Etichettato: valentinaparenti

Le protagoniste del Calendario Beautifulcurvy 2020

La bellezza sta nell’occhio di chi guarda”…

Il giudizio sulla bellezza risiede nel nostro cervello e dipende dal vissuto di ognuno di noi ma .. “Che cosa rende bella un’opera d’arte? Cos’è la bellezza? É un concetto assoluto o tende a cambiare a seconda dei contesti e delle sensibilità che mutano nel tempo e variano nello spazio?”

BC CALENDARIO 2020 web-14.jpg

Tempo fa vi avevamo parlato del casting qui e che attraverso ( anche ) il calendario di BeautifulCurvy, giunto all’VIII ed., ci stiamo muovendo verso un‘ideale di bellezza più inclusivo promuovendo l’accettazione e la valorizzazione di se in ogni sua forma ed età.

_1AF4294_webPer chi ci legge per la prima volta ricordiamo che l’ideatrice di questo progetto è redattrice moda e stilista italo-tedesca curvy con una grande passione per la moda:  Barbara Christman.

 

Barbara riesce a realizzare i sogni di molte donne, a fare in modo che esse possano vedersi con occhi diversi.

racconta: “Sono una persona che ha voluto mostrare che la bellezza non è legata a uno stereotipo imposto, ma al fatto di tirare fuori da ogni donna il meglio di se. Sono diventata molto introspettiva dopo tanti anni di calendari ed esperienze molto diverse. Io credo sempre nel buono che c’è in ogni persona e sono una donna generosa.”

Il nuovo Calendario è disponibile su Amazon: qui shop ! o da dicembre sul sito Beautifulcurvy.com.

AMAZONbc

Con l’arrivo delle feste può essere un’idea originale da regalare ad un’amica, a chi ha un’attività (un bar, un meccanico) o semplicemente da appendere in casa per ricordarsi ogni giorno che la bellezza è in ognuno di noi.

(***parte dei ricavati del calendario BeautifulCurvy 2020 andrà all’associazione CurvyPride da sempre sostenuta attivamente da Barbara fin dagli albori partecipando a tutti i flashmob tra Bologna e Milano.).

Le Donne di questa edizione si ispirano ed interpretano personaggi femminili della musica, del cinema e della moda, icone di stile che hanno influenzato generazioni di donne nel tempo.


Vediamo insieme chi sono le protagoniste:


BC CALENDARIO 2020 web-1cover: Genny Lionetti interpreta Marilyn Monroe, provincia di Milano

Cos’è per te la bellezza? “Bellezza per me è sentirsi bene con se stessi. Bellezza è qualsiasi cosa ti faccia stare bene. Bellezza per me non è soltanto un qualcosa di fisico, di estetico.. La bellezza è un qualcosa di molto più ampio, è ciò che fa bene agli occhi e al cuore! Non è perfezione, non è un qualcosa di irraggiungibile o che vediamo solo nelle riviste di moda. Bellezza è svegliarsi al mattino, con la faccia struccata e sorridere comunque. credo che si possa trovare da qualsiasi parte, anche nel caos più totale. Bellezza è un qualcosa di nostro, di ognuno di noi. Ed è il dentro e il fuori di ognuno di noi. “

Hai fatto il calendario perché..? Quali sono i tuoi ideali?

“Ho fatto il calendario per una rivincita personale. Principalmente penso proprio di averne avuto bisogno. Mi ha fatta sentire bellissima, avevo bisogno di quest’esperienza per evolvere il mio percorso di accettazione. E devo dire che sono riuscita nell’intento.”

Quali sono i tuoi ideali? “In realtà non ho ideali. Non ho persone sulle quali traggo ispirazione. Penso che ognuno di noi debba essere l’ideale di se stesso, siamo tutti diversi, ognuno con la propria testa, e questo basta e avanza. Quindi posso dire di essere io l’ideale di me stessa.”

Cos’ è per te Curvypride? “Curvy pride per me è gioia. È unione. Una grande, grandissima famiglia che guarda tutta dalla stessa parte, nella stessa direzione. È un’associazione che fa stare bene. Riesce ad aiutare tante ragazze e ragazzi in difficoltà a non sentirti soli, a non sentirti diversi. Penso che sia di grande aiuto e d’esempio per tutti noi.”


BC Azzurra Cima interpreta Ashley Graham (FILEminimizer).jpg

Gennaio: CIMA AZZURRA interpreta Ashley Graham, , 23 Anni – Massa Carrara (Toscana)

azzurrajonson@gmail.com

Cos’è per te la bellezza? “Per me la bellezza è un insieme di cose interiori ed esteriori .La bellezza è amare noi stessi ed è una delle tante sfide che si presentano durante il corso della nostra vita, Purtroppo il concetto di bellezza negli ultimi tempi ha assunto un significato superficiale, conta solo l’aspetto estetico e spesso molte volte altre persone vengono messe da parte per dei pregiudizi. La bellezza è anche avere la propria libertà la bellezza è un’infinita di cose ma soprattutto è semplicità..”

Hai fatto il calendario perché..? Quali sono i tuoi ideali? “Ho partecipato al calendario perché sostengo il progetto e l’idea di Barbara, perché voglio essere di esempio per tutte quelle ragazze come me basse e Rotondette che si può essere belle anche così che non importa essere magre e alte che la semplicità l’anima e la voglia di fare ci farà raggiungere obbiettivi e soddisfazioni .”

Cos’ è per te Curvypride? “Per me il curvypride è uno stile di vita contro ogni forma di discriminazione e bullismo , mi piace come progetto e sono contenta di sostenerlo con il calendario , ho partecipato come referente della zona anche alla pizza e curvy e anche se non eravamo in molte l’importante è essere presenti costanti ,credere in qualcosa e portarlo al successo a qualcosa di grande che possa essere di aiuto e come punto di riferimento a tante persone che ne hanno bisogno .. una grande famiglia “.


BC Valeria Mallardi interpreta Audrey Hepburn (FILEminimizer)Febbraio: Valeria Mallardi interpreta Audrey Hepburn, provincia di Milano

Cos’è per te la bellezza?! “La bellezza per me è qualcosa di astratto.. si concretizza in una persona nell’insieme del suo essere. Tante volte ho sentito parlare di bellezza oggettiva e bellezza soggettiva : ma chi decreta la bellezza oggettiva? Chi ha deciso un giorno qual è la bellezza oggettiva? Chi ha deciso un giorno di distruggere tutto ciò che una persona può essere?! Si perchè il decidere di stereotipare il concetto di bellezza a mio avviso porta alla scomparsa e alla distruzione di ciò che ognuno di noi potrebbe essere! Ciò che rende bella una persona non è semplicemente il suo aspetto fisico ma l’insieme di ciò che è: i suoi modi, il suo vissuto, la sua essenza. Purtroppo oggi la gente si sofferma sul lato prettamente estetico di una persona incorrendo nell’ errore di basarsi semplicemente su ciò che vede il suo occhio. Ciò che realmente penso però, è che questo sia sbagliato e non per un luogo comune ma semplicemente perché spesso, se ci soffermiamo su questo , commettiamo l’errore di perderci dei dettagli e dei particolari che rendono ogni essere unico.”

Hai fatto il calendario perchè? “Questa è una domanda  che apre nella mia mente un’infinità di mondi ma cercherò di essere il più breve possibile. Questo calendario ha rappresentato per me una rivincita con me stessa: fino a qualche tempo fa avrei risposta che era una rivincita nei confronti del mondo. Oggi il mio punto di vista è cambiato. Io devo a me  il perdono per aver permesso a me stessa per anni di farmi male e per aver permesso al mondo di farmi sentire ciò che non ero! Il calendario è il riscatto, il voler dire a me stessa “basta scappare da ciò che sei! Tu esisti, esisti con le tue imperfezioni, esisti con la tua bellezza, esisti con i tuoi sorrisi, esisti con le tue fragilità. Il calendario è semplicemente un dirmi “ ci sei anche tu e nonostante tutto anche tu puoi essere ciò che vuoi se solo decidi di volerlo essere”. Sembra strano leggere queste parole, ma quando per anni non accetti ciò che sei , è difficile affrontare la vita cercando di sconfiggere le tue paure.. ciò che davvero conta quindi è decidere di “essere”  ma decidere di “essere” davvero e ricominciare da zero per creare ciò sarai con la consapevolezza di ciò che vorrai essere!”

Quali sono i tuoi ideali? “Ecco qui spunta spontaneo un sorriso! Ogni tanto mi sento la donna degli ideali e anche per questo delle volte mi sento antica e stupida! Io credo fermamente in ideali forse obsoleti e banali quali: la famiglia, il rispetto , la fedeltà , l’onestà, l’educazione, la gentilezza..Ne ho fatto i pilastri della mia vita e cerco ogni giorno di trasmetterli ai miei figli perché è grazie a quegli ideali che sono ciò che sono oggi! E io non vorrei essere diversa da ciò che sono!!!”

Cos’è per te Curvypride? “Per me Curvypride è come una “comitiva di amici” in cui c’è il rispetto di ciò che ognuno di noi è e dove ognuno di noi non teme di essere ciò che è. Quello che conta è amarsi e vivere bene con il proprio corpo e la propria mente! È un luogo in cui ci si sente liberi dai pregiudizi e ci si confronta con rispetto e spensieratezza sapendo che condividi qualcosa di tuo con persone che sono lì per sostenerti e non per giudicarti!”


BC Camilla Antonaroli interpreta Cleopatra.jpgAprile: Camilla Antonaroli interpreta Cleopatra, 23 anni,  Roma

Che cosa è per te la bellezza?” Per me la bellezza è semplicità, è un’emozione, è un qualcosa che sà trasmettermi sensazioni nuove e la ritrovo nell’unicitá e particolarità delle persone. Alla bellezza ci si arriva sentendosi bene con se stessi, amandosi, valorizzandosi per quello che si è e per quello che si ha.
Purtroppo il concetto di bellezza negli ultimi tempi ha assunto un significato superficiale, conta solo l’aspetto estetico e spesso hanno la meglio i pregiudizi.”

Hai fatto il calendario perchè? “Ho fatto il calendario Beautifulcurvy per una rivincita personale, per dimostrarmi che valgo e che posso essere d’esempio per molte donne che hanno attraversato o che stanno attraversando periodi difficili e stanno vivendo situazioni in cui si sentono inadeguate con sé stesse. Mettendomi “a nudo” per il calendario vorrei fare passare un messaggio: siamo belle con i nostri difetti, l’imperfezione è il nostro punto di forza perchè ci rende uniche e speciali, ci contraddistingue dalla massa e ci permette di arrivare lontano se solo riuscissimo a dargli il giusto peso. È una “skill” che potremo usare a nostro favore per raggiungere traguardi che neanche siamo in grado di immaginare.”

Quali sono i tuoi ideali? “Il mio ideale è riuscire a vivere sempre all’insegna dell’umiltà, felicità e bellezza.”

Che cos’è per te curvy pride? “Curvy Pride per me è quello di cui abbiamo veramente bisogno nel contesto socio-culturale in cui stiamo vivendo. Grazie all’associazione e alle infinite idee che offre e che aiuta a realizzare sono sicura che, anche se ci vorrà del tempo, si riusciranno a creare tante situazioni d’aiuto e sostegno per chi ne avrà bisogno.”


BC Paola Rivolta interpreta Beyonce (FILEminimizer).jpgMaggio: Paola Rivolta interpreta Beyonce, provinica di Milano

Che cosa è per te la bellezza? “per me la bellezza viene inanzitutto da dentro, quando ci sentiamo bene con noi stesse riusciamo a trasmetterlo anche alle persone che ci circondano.

Hai fatto il calendario perchè? “avevo già provato qualche anno fa ad essere una delle ambasciatrici del calendario beautifulcurvy ma nn ero stata scelta, però in questi anni ho avuto modo di seguire e conoscere meglio il progetto. Quest’anno, a qualche mese dalla gravidanza, ho voluto riprovare, e sono stata scelta. Ho voluto provare a fare il calendario perchè volevo rimettermi in gioco e essere da porta voce, che ognuna di noi ha le proprie forme, il proprio fisico, le propri “imperfezioni” e che è giustissimo provare a migliorarsi ma anche imparare ad accettarsi e far risaltare i nostri punti forza”

Quali sono i tuoi ideali? “non ho un vero e proprio idolo però uno dei miei personaggi preferiti è Beyonce, il personaggio che ho interpretato nel calendario “beutifulcurvy”, oltre ad essere una bellissima donna, mi piace molto la sua grinta e la sua voce”

Che cos’è per te curvy pride? “curvypride e’ un associazione che promuove la plurità della bellezza e la lotta contro il bullismo sopratutto durante la fase adolescenziale che è quella più delicata.”


BC Eleonora Longhi interpreta Rihanna (FILEminimizer).jpgGiugno: Eleonora Longhi interpreta Rihanna, Rieti

Cos’è per te la bellezza? “Per me la bellezza è qualcosa che ci emoziona, che può essere esteriore e interiore, sicuramente più importante in quanto ci conquista, mentre quella fisica è solo piacere nel vedere. Bellezza per me è vedersi, accettarsi e amarsi per quello che si è, sentendosi bene con sé stessi. Capita a tutti di avere dei periodi brutti, difficili, però l’importante è avere il coraggio di superare la paura. L’importante nella vita è amarsi…e si può andare ovunque.”

Hai fatto il calendario perché? “Ho partecipato al calendario Beautifulcurvy perché volevo mettermi alla prova e volevo trasmettere il messaggio di piacersi sempre, indipendentemente da come si è. Bisogna stare in pace con se stessi se si vuole essere felici. “

Cos’è per te Curvy Pride? “Curvy pride è un movimento che sta dalla parte dei “deboli”, che ci insegna che la diversità è solo un punto di forza. Ci insegna ad amarci per quello che si è. Ci insegna ad andare oltre le apparenze.”


BC Chiara Zanaica interpreta Dita von Teese (FILEminimizer).jpgAgosto: Chiara Zanaica interpreta Dita von Teese, provincia di Torino

Cos’è per te la bellezza? “Credo che la bellezza sia una luce interiore che ogni persona ha, sono le sue qualità, le sue doti. Quando la bellezza da dentro riusciamo a tirarla fuori accettando e riconoscendoci belli e unici per ciò che siamo allora diventiamo formidabili. Le persone intorno se ne accorgono ed è lì che riescono ad apprezzarci veramente per ciò che siamo non per quello che appariamo. Alla base di tutto questo però c è l amore per sé stessi. Per me questa è la più grande bellezza.”
Hai fatto il calendario perché..? “Ho fatto il calendario per dare voce alla mia storia. 25 anni di obesità patologia. Pesavo 140 kg un disturbo del comportamento alimentare (bed). Poi la dieta, la palestra ed eccomi qui. Perfetta nelle mie imperfezioni. Essere curvy per me non è una maschera per giustificare qualche kg in più ma è una vera conquista di salute e benessere. Sia fisico e soprattutto mentale e psicologico. Fare il calendario mi sta dando la possibilità di raccontare la mia storia. Di essere esempio e conforto per tutte le persone che si sono trovate nella mia situazione. Cambiando te stesso cambi il mondo!”
Quali sono i tuoi ideali? “I miei ideali sono tanti! Il più importante è forse la fiducia che ripongo nelle persone. Cerco sempre di guardare alla loro anima di parlare al cuore e di arrivare in profondità. Non mi basta la superficie. Ho bisogno di contenuti veri e li ogni persona ne è ricolma, alle volte lo si dimentica ma è così!
E io mi fido che piano piano tutti si apriranno a togliere barriere, ad arrivare alla vera inclusione che sia di genere sesso, razza, bellezza di diverse fisicità, alla tolleranza, alla gentilezza. Tutto questo è già in ognuno di noi basta solo portarlo fuori.”
Cos’è per te Curvy Pride? “Curvy Pride è per me un associazione che lavora in diverse forme a rendere il mondo un posto migliore. Dove amore e accettazione di ogni diversità possono esistere!”

BC Michela Ballarino interpreta Ashley Graham (FILEminimizer)Ottobre: Michela Ballarino, interpreta Ashley Graham, 28 Monza
Cos’è per te la bellezza?
“Per me la bellezza è amore per me stessa, quell’equilibrio tra psiche, cuore e corpo che nessuno può importi e che decidi di raggiungere come vuoi. È meravigliarti ogni giorno per quello che sei, così come sei. È desiderare con gioia il raggiungimento della versione migliore di te stessa. Per quanto riguarda l’immagine, la vedo un po’ come “energia” che puoi trasmettere e l’energia è una cosa impalpabile e potente che non ha nulla a che vedere con la taglia che indossiamo, il peso o le imperfezione che ognuno di noi può avere ma è qualcosa che viene da dentro, dalla convinzione che la tua bellezza è solo tua e non si deve conformare a quella di nessuno.”
Hai fatto il calendario perché..? Quali sono i tuoi ideali? “Ho deciso di partecipare al Calendario BeautifulCurvy perché è un progetto in cui mi ci sono subito riconosciuta molto e mi sono chiesta perché no? perché non io, in un momento storico in cui si sta cercando di abbattere i canoni di bellezza monolitico. Volevo mettermi in gioco in questo progetto, in primis per me stessa perché dopo un lungo percorso fatto su di me volevo vedere finalmente una Michela diversa. Ho partecipato anche per poter essere ambasciatrice di questo bellissimo progetto di valorizzazione della bellezza non stereotipata e per poter essere di aiuto a persone che sono ancora in conflitto con loro stesse e il proprio corpo. Vorrei essere portatrice di un messaggio positivo: Non bisogna vergognarsi di quello che siamo, bisogna amarsi, migliorarsi ogni giorno perché noi siamo unici nella nostra bellezza.”
Cos’ è per te Curvypride? “Curvy Pride per me oltre ad essere una magnifica associazione, che sostiene la lotta contro i disturbi del comportamento alimentare, è un vero e proprio stile di vita! Il messaggio di questo stile è: prendere coscienza della necessità di riappropiarsi della propria vita, del diritto di essere felici a prescindere dalla taglia che si indossa, perché questa ossessione per la ricerca di una perfezione estetica sta distruggendo fisicamente e me talmente migliaia di persona, dai più piccoli ai più grandi. Tante sono le iniziative dell’associazione per promuovere una sensibilizzazione, verso un obiettivo importante: il diritto a un’idea di bellezza che non discrimini e non crei modelli irraggiungibili e dannosi, per affermare la propria indipendenza verso condizionamenti esterni, circa il proprio aspetto fisico.”

BC Francesca Angelo interpreta  Claudia Cardinale (FILEminimizer).jpg
Novembre: Francesca Angelo interpreta Claudia Cardinale, Milano

Cos’è per te la bellezza? “Per me la bellezza è ciò che ci emoziona, quella esteriore è piacevole a vedersi, quella interiore ti conquista e sta nell’unicità di una persona, nella sua totale “diversità e particolarità” la bellezza è un’infinita di cose ma soprattutto è semplicità anche se la bellezza è soggettiva ed ognuno di ognuno di noi ha criteri diversi.”

Hai fatto il calendario perché? “Ho fatto il calendario di Beautifulcurvy, in quanto credo all’accettazione del proprio corpo, dimostrando che si puo’ essere belle a qualsiasi età, basta accettarsi trasformando i propri difetti in pregi, e dimostrare che la bellezza non ha taglia. Il mio personaggio all’interno del calendario è stato interpretare Claudia Cardinale, un’icona del grande cinema italiano, che continua ad accettarsi nonostante i suoi 81 anni non avendo mai fatto uso della chirurgia estetica. Il suo sguardo magnetico ed intenso ma allo steso tempo riservato, dove mi ritrovo molto in lei. Rimane una figura della sensualità femminile e dovrebbe servire ad esempio per molte donne.”

Quali sono i tuoi ideali? “Sinceramente io non ho dei veri e propri ideali anche se fondamentalmente sono una persona sognatrice, se dovessi scegliere adoro le persone che si vogliono bene e si valorizzano nonostante hanno dei difetti ma nonostante tutto si amano.”

Cos’è per te curvy pride? “Per me Curvy Pride è stata una conoscenza meravigliosa nella quale mi sento partecipe al 100% essendo referente di Milano. Insieme all’ associzione si cerca di proporre un’immagine della donna conforme alla realtà, perchè nessuno debba confrontarsi con i modelli possa vivere la propria bellezza e sentirsi in armonia con le proprie forma, ed accettasi sempre al di la della taglia che si indossa ma sempre in salute.”


BC Daniela Perrelli interpreta Ava Gardner (FILEminimizer).jpg
Dicembre: Daniela Perelli interpreta Ava Gardner, Genova
Sito Web: scrivereconamore
Cos’è per te la bellezza? “Per me la bellezza è un mix di difetti, difetti che ci rendono unici, che ci distinguono e ci rendono speciali.”
Hai fatto il calendario perché? “Ho partecipato al calendario per dare un messaggio a tutte le donne che non si sentono mai abbastanza, per far capire loro che è importante volersi bene, rispettare il proprio corpo e che non è importante la taglia che si indossa quando questa è portata da un nostro benessere fisico e interiore: che si indossi una taglia 38 o una taglia 48, non fa differenza. Sono perfette entrambe se frutto di noi stesse e non di imposizioni esterne.”
Quali sono i tuoi ideali? “Non ho un ideale in particolare, credo che ciò che ci rende davvero felici, nel rispetto di noi stessi e degli altri, sia il vero ideale.”
Cos’è per te Curvypride? “Credo sia un punto di incontro, un modo per confrontarsi e imparare, attraverso le nostre esperienze e di altri, a vivere con orgoglio le nostre peculiarità.”

ringraziamenti.jpg

DSC_1207BBB

Valentina Parenti (@momincolors ) sogna un mondo senza stereotipi di genere, positivo e attento all’integrazione sociale per questo è membro Curvy Pride, BodyPositiveCatWalk e da poco ha creato @FelicitàFormosa su Parma.

Valentina educa i suoi figli ad una “vita a colori” ed è il segreto della felicità #educareallafelicità.

contatti: parentivalentina85@gmail.com o qui


#GratitudeCurvy31 – 31 giorni di gratitudine

gratidude31

Da oggi 1 dicembre fino all’ultimo giorno dell’anno verranno pubblicati 31 spunti da ringraziare ogni giorno.

NON CI SONO REGOLE:  Vi invitiamo a riflettere ed eventualmente a partecipare seguendo il vostro cuore. Per 31 giorni potete postare nuove foto o usarne di già pubblicate aggiungendo l’hashtag #gratidudecurvy31 e taggandoci.

Siamo curiosi di leggere i vostri pensieri o di ammirare le vostre immagini, noi le reposteremo nelle stories .

A dicembre le parole come BEAUTY / FITNESS / CIBO non le troverete perché l’intento è proprio nel focalizzare i pensieri  su tutto c’ò che non è legato al fisico e all’ostentazione della bellezza ma nella bellezza che c’è intorno.

Andate sui profili social facebook e instagram oppure ricercando #gratitudecurvy31 e seguite il challenge. Vi aspettiamo.

 

regolamentogratidude31

 


DSC_1207BBB

Valentina Parenti (@momincolors ) sogna un mondo senza stereotipi di genere, positivo e attento all’integrazione sociale per questo è membro Curvy Pride, BodyPositiveCatWalk e da poco ha creato @FelicitàFormosa su Parma.

Valentina educa i suoi figli ad una “vita a colori” ed è il segreto della felicità #educareallafelicità.

contatti: parentivalentina85@gmail.com o qui


 

Cercare un lavoro, è un Lavoro!

Sono innumerevoli i portali di ricerca del lavoro: Monster, indedd, euspert, jobjoba, neuvoo, bakeka, profilcultura, linkedin, Experteer, Hostess, informagiovani, unimpiego ecc..

Ogni sito necessita di registrazione con l’inserimento di ogni dato personale, esperienze di lavoro, livello di istruzione, corsi, foto, curriculum in pdf. Ogni campo va aggiunto con tanto di dettagliata descrizione di mansioni e specifiche competenze. Il tempo medio di registrazione si aggira sull’ora e mezza.

Spesso da questi siti c’è il rimando alle agenzie interinali (adecco, lavorint, manpower, During, Synergie, Gi Group, MAW, La Risorsa Umana.it, Sinapsi grup, Randstad Italia, ecc) o al sito delle ditte nella sezione careers (Camts, Bartolini, MaxMara, Esselunga, Mondadori, Nestle, ecc) con la richiesta di inserire nuovamente dati anagrafici, esperienze lavorative, corsi, volontariato, occupazione desiderata ecc.. Tempo necessario un’altra ora.

Dopo la registrazione bisogna autorizzare l’email poi ritornare sul sito e candidarsi. Alcuni siti per aggiornare un dato ti fanno ripercorrere nuovamente tutte le voci per poi arrivare a quella di interesse. Modificata e salvata! Dopo la registrazione on line sui siti di agenzie interinali vi è giustamente la richiesta di un colloquio conoscitivo, che non è altro che la conferma di quello che hai scritto nero su bianco più la valutazione psicologica del candidato. Ad ogni opportunità dovrai comunque candidarti in autonomia per mostrare il tuo interesse all’agenzia stessa. Alcune agenzie interinali nemmeno ti contattano.

Ogni mattina l’appuntamento è con i quotidiani locali, per esempio il martedì della Gazzetta e con le newsletter. Si ricevono varie offerte, magari con le parole chiavi che hai inserito (part-time, full-time, parma, impiegata, commessa, hostess ec..) in fase di candidatura ti chiedono sempre una serie di dati + una lettera di presentazione. Certe informazioni vengono ripetutamente rischieste. Anche se ti sei candadata 2 minuti prima.

ricerca-di-lavoro-con-il-segno-di-lavoro_104165-18

Nel curriculum, dicevano, solo le esperienze più rilevanti, non deve essere troppo lungo; così non sai se mettere ogni mansione o creare 2500 cv in base alla candidatura che devi fare; probabibilmente deciderai di indicare le più significative.

Negli annunci: ti vogliono sotto i 29 anni. oppure dai 18 ai 25. Con esperienza, qualsiasi ruolo sia. Ma l’esperienza uno quando la dovrebbe fare?

“Sei sposata?” Hai figli?” ti chiedono in fase di colloquio. “A no, non si preoccupi non ci basiamo su quello, lei li ha già fatti” qualcuno dice: “è ancora in età per farne altri”. “Le donne stanno solo a casa”. “Vanno a scuola?” “le va bene orario 8-19 dal lunedì al sabato?” (devo scegliere tra carriera e famiglia?), quando ci sarà una legge per “obbligare” le aziende ad assumere mamme part-time di 4/6 ore?  Richieste conoscenze 4 lingue (inglese, spagnolo, tedesco, russo). Le chiediamo un periodo di prova di 6 mesi (sottopagato). Spesso uno stage. “Grazie, ma la babysitter è gratis?” Si è vestita in modo poco sobrio (leggera scollatura su un abito nero con 2/3 fiori rosso/arancio), per questa azienda il look è total grigio (tristezza)”. “Però, non le chiederemo di cambiare il colore dei capelli” ah giusto, rossi sono inadeguati per un’impiegata. Ma chi l’ha detto? Non ho percing ne tatuaggi ma se li avessi? Non è discriminazione? Valutiamo una persona veramente così? “Adesso le chiediamo di fare un calcolo con excel, poi di impaginare un finto capitolo di un libro. come si chiama questa figura geometrica? sa impostare una lettera? sa scrivere un’email? Ad una telefonata come risponde?” Sono nata nell’era delle corrispondenti francesi alle medie, mandavo cartoline, scrivevo lettere alle amiche, poi negli uffici, rispondo al telefono da prima della prima esperienza lavorativa con buongiorno, la saluto, arrivederci. Sono ancora nella generazione del “GRAZIE, PREGO, SCUSI.”

mamma-3-960

una locandina della campagna “MomsDon’tQuit” del 2017

Cerchiamo un grafico, ma che sia anche web designer e Videmaker, cerchiamo impiegata ma che sappia utilizzare anche il gestionale “xx”…  Ad un certo punto ti interroghi e ti chiedi se devi fare corsi di aggiornamento, così ti iscrivi a quelli gratuiti della Regione Emilia Romagna tramite enti accreditati (FormArt, Irecoop, Enaip, Google) in grado di lasciarti attestati. Serviranno? Ti richiedono disponibilità immediata. C’è! Ma per attestare la tua parola devi far richiesta della DID tramite lavoro-per-te e aggiungere lo storico lavori cosi possono valutare l’inquadramento economico con un commercialista! Alla fine uno stage!

Vi invito a vedere questo video: moms-dont-quit

banner-commerciali-impostate_1209-5

Ci lamentiamo dei social che separano le persone ma… abbiamo iniziamo a fare colloqui on line con video registrazione / presentazione magari appoggiandoci a società come easyrecrue.com. Di per se l’idea è buona ma il candidato medio non esperto di Video Maker si prepara, si veste elegantemente, sceglie un luogo in casa privo di distrazioni magari una parete bianca ma la luce è pessima non si vedono gli occhi, ne il loro colore e forse nemmeno le emozioni in compenso uno scontatissimo sorriso finto perché sta guardando se stesso riflesso e si domanda se sta per scattare un selfie?!?

Orienta, propone un test per individure le Skills trasversali. Sociopatico? Riservato? prigro? Astratto? Emotivo? Sopravvalutazione di se? QUINDI? Devo credere in me stesso ma con moderazione. Poi un grafico e delle percentuali rilevrà il profilo psicologico.

Non mi sento di dire cosa sia giusto o sbagliato, ci sono persone competenti per questo ma domandarsi cosa cercano o come “vendersi” nasce spontaneo.

Inoltre ci vorrebbe uniformità! Una volta registrati a europass in dati inseriti dovrebbero poter essere condivisi su altri siti in modo da riempire i campi automaticamente.

A un certo punto mi domando: Avete bisogno di qualcuno che si registri nella ricerca del lavoro per voi? 🙂


DSC_1207BBB

Valentina Parenti ( @momincolors ) sogna un mondo senza stereotipi di genere, positivo e attento all’integrazione sociale per questo è membro Curvy Pride e della BodyPositiveCatWalk. Da poco ha creato @FelicitàFormosa su Parma. Valentina educa i suoi figli ad una “vita a colori” ed è il segreto della felicità #educareallafelicità.

Pizza e curve – Parma

Referenti: Valentina Parenti (I ,II, III ed.) & Beatrice Coccioli (III ed.)

Città #Pizzaecurve: Parma

contatti: parentivalentina85@gmail.com & beatrice.coccioli@libero.it / facebook “Valentina Parenti Ferrari” & “Beatrice Coccioli” / instagram “momincolors” & “_becky_91

42656938_2071648966208332_2300196793666764800_o

 

collage Gazzetta di Parma I ed. Settembre 2018

 

L’evento Pizza e curve a Parma si svolge per la III edizione. Valentina, alla prima ed. su Parma (settembre 2018) riesce a coinvolgere solo 5 donne, perlopiù amiche; nella seconda ed. (fabbraio 2019) si sono aggiunge antre ragazze tra le quali Beatrice con la quale a luglio ha ideato “felicitàformosa“: un gruppo di donne che si mettono in gioco sfilando e divulgando l’amore per il proprio corpo; e grazie a questa bellissima amicizia e collaborazione hanno organizzato insieme la terza ed. raggiungendo il numero di 24 partecipanti.

La serata si è svolta in allegria, oltre ai gadget in fucsia (6 estrazioni) da regalare in riffa, c’era un cruciverba curvy, una frase da completare insieme e una canotta con l’hahstag #PIZZAECURVE vinta dalla new entry della serata Ursula!

L‘album completo delle foto della serata: qui.

Beatrice: “questo è il primo anno da referente, è iniziato tutto dall’aiuto di Valentina con la quale mi sono conosciuta proprio durante la scorsa edizione, un’insieme di idee in continua evoluzione che stanno portando a rendere ogni evento indimenticabile. Proprio come la serata del 18 ottobre scorso, un bel gruppo di persone attivo e partecipe per portare avanti un messaggio importante. Abbiamo messo le basi per creare un prossimo evento divertentissimo e coinvolgente destinato a crescere e diventare sempre più emozionante.

IMG-20191018-WA0040Le referenti si Raccontano:

Beatrice: Amante del ballo e giocatrice di calcetto, un portiere che sogna il calcio a 11 fin da bambina. Nella vita sono commessa in un negozio di abbigliamento curvy e non solo. Nel tempo libero partecipo a sfilate e concorsi. Il mio motto è “non dire mai che i sogni sono inutili perché inutile è la vita di chi non sa sognare” ed è con questo pensiero che ho sempre affrontato la passerella.

Valentina: Amante del disegno e della grafia e di tutte le decorazioni possibili. Nella vita è mamma di due bambini maschi  e nel tempo libero organizza piccoli eventi o crea. Il suo motto è #educareallafelicità con il quale spera di educare i suoi figli.

Perché partecipare?

Valentina: E’ un’occasione per staccare la spina, fare nuove amicizie, vestirsi di fucsia, ridere e scherzare. E’ un modo giocoso per dirsi e dire che siamo belli tutti a prescindere da età, peso, colore. Non è un evento “femminista” possono partecipare anche gli uomini è una serata per liberarsi dagli stereotipi di genere.

Beatrice: partecipare a questo evento serve ad aiutare il mondo di curvy pride alla divulgazione della pluralità della bellezza, nel mentre di nuove conoscenze.

Come siete venute a conoscienza di CurvyPride e cosa è per voi?

Beatrice: Ho conosciuto curvy pride tramite il concorso “miss curvyssima” e incuriosita da questa sponsorizzazione ho iniziato a seguirlo. Tramite Valentina ho approfondito le conoscenze diventandone poi socia. Curvy pride è un riferimento sempre presente anche negli eventi che organizziamo come “felicitàformosa”.

Valentina: “CurvyPride per me è come una “mamma”, mi ha accolto e sostenuto fin dall’inizio. A Settembre 2018 avevo bisogno di rinascere dopo una serie di eventi spiacevoli e quasi un esaurimento nervoso e curiosando sul web ho incotrato questa associazione. In un anno mi ha regalato esperienze che mi hanno resa più forte, nuove amiche come Beatrice, serate spensierate, e maggiore autostima ovvero più amore per me stessa.”

frasipizzaecurveA

Valentina e Beatrice avete un consiglio?

Valentina: “Bisogna prendere la vita col sorriso e positività. Non è sempre facile ma un sano egoismo e leggerezza ci permette di stare bene e non di farci travolgere dalla forza degli eventi che ci circondano”.

Beatrice:AMATI E PRENDITI CURA DI TE, qualunque sia la tua forma fisica, una sana alimentazione e attività fisica ti aiuteranno a volenti bene. “


DSC_1207BBB

Valentina Parenti ( @momincolors ) sogna un mondo senza stereotipi di genere, positivo e attento all’integrazione sociale per questo è membro Curvy Pride e della BodyPositiveCatWalk. Da poco ha creato @FelicitàFormosa su Parma. Valentina educa i suoi figli ad una “vita a colori” ed è il segreto della felicità #educareallafelicità.

MindFul eating – mangiare consapevolMENTE!

A Parma la  Dott.ssa Lara Ferrari Psicologa e Psicoterapeuta ci racconta il  Mindful Eating attraverso approfondimenti e domande specifiche, con l’occasione le abbiamo chiesto anche consigli per #PIZZAECURVE!!

Mindful-Eating-650px-1-620x439

Mindful Eating un modo di mangiare che ci aiuta a fare pace con il cibo ed il nostro corpo

Relazione con il cibo e benessere
Essere attenti a quello che si mangia è ormai un atteggiamento molto diffuso. L’enfasi con cui nella nostra società si parla alimentazione e dieta, assieme ai canoni perfezionistici di bellezza sempre più diffusi ed imperanti ci stanno però portando a sviluppare una relazione ansiosa con il cibo, allontanandoci da un rapporto genuino ed immediato con il nostro corpo ed i suoi bisogni e spingendoci verso atteggiamenti rigidi, perfezionismo e ricerca del controllo.
Inoltre, il nostro stile di vita attuale è sempre più veloce ed intenso ed anche il momento del pasto il più delle volte è frettoloso. Si mangia spesso in modo automatico, senza quasi rendersi conto di cosa, quanto e come si stia mangiando. Si mangia di fretta, chiacchierando con qualcuno, oppure leggendo qualcosa, controllando le notifiche sul telefonino, guardando la televisione o seguendo i propri pensieri…
In tutte queste situazioni non si presta attenzione all’esperienza che si sta vivendo.
Non soltanto, qualche volta può anche capitare di non sapere perché si stia mangiando, se per necessità del corpo, per abitudine, per gestire lo stress o emozioni difficili, per noia o altro… Al di là di conclamati Disturbi del Comportamento Alimentare, sempre più diffusi, sono molte le persone che soffrono di episodi di Emotional Eating (fame nervosa) e che hanno una relazione con il cibo ed il proprio corpo difficile e dolorosa.

felicita-degli-amici-che-gode-del-concetto-di-cibo-di-dinning_53876-72932

Che cos’è la Mindful Eating
La Mindful Eating non è una dieta, non ti dice cosa e quanto mangiare.
È piuttosto un modo di vivere la relazione con il cibo basato sulla consapevolezza, che si sofferma quindi sul come mangiare. Vivere il momento del pasto in modo consapevole porta innumerevoli benefici e, per farlo, il primo passo è ascoltarsi.
Ascoltare il cuore, la mente e il nostro corpo.
Mangiare in modo mindful significa essere pienamente presente di fronte a ciò che stai mangiando, consapevole di ogni morso e di ogni sorso in modo da poter apprezzare pienamente a livello sensoriale il cibo, porre maggiore attenzione a quello che mangi e riconnetterti con i bisogni del tuo corpo.
Un momento spesso frettoloso e superficiale come quello del pasto, dominato dal “pilota automatico”, viene così trasformato in un’esperienza piena e consapevole.
Con la Mindful Eating puoi scoprire la bellezza di ogni gesto, la sua importanza e portare piena attenzione all’atto di mangiare, soffermandoti su sapori e profumi, ma notando anche i pensieri e le emozioni che emergono e ti coinvolgono quando mangi.
Quali sono i vantaggi di questo approccio?
Imparando a mangiare con consapevolezza, tutto il cibo sembrerà infinitamente più buono e gustoso e così, essendone appagato/a molto prima, ti basterà mangiarne meno. Ma questo non è il solo vantaggio. La Mindful Eating ti insegna anche a non giudicare il tuo cibo (ma anche te stesso ed il tuo corpo!), a non classificarlo in categorie (es. “cibi buoni” e “cibi cattivi”). Il cibo è uno dei più grandi piaceri della vita ed il piacere fa bene alle persone, è sano e ci tiene in salute!
Praticando questo approccio impari, passo dopo passo, che non ci sono cibi proibiti: liberandoti da schemi rigidi di pensiero, restrizioni ed imposizioni, puoi scoprire cosa realmente ti piace e come mangiarlo in modo che ti faccia stare bene.
Puoi sviluppare un atteggiamento di auto indulgenza e compassione che apre la strada a nuove possibilità di cura e cambiamento, libero/a dal senso di colpa e dal “critico interiore”.

ragazza-granola-miele-blu-bianco-naturale_1428-679


Mindful Eating e relazione con il corpo
Nell’approccio della Mindful Eating al cibo, si affronta anche il tema della relazione con il proprio corpo, in una prospettiva che potremmo definire di Body Neutrality.
Un tema importante che viene affrontato nei corsi di Mindful Eating è quello della gratitudine, sia verso il cibo che verso il corpo.
Attraverso la pratica della gratitudine, impari a vedere il corpo come il mezzo che ti permette di fare tutte le esperienze della vita, piuttosto che la rappresentazione della tua autostima. Purtroppo nella nostra società viene data molta importanza all’aspetto e sono numerosissimi i messaggi (tv, giornali, film, social media..) che propongono e sostengono un unico, spesso inarrivabile, ideale di bellezza. Ma il messaggio ancora più grave che viene trasmesso è che la bellezza sia un valore centrale, indispensabile per essere felici, accettati e avere successo.
In realtà è molto importante combattere questo tipo di messaggi, perché possono portare allo sviluppo di un’immagine di sé negativa ed anche a problematiche legate all’alimentazione. Un fattore altrettanto importante da contrastare è senz’altro quello del body shaming, vale a dire la derisione di una persona per una o più caratteristiche del suo aspetto, come per esempio l’essere grasso (fat shaming) o l’avere un naso grande o essere basso…
Per creare una nuova cultura del corpo, basata sull’accettazione delle differenze e sul non giudizio, è necessario diffondere l’idea che i corpi sono molto più di quella che è la loro forma o apparenza, sono strumenti di azione e sensazione e che l’aspetto fisico è soltanto uno degli elementi che ci caratterizzano come individui e ognuno di noi è davvero molto di più della sua apparenza esteriore.

pizzaecurve25gen.jpg


“Consigli Mindful” per godersi la pizza del 18 ottobre
Mangiare in modo mindful non è difficile, non richiede tempo in più rispetto a quello di un normale pasto e ti permette di assaporare veramente quello che mangi.
Impegnati a goderti in modo mindful la PIZZA!

Inizia ad essere mindful già dalla scelta della pizza. Chiediti qual scelta è la migliore per te in questo momento.
Respira e ascolta il tuo corpo per essere consapevole del tuo livello di fame prima di mangiare. Fai qualche respiro profondo e rilassati.
Accendi i sensi. Il momento del pasto è un’esperienza multisensoriale da vivere con i cinque sensi. Osserva il cibo che c’è nel piatto, toccalo con le mani, con le labbra e con la lingua. Cogli il profumo e la consistenza prima di deglutirlo. Puoi dare il primo morso a occhi chiusi, per focalizzarti sul gusto, senza le distrazioni della vista.
Rallenta. Rallentare mentre stai mangiando ti aiuta ad essere consapevole di quando la fame fisiologica è soddisfatta e ti permette di goderti il cibo in modo più completo.
Semplici consigli per aiutarti a rallentare:
– metti giù la forchetta o il cucchiaio tra i bocconi;
– fermati e prendi un respiro tra i bocconi,
– mastica completamente il cibo.
Ringrazia. Prenditi un momento per apprezzare il tuo pasto ed essere grato per averlo, spesso lo diamo per scontato. Ringrazia chi ha lavorato facendosi sì che il tuo cibo potesse arrivare sulla tavola e ricordati che il cibo non è un nemico, ma un dono di cui devi essere grato ogni giorno!
Controlla il tuo livello di fame durante il pasto. A metà del pasto controlla di nuovo il tuo livello di fame; potresti scoprire di non avere più fame o di non trovare più appetitoso il cibo, anche se nel tuo piatto ce n’è ancora. Datti il permesso di fermarti o di continuare sulla base di quanto sei affamato.
Mastica bene. Nota cosa succede al cibo mentre mastichi. Quanto ci vuole per masticare a fondo il cibo prima di inghiottirlo? Riesci a percepire che la fame comincia a dissolversi? Mastica bene ogni morso prima di prendere altro cibo.
• Goditi quello che mangi. Per goderti il tuo cibo devi essere pienamente presente all’esperienza del mangiare così da poter cogliere il piacere che essa può portare.


Contatti:
Dott.ssa Lara Ferrari – Psicologa, psicoterapeuta cognitivo-comportamentale
Via F. Bocchialini, n.4 43125 Parma
327 7665418 – info@laraferraripsicoterapeuta.it
http://www.laraferraripsicoterapeuta.it


DSC_1207BBB

Valentina Parenti ( @momincolors ) sogna un mondo senza stereotipi di genere, positivo e attento all’integrazione sociale per questo è membro Curvy Pride e della BodyPositiveCatWalk. Da poco ha creato @FelicitàFormosa su Parma. Valentina educa i suoi figli ad una “vita a colori” ed è il segreto della felicità #educareallafelicità.

Gli #hashtagcurvy 2019 bannati da Instagram

Non vanto certo di un numero di follower da influencer ma nel mio piccolo e ristretto mondo di visualizzazione avevo notato un calo delle visite, dei likes, dei seguaci.. e allora dopo una conversazione in chat ci ho visto chiaro!

ATTENZIONE perché alcuni hashtags censurati da IG sono davvero insospettabili, ad esempio “#CURVY”? Lo avresti immaginato? Utilizzare hashtags bannati, può esporti a dei rischi; potresti ricadere nello shadowban e restarci sino a quando non avrai adottato le corrette contromisure e il consiglio che ho letto è di prevenire.

Se hai notato un calo dell’engagement come me e non riesci a spiegarti la ragione prova a guardare gli hashtag dei post passati. Uno, o di più, potrebbero essere stati bannati da Instagram e ciò avrà comportato una diminuzione drastica dei likes e dei commenti perché ne è sufficente 1 SOLO per oscurare la foto nelle ricerche e apparire solo a chi ti segue. Il consiglio è munirti di santa pazienza e rimuoverlo/li DA TUTTE LE FOTO.

Alcuni degli hashtag sono: #bodylove #curvyisnotacrime #bodypositivecatwalk #bbw #eveybodyisbeautiful #curvy #curvygirls #fitnessgirls #lingerie #laurabrioschiprogect #yourself #bikinibody #followforfollow #like #likeforlike #models #costumes.. ecc.

se è presente la dicitura: “I post recenti di #bodypositivecatwalk al momento sono nascosti perché la community ha segnalato alcuni contenuti che potrebbero non rispettare le linee guida della community di Instagram” è meglio non utilizzarlo.

WhatsApp Image 2019-08-31 at 20.01.20

Per verificare se l’account generale è oggetto di limitazioni puoi mettere un hastag poco seguito in una foto, accedere ad Instagram con un altro profilo che non segue il tuo e digitare l’hashtag che hai scelto. Se la foto che hai appena pubblicato non compare nei contenuti recenti allora sei sotto penalizzazione. Potrebbe trattarsi di Shadow ban, ma non necessariamente.

Come uscire dalla penalizzazione Instagram shadowban:

  • Non superare il limite di hashtag (che è di 30)
  • Non ripetere mai gli stessi hashtag sotto ogni foto, specie se sono hashtag generici e molto popolari
  • Revoca gli accessi ad app esterne o a BOT
  • Cessa tutte le operazioni (like, follow e direct) per 1 o 2 giorni
  • Elimina post o stories che contengono hashtag che possono destare sospetto a Instagram
  • Se hai un profilo business passa a quello personale per poi ripassare dopo qualche giorno nuovamente a quello business

Se vi chiedete quale sia il motivo che ha spinto instagram a prendere questi provvedimenti è che diverse parole hashtag nel corso del 2019 hanno prodotto un notevole spam, teoricamente ban temporanei, e in questo modo vorrebbe arginare la visibilità di contenuti, migliorando la qualità per offrire agli utenti un servizio migliore.

Solitamente sotto la lente di ingrandimento di Instagram finiscono hashtags molto popolari, per questa ragione diventa ancora più importante verificarne la popolarità e il significato usato all’interno di Instagram prima della pubblicazione.


DSC_1207BBBValentina Parenti ( @momincolors ) sogna un mondo senza stereotipi di genere, positivo e attento all’integrazione sociale per questo è membro Curvy Pride e della BodyPositiveCatWalk. Da poco ha creato @FelicitàFormosa su Parma. Valentina educa i suoi figli ad una “vita a colori” ed è il segreto della felicità #educareallafelicità.

CASTING – Intervista a Barbara Christmann di BeautifulCurvy

E’ nuovamente possibile candidarsi per far parte del progetto “Calendario BeautifulCurvy” qui.  I requisiti per provare a far parte dell’ottava edizione di questo bellissimo progetto di valorizzazione delle curve femminili sono avere età compresa tra i 18 e i 38 anni, portate una taglia dalla 44 in su, proporzionate, un altezza minima di 1.65m e con una storia da raccontare. Per candidarsi è opportuno inviare un’email a barbie.christmann@gmail.com entro il 13/07/2019 allegando una foto del viso e una del corpo intero (non nudo) e vostro cellulare. Il casting avverrà il 20 luglio a Milano, e non sono previste altre date, salvo in cui la redattrice di moda Barbara Christman non trovi le ragazze giuste, pertanto vi consiglio di non prendere appuntamenti per questa data! E siate simpatiche e positive, scherzate con voi stesse!

“Il progetto del calendario è rivolto ad aiutare le ragazze a sentirsi bene e a trasmettere messaggi positivi ad altre ragazze per amarsi e accettarsi di più. Poi c’è chi vuole diventare una modella curvy e senz altro il calendario regala una grande visibilità visto xhe esce su giornali siti televisione e radio. La mia intenzione è di sensibilizzare le persone per fare capire che non esiste un solo canone di bellezza. Inoltre è importante mostrare che ci si può vestire fashion e senrirsi belle con qualche chilo in più.”

Delle edizioni passate ci sono ragazze che hanno poi avuto altre occasioni dopo il tuo calendario?

Ci sono alcune ragazze che hanno partecipato a Miss Italia come Paola Torrente che poi ha vinto il secondo posto”

Puoi svelarci qualche anteprima? o stai ancora progettando outfit e pose?

La parte creativa parte dopo la selezione delle ragazze e dipende anche dalla quantità di sponsor che partecipano. Non sono un azienda, ma una redattrice di moda che si dedica da molti anni a un settore preso poco in considerazione dalla moda e porta avanti un progetto in cui crede…

calendario_2019

Infine.. un messaggio per le amiche di Curvy Pride?

Un messaggio per le amiche del curvy pride.. Credete nei vostri sogni e impegnatevi a raggiungerli. La vera bellezza di una persona è un equilibrio tra anima e corpo che traspare dagli occhi.. Grazie


Valentina DSC_1207BBBParenti ( @momincolors ) sogna un mondo senza stereotipi di genere, positivo e attento all’integrazione sociale per questo è membro Curvy Pride e della BodyPositiveCatWalk. Valentina educa i suoi figli ad una “vita a colori” ed è il segreto della felicità – #educareallafelicità.