell’unicitá e particolarità delle persone. Alla bellezza ci si arriva sentendosi bene con se stessi, amandosi, valorizzandosi per quello che si è e per quello che si ha.
Purtroppo il concetto di bellezza negli ultimi tempi ha assunto un significato superficiale, conta solo l’aspetto estetico e spesso hanno la meglio i pregiudizi.”

Hai fatto il calendario perchè? “Ho fatto il calendario Beautifulcurvy per una rivincita personale, per dimostrarmi che valgo e che posso essere d’esempio per molte donne che hanno attraversato o che stanno attraversando periodi difficili e stanno vivendo situazioni in cui si sentono inadeguate con sé stesse. Mettendomi “a nudo” per il calendario vorrei fare passare un messaggio: siamo belle con i nostri difetti, l’imperfezione è il nostro punto di forza perchè ci rende uniche e speciali, ci contraddistingue dalla massa e ci permette di arrivare lontano se solo riuscissimo a dargli il giusto peso. È una “skill” che potremo usare a nostro favore per raggiungere traguardi che neanche siamo in grado di immaginare.”

Quali sono i tuoi ideali? “Il mio ideale è riuscire a vivere sempre all’insegna dell’umiltà, felicità e bellezza.”

Che cos’è per te curvy pride? “Curvy Pride per me è quello di cui abbiamo veramente bisogno nel contesto socio-culturale in cui stiamo vivendo. Grazie all’associazione e alle infinite idee che offre e che aiuta a realizzare sono sicura che, anche se ci vorrà del tempo, si riusciranno a creare tante situazioni d’aiuto e sostegno per chi ne avrà bisogno.”


BC Paola Rivolta interpreta Beyonce (FILEminimizer).jpgMaggio: Paola Rivolta interpreta Beyonce, provinica di Milano

Che cosa è per te la bellezza? “per me la bellezza viene inanzitutto da dentro, quando ci sentiamo bene con noi stesse riusciamo a trasmetterlo anche alle persone che ci circondano.

Hai fatto il calendario perchè? “avevo già provato qualche anno fa ad essere una delle ambasciatrici del calendario beautifulcurvy ma nn ero stata scelta, però in questi anni ho avuto modo di seguire e conoscere meglio il progetto. Quest’anno, a qualche mese dalla gravidanza, ho voluto riprovare, e sono stata scelta. Ho voluto provare a fare il calendario perchè volevo rimettermi in gioco e essere da porta voce, che ognuna di noi ha le proprie forme, il proprio fisico, le propri “imperfezioni” e che è giustissimo provare a migliorarsi ma anche imparare ad accettarsi e far risaltare i nostri punti forza”

Quali sono i tuoi ideali? “non ho un vero e proprio idolo però uno dei miei personaggi preferiti è Beyonce, il personaggio che ho interpretato nel calendario “beutifulcurvy”, oltre ad essere una bellissima donna, mi piace molto la sua grinta e la sua voce”

Che cos’è per te curvy pride? “curvypride e’ un associazione che promuove la plurità della bellezza e la lotta contro il bullismo sopratutto durante la fase adolescenziale che è quella più delicata.”


BC Eleonora Longhi interpreta Rihanna (FILEminimizer).jpgGiugno: Eleonora Longhi interpreta Rihanna, Rieti

Cos’è per te la bellezza? “Per me la bellezza è qualcosa che ci emoziona, che può essere esteriore e interiore, sicuramente più importante in quanto ci conquista, mentre quella fisica è solo piacere nel vedere. Bellezza per me è vedersi, accettarsi e amarsi per quello che si è, sentendosi bene con sé stessi. Capita a tutti di avere dei periodi brutti, difficili, però l’importante è avere il coraggio di superare la paura. L’importante nella vita è amarsi…e si può andare ovunque.”

Hai fatto il calendario perché? “Ho partecipato al calendario Beautifulcurvy perché volevo mettermi alla prova e volevo trasmettere il messaggio di piacersi sempre, indipendentemente da come si è. Bisogna stare in pace con se stessi se si vuole essere felici. “

Cos’è per te Curvy Pride? “Curvy pride è un movimento che sta dalla parte dei “deboli”, che ci insegna che la diversità è solo un punto di forza. Ci insegna ad amarci per quello che si è. Ci insegna ad andare oltre le apparenze.”


BC Chiara Zanaica interpreta Dita von Teese (FILEminimizer).jpgAgosto: Chiara Zanaica interpreta Dita von Teese, provincia di Torino

Cos’è per te la bellezza? “Credo che la bellezza sia una luce interiore che ogni persona ha, sono le sue qualità, le sue doti. Quando la bellezza da dentro riusciamo a tirarla fuori accettando e riconoscendoci belli e unici per ciò che siamo allora diventiamo formidabili. Le persone intorno se ne accorgono ed è lì che riescono ad apprezzarci veramente per ciò che siamo non per quello che appariamo. Alla base di tutto questo però c è l amore per sé stessi. Per me questa è la più grande bellezza.”
Hai fatto il calendario perché..? “Ho fatto il calendario per dare voce alla mia storia. 25 anni di obesità patologia. Pesavo 140 kg un disturbo del comportamento alimentare (bed). Poi la dieta, la palestra ed eccomi qui. Perfetta nelle mie imperfezioni. Essere curvy per me non è una maschera per giustificare qualche kg in più ma è una vera conquista di salute e benessere. Sia fisico e soprattutto mentale e psicologico. Fare il calendario mi sta dando la possibilità di raccontare la mia storia. Di essere esempio e conforto per tutte le persone che si sono trovate nella mia situazione. Cambiando te stesso cambi il mondo!”
Quali sono i tuoi ideali? “I miei ideali sono tanti! Il più importante è forse la fiducia che ripongo nelle persone. Cerco sempre di guardare alla loro anima di parlare al cuore e di arrivare in profondità. Non mi basta la superficie. Ho bisogno di contenuti veri e li ogni persona ne è ricolma, alle volte lo si dimentica ma è così!
E io mi fido che piano piano tutti si apriranno a togliere barriere, ad arrivare alla vera inclusione che sia di genere sesso, razza, bellezza di diverse fisicità, alla tolleranza, alla gentilezza. Tutto questo è già in ognuno di noi basta solo portarlo fuori.”
Cos’è per te Curvy Pride? “Curvy Pride è per me un associazione che lavora in diverse forme a rendere il mondo un posto migliore. Dove amore e accettazione di ogni diversità possono esistere!”

BC Michela Ballarino interpreta Ashley Graham (FILEminimizer)Ottobre: Michela Ballarino, interpreta Ashley Graham, 28 Monza
Cos’è per te la bellezza?
“Per me la bellezza è amore per me stessa, quell’equilibrio tra psiche, cuore e corpo che nessuno può importi e che decidi di raggiungere come vuoi. È meravigliarti ogni giorno per quello che sei, così come sei. È desiderare con gioia il raggiungimento della versione migliore di te stessa. Per quanto riguarda l’immagine, la vedo un po’ come “energia” che puoi trasmettere e l’energia è una cosa impalpabile e potente che non ha nulla a che vedere con la taglia che indossiamo, il peso o le imperfezione che ognuno di noi può avere ma è qualcosa che viene da dentro, dalla convinzione che la tua bellezza è solo tua e non si deve conformare a quella di nessuno.”
Hai fatto il calendario perché..? Quali sono i tuoi ideali? “Ho deciso di partecipare al Calendario BeautifulCurvy perché è un progetto in cui mi ci sono subito riconosciuta molto e mi sono chiesta perché no? perché non io, in un momento storico in cui si sta cercando di abbattere i canoni di bellezza monolitico. Volevo mettermi in gioco in questo progetto, in primis per me stessa perché dopo un lungo percorso fatto su di me volevo vedere finalmente una Michela diversa. Ho partecipato anche per poter essere ambasciatrice di questo bellissimo progetto di valorizzazione della bellezza non stereotipata e per poter essere di aiuto a persone che sono ancora in conflitto con loro stesse e il proprio corpo. Vorrei essere portatrice di un messaggio positivo: Non bisogna vergognarsi di quello che siamo, bisogna amarsi, migliorarsi ogni giorno perché noi siamo unici nella nostra bellezza.”
Cos’ è per te Curvypride? “Curvy Pride per me oltre ad essere una magnifica associazione, che sostiene la lotta contro i disturbi del comportamento alimentare, è un vero e proprio stile di vita! Il messaggio di questo stile è: prendere coscienza della necessità di riappropiarsi della propria vita, del diritto di essere felici a prescindere dalla taglia che si indossa, perché questa ossessione per la ricerca di una perfezione estetica sta distruggendo fisicamente e me talmente migliaia di persona, dai più piccoli ai più grandi. Tante sono le iniziative dell’associazione per promuovere una sensibilizzazione, verso un obiettivo importante: il diritto a un’idea di bellezza che non discrimini e non crei modelli irraggiungibili e dannosi, per affermare la propria indipendenza verso condizionamenti esterni, circa il proprio aspetto fisico.”

BC Francesca Angelo interpreta  Claudia Cardinale (FILEminimizer).jpg
Novembre: Francesca Angelo interpreta Claudia Cardinale, Milano

Cos’è per te la bellezza? “Per me la bellezza è ciò che ci emoziona, quella esteriore è piacevole a vedersi, quella interiore ti conquista e sta nell’unicità di una persona, nella sua totale “diversità e particolarità” la bellezza è un’infinita di cose ma soprattutto è semplicità anche se la bellezza è soggettiva ed ognuno di ognuno di noi ha criteri diversi.”

Hai fatto il calendario perché? “Ho fatto il calendario di Beautifulcurvy, in quanto credo all’accettazione del proprio corpo, dimostrando che si puo’ essere belle a qualsiasi età, basta accettarsi trasformando i propri difetti in pregi, e dimostrare che la bellezza non ha taglia. Il mio personaggio all’interno del calendario è stato interpretare Claudia Cardinale, un’icona del grande cinema italiano, che continua ad accettarsi nonostante i suoi 81 anni non avendo mai fatto uso della chirurgia estetica. Il suo sguardo magnetico ed intenso ma allo steso tempo riservato, dove mi ritrovo molto in lei. Rimane una figura della sensualità femminile e dovrebbe servire ad esempio per molte donne.”

Quali sono i tuoi ideali? “Sinceramente io non ho dei veri e propri ideali anche se fondamentalmente sono una persona sognatrice, se dovessi scegliere adoro le persone che si vogliono bene e si valorizzano nonostante hanno dei difetti ma nonostante tutto si amano.”

Cos’è per te curvy pride? “Per me Curvy Pride è stata una conoscenza meravigliosa nella quale mi sento partecipe al 100% essendo referente di Milano. Insieme all’ associzione si cerca di proporre un’immagine della donna conforme alla realtà, perchè nessuno debba confrontarsi con i modelli possa vivere la propria bellezza e sentirsi in armonia con le proprie forma, ed accettasi sempre al di la della taglia che si indossa ma sempre in salute.”


BC Daniela Perrelli interpreta Ava Gardner (FILEminimizer).jpg
Dicembre: Daniela Perelli interpreta Ava Gardner, Genova
Sito Web: scrivereconamore
Cos’è per te la bellezza? “Per me la bellezza è un mix di difetti, difetti che ci rendono unici, che ci distinguono e ci rendono speciali.”
Hai fatto il calendario perché? “Ho partecipato al calendario per dare un messaggio a tutte le donne che non si sentono mai abbastanza, per far capire loro che è importante volersi bene, rispettare il proprio corpo e che non è importante la taglia che si indossa quando questa è portata da un nostro benessere fisico e interiore: che si indossi una taglia 38 o una taglia 48, non fa differenza. Sono perfette entrambe se frutto di noi stesse e non di imposizioni esterne.”
Quali sono i tuoi ideali? “Non ho un ideale in particolare, credo che ciò che ci rende davvero felici, nel rispetto di noi stessi e degli altri, sia il vero ideale.”
Cos’è per te Curvypride? “Credo sia un punto di incontro, un modo per confrontarsi e imparare, attraverso le nostre esperienze e di altri, a vivere con orgoglio le nostre peculiarità.”

ringraziamenti.jpg

DSC_1207BBB

Valentina Parenti (@momincolors ) sogna un mondo senza stereotipi di genere, positivo e attento all’integrazione sociale per questo è membro Curvy Pride, BodyPositiveCatWalk e da poco ha creato @FelicitàFormosa su Parma.

Valentina educa i suoi figli ad una “vita a colori” ed è il segreto della felicità #educareallafelicità.

contatti: parentivalentina85@gmail.com o qui


#GratitudeCurvy31 – 31 giorni di gratitudine

gratidude31

Da oggi 1 dicembre fino all’ultimo giorno dell’anno verranno pubblicati 31 spunti da ringraziare ogni giorno.

NON CI SONO REGOLE:  Vi invitiamo a riflettere ed eventualmente a partecipare seguendo il vostro cuore. Per 31 giorni potete postare nuove foto o usarne di già pubblicate aggiungendo l’hashtag #gratidudecurvy31 e taggandoci.

Siamo curiosi di leggere i vostri pensieri o di ammirare le vostre immagini, noi le reposteremo nelle stories .

A dicembre le parole come BEAUTY / FITNESS / CIBO non le troverete perché l’intento è proprio nel focalizzare i pensieri  su tutto c’ò che non è legato al fisico e all’ostentazione della bellezza ma nella bellezza che c’è intorno.

Andate sui profili social facebook e instagram oppure ricercando #gratitudecurvy31 e seguite il challenge. Vi aspettiamo.

 

regolamentogratidude31

 


DSC_1207BBB

Valentina Parenti (@momincolors ) sogna un mondo senza stereotipi di genere, positivo e attento all’integrazione sociale per questo è membro Curvy Pride, BodyPositiveCatWalk e da poco ha creato @FelicitàFormosa su Parma.

Valentina educa i suoi figli ad una “vita a colori” ed è il segreto della felicità #educareallafelicità.

contatti: parentivalentina85@gmail.com o qui


 

Cercare un lavoro, è un Lavoro!

Sono innumerevoli i portali di ricerca del lavoro: Monster, indedd, euspert, jobjoba, neuvoo, bakeka, profilcultura, linkedin, Experteer, Hostess, informagiovani, unimpiego ecc..

Ogni sito necessita di registrazione con l’inserimento di ogni dato personale, esperienze di lavoro, livello di istruzione, corsi, foto, curriculum in pdf. Ogni campo va aggiunto con tanto di dettagliata descrizione di mansioni e specifiche competenze. Il tempo medio di registrazione si aggira sull’ora e mezza.

Spesso da questi siti c’è il rimando alle agenzie interinali (adecco, lavorint, manpower, During, Synergie, Gi Group, MAW, La Risorsa Umana.it, Sinapsi grup, Randstad Italia, ecc) o al sito delle ditte nella sezione careers (Camts, Bartolini, MaxMara, Esselunga, Mondadori, Nestle, ecc) con la richiesta di inserire nuovamente dati anagrafici, esperienze lavorative, corsi, volontariato, occupazione desiderata ecc.. Tempo necessario un’altra ora.

Dopo la registrazione bisogna autorizzare l’email poi ritornare sul sito e candidarsi. Alcuni siti per aggiornare un dato ti fanno ripercorrere nuovamente tutte le voci per poi arrivare a quella di interesse. Modificata e salvata! Dopo la registrazione on line sui siti di agenzie interinali vi è giustamente la richiesta di un colloquio conoscitivo, che non è altro che la conferma di quello che hai scritto nero su bianco più la valutazione psicologica del candidato. Ad ogni opportunità dovrai comunque candidarti in autonomia per mostrare il tuo interesse all’agenzia stessa. Alcune agenzie interinali nemmeno ti contattano.

Ogni mattina l’appuntamento è con i quotidiani locali, per esempio il martedì della Gazzetta e con le newsletter. Si ricevono varie offerte, magari con le parole chiavi che hai inserito (part-time, full-time, parma, impiegata, commessa, hostess ec..) in fase di candidatura ti chiedono sempre una serie di dati + una lettera di presentazione. Certe informazioni vengono ripetutamente rischieste. Anche se ti sei candadata 2 minuti prima.

ricerca-di-lavoro-con-il-segno-di-lavoro_104165-18

Nel curriculum, dicevano, solo le esperienze più rilevanti, non deve essere troppo lungo; così non sai se mettere ogni mansione o creare 2500 cv in base alla candidatura che devi fare; probabibilmente deciderai di indicare le più significative.

Negli annunci: ti vogliono sotto i 29 anni. oppure dai 18 ai 25. Con esperienza, qualsiasi ruolo sia. Ma l’esperienza uno quando la dovrebbe fare?

“Sei sposata?” Hai figli?” ti chiedono in fase di colloquio. “A no, non si preoccupi non ci basiamo su quello, lei li ha già fatti” qualcuno dice: “è ancora in età per farne altri”. “Le donne stanno solo a casa”. “Vanno a scuola?” “le va bene orario 8-19 dal lunedì al sabato?” (devo scegliere tra carriera e famiglia?), quando ci sarà una legge per “obbligare” le aziende ad assumere mamme part-time di 4/6 ore?  Richieste conoscenze 4 lingue (inglese, spagnolo, tedesco, russo). Le chiediamo un periodo di prova di 6 mesi (sottopagato). Spesso uno stage. “Grazie, ma la babysitter è gratis?” Si è vestita in modo poco sobrio (leggera scollatura su un abito nero con 2/3 fiori rosso/arancio), per questa azienda il look è total grigio (tristezza)”. “Però, non le chiederemo di cambiare il colore dei capelli” ah giusto, rossi sono inadeguati per un’impiegata. Ma chi l’ha detto? Non ho percing ne tatuaggi ma se li avessi? Non è discriminazione? Valutiamo una persona veramente così? “Adesso le chiediamo di fare un calcolo con excel, poi di impaginare un finto capitolo di un libro. come si chiama questa figura geometrica? sa impostare una lettera? sa scrivere un’email? Ad una telefonata come risponde?” Sono nata nell’era delle corrispondenti francesi alle medie, mandavo cartoline, scrivevo lettere alle amiche, poi negli uffici, rispondo al telefono da prima della prima esperienza lavorativa con buongiorno, la saluto, arrivederci. Sono ancora nella generazione del “GRAZIE, PREGO, SCUSI.”

mamma-3-960

una locandina della campagna “MomsDon’tQuit” del 2017

Cerchiamo un grafico, ma che sia anche web designer e Videmaker, cerchiamo impiegata ma che sappia utilizzare anche il gestionale “xx”…  Ad un certo punto ti interroghi e ti chiedi se devi fare corsi di aggiornamento, così ti iscrivi a quelli gratuiti della Regione Emilia Romagna tramite enti accreditati (FormArt, Irecoop, Enaip, Google) in grado di lasciarti attestati. Serviranno? Ti richiedono disponibilità immediata. C’è! Ma per attestare la tua parola devi far richiesta della DID tramite lavoro-per-te e aggiungere lo storico lavori cosi possono valutare l’inquadramento economico con un commercialista! Alla fine uno stage!

Vi invito a vedere questo video: moms-dont-quit

banner-commerciali-impostate_1209-5

Ci lamentiamo dei social che separano le persone ma… abbiamo iniziamo a fare colloqui on line con video registrazione / presentazione magari appoggiandoci a società come easyrecrue.com. Di per se l’idea è buona ma il candidato medio non esperto di Video Maker si prepara, si veste elegantemente, sceglie un luogo in casa privo di distrazioni magari una parete bianca ma la luce è pessima non si vedono gli occhi, ne il loro colore e forse nemmeno le emozioni in compenso uno scontatissimo sorriso finto perché sta guardando se stesso riflesso e si domanda se sta per scattare un selfie?!?

Orienta, propone un test per individure le Skills trasversali. Sociopatico? Riservato? prigro? Astratto? Emotivo? Sopravvalutazione di se? QUINDI? Devo credere in me stesso ma con moderazione. Poi un grafico e delle percentuali rilevrà il profilo psicologico.

Non mi sento di dire cosa sia giusto o sbagliato, ci sono persone competenti per questo ma domandarsi cosa cercano o come “vendersi” nasce spontaneo.

Inoltre ci vorrebbe uniformità! Una volta registrati a europass in dati inseriti dovrebbero poter essere condivisi su altri siti in modo da riempire i campi automaticamente.

A un certo punto mi domando: Avete bisogno di qualcuno che si registri nella ricerca del lavoro per voi? 🙂


DSC_1207BBB

Valentina Parenti ( @momincolors ) sogna un mondo senza stereotipi di genere, positivo e attento all’integrazione sociale per questo è membro Curvy Pride e della BodyPositiveCatWalk. Da poco ha creato @FelicitàFormosa su Parma. Valentina educa i suoi figli ad una “vita a colori” ed è il segreto della felicità #educareallafelicità.

Pizza e curve – Parma

Referenti: Valentina Parenti (I ,II, III ed.) & Beatrice Coccioli (III ed.)

Città #Pizzaecurve: Parma

contatti: parentivalentina85@gmail.com & beatrice.coccioli@libero.it / facebook “Valentina Parenti Ferrari” & “Beatrice Coccioli” / instagram “momincolors” & “_becky_91

42656938_2071648966208332_2300196793666764800_o

 

collage Gazzetta di Parma I ed. Settembre 2018

 

L’evento Pizza e curve a Parma si svolge per la III edizione. Valentina, alla prima ed. su Parma (settembre 2018) riesce a coinvolgere solo 5 donne, perlopiù amiche; nella seconda ed. (fabbraio 2019) si sono aggiunge antre ragazze tra le quali Beatrice con la quale a luglio ha ideato “felicitàformosa“: un gruppo di donne che si mettono in gioco sfilando e divulgando l’amore per il proprio corpo; e grazie a questa bellissima amicizia e collaborazione hanno organizzato insieme la terza ed. raggiungendo il numero di 24 partecipanti.

La serata si è svolta in allegria, oltre ai gadget in fucsia (6 estrazioni) da regalare in riffa, c’era un cruciverba curvy, una frase da completare insieme e una canotta con l’hahstag #PIZZAECURVE vinta dalla new entry della serata Ursula!

L‘album completo delle foto della serata: qui.

Beatrice: “questo è il primo anno da referente, è iniziato tutto dall’aiuto di Valentina con la quale mi sono conosciuta proprio durante la scorsa edizione, un’insieme di idee in continua evoluzione che stanno portando a rendere ogni evento indimenticabile. Proprio come la serata del 18 ottobre scorso, un bel gruppo di persone attivo e partecipe per portare avanti un messaggio importante. Abbiamo messo le basi per creare un prossimo evento divertentissimo e coinvolgente destinato a crescere e diventare sempre più emozionante.

IMG-20191018-WA0040Le referenti si Raccontano:

Beatrice: Amante del ballo e giocatrice di calcetto, un portiere che sogna il calcio a 11 fin da bambina. Nella vita sono commessa in un negozio di abbigliamento curvy e non solo. Nel tempo libero partecipo a sfilate e concorsi. Il mio motto è “non dire mai che i sogni sono inutili perché inutile è la vita di chi non sa sognare” ed è con questo pensiero che ho sempre affrontato la passerella.

Valentina: Amante del disegno e della grafia e di tutte le decorazioni possibili. Nella vita è mamma di due bambini maschi  e nel tempo libero organizza piccoli eventi o crea. Il suo motto è #educareallafelicità con il quale spera di educare i suoi figli.

Perché partecipare?

Valentina: E’ un’occasione per staccare la spina, fare nuove amicizie, vestirsi di fucsia, ridere e scherzare. E’ un modo giocoso per dirsi e dire che siamo belli tutti a prescindere da età, peso, colore. Non è un evento “femminista” possono partecipare anche gli uomini è una serata per liberarsi dagli stereotipi di genere.

Beatrice: partecipare a questo evento serve ad aiutare il mondo di curvy pride alla divulgazione della pluralità della bellezza, nel mentre di nuove conoscenze.

Come siete venute a conoscienza di CurvyPride e cosa è per voi?

Beatrice: Ho conosciuto curvy pride tramite il concorso “miss curvyssima” e incuriosita da questa sponsorizzazione ho iniziato a seguirlo. Tramite Valentina ho approfondito le conoscenze diventandone poi socia. Curvy pride è un riferimento sempre presente anche negli eventi che organizziamo come “felicitàformosa”.

Valentina: “CurvyPride per me è come una “mamma”, mi ha accolto e sostenuto fin dall’inizio. A Settembre 2018 avevo bisogno di rinascere dopo una serie di eventi spiacevoli e quasi un esaurimento nervoso e curiosando sul web ho incotrato questa associazione. In un anno mi ha regalato esperienze che mi hanno resa più forte, nuove amiche come Beatrice, serate spensierate, e maggiore autostima ovvero più amore per me stessa.”

frasipizzaecurveA

Valentina e Beatrice avete un consiglio?

Valentina: “Bisogna prendere la vita col sorriso e positività. Non è sempre facile ma un sano egoismo e leggerezza ci permette di stare bene e non di farci travolgere dalla forza degli eventi che ci circondano”.

Beatrice:AMATI E PRENDITI CURA DI TE, qualunque sia la tua forma fisica, una sana alimentazione e attività fisica ti aiuteranno a volenti bene. “


DSC_1207BBB

Valentina Parenti ( @momincolors ) sogna un mondo senza stereotipi di genere, positivo e attento all’integrazione sociale per questo è membro Curvy Pride e della BodyPositiveCatWalk. Da poco ha creato @FelicitàFormosa su Parma. Valentina educa i suoi figli ad una “vita a colori” ed è il segreto della felicità #educareallafelicità.